If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Formazione dei cicloni tropicali nell’oceano Indiano e Pacifico

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: METEOROLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Cicloni tropicali

 

Quest’estate le temperature della superficie del mare nell’Oceano Pacifico occidentale sono state estremamente calde. Gran parte del Mar delle Filippine e del Mar Cinese Meridionale hanno registrato temperature dell’acqua superficiale del mare di quasi 32 °C. I meteorologi sanno che questa condizione è estremamente favorevole ad un’intensificazione esplosiva dei fenomeni atmosferici che possono portare alla formazione di cicloni tropicali, le cui tempeste convettive traggono vantaggio dai mari caldi sottostanti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pacific-typhoon-season-2021-in-fa-taiwan-sea-surface-temperature-1024x356.jpg

Non è stato un caso isolato, la tendenza di questi ultimi anni ha mostrato un aumento delle temperature superficiali marine dall’oceano indiano, attraverso il Mar Cinese Meridionale verso tutti i mari orientali. In particolare quest’anno le anomalie più elevate si sono osservate intorno al Giappone e in tutto il Pacifico nordoccidentale, con un innalzamento delle acque superficiali del Mare delle Filippine di circa 2 °C al di sopra della media normale. Può sembrare poco ma gli effetti sul meteo locali sono evidenti.

Cosa comportano queste variazioni?
Come abbiamo premesso, l’innalzamento anomalo delle temperature del mare favorisce lo sviluppo esplosivo di tempeste tropicali che generano cicloni tropicali devastanti. La genesi di questi fenomeni, che colpiscono le coste con forti venti e alluvioni nell’entroterra, in realtà incomincia nelle acque profonde degli oceani.

Il meccanismo è complesso, possiamo semplificarlo dicendo che più spessi sono gli strati caldi marini, più energia è disponibile per dare forza a queste tempeste.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pacific-typhoon-season-2021-in-fa-taiwan-madden-julian-oscillation-1024x693.png

MJO, Madden-Julian Oscillation descrive, su larga scala, l’interazione tra la circolazione atmosferica e la convezione atmosferica profonda tropicale.

Il riscaldamento dei mari coincide con un altro fattore meteorologico che ha un enorme effetto sull’attività dei cicloni tropicali in tutto il mondo, noto come MJO, Madden-Julian Oscillation che descrive, su larga scala, l’interazione tra la circolazione atmosferica e la convezione atmosferica profonda tropicale. Questo fenomeno meteorologico di lunga durata comporta un’importante variabilità intra-stagionale (da 30 a 90 giorni) nell’atmosfera tropicale. Il fenomeno fu scoperto nel 1971 da Roland Madden e Paul Julian dell’American National Center for Atmospheric Research (NCAR). A differenza dei modelli statici, come il più noto El Niño-Southern (ENSO), quello di Madden-Julian è un modello dinamico che si propaga nel tempo attraverso l’atmosfera, al di sopra delle parti calde degli oceani Indiano e Pacifico verso est, a circa 9-18 mph.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pacific-typhoon-season-2021-in-fa-taiwan-mjo-wave-1024x854.png

Il grafico, fornito da Michael J. Ventrice, Ph.D. rappresenta l’MJO della scorsa estate 2021 con le anomalie  del VP200 * e la previsione di una settimana prima. In particolare, i colori blu (freddo) indicano condizioni più favorevoli per lo sviluppo dei cicloni tropicali, mentre i colori rossi (caldi) sono rappresentativi di uno stato meno favorevole per la ciclogenesi tropicale. * VP200 indica un potenziale di velocità (VP).  Le anomalie VP negative (ombreggiate in blu nel diagramma) sono strettamente legate al deflusso divergente dalle regioni convettive.

L’oscillazione di Madden-Julian è molto variabile, con lunghi periodi di forte attività seguiti da periodi in cui l’oscillazione è debole o addirittura assente. Si è scoperto che la variabilità interannuale della MJO è in parte legata al ciclo El Niño-Southern Oscillation (ENSO).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nino-atmospheric-forces-and-winds-climatology-chapter-58-638.jpg

El Niño-Southern Oscillation (ENSO) è una variazione periodica irregolare dei venti e delle temperature della superficie del mare sull’Oceano Pacifico tropicale orientale

Il Niño-Southern Oscillation (ENSO) è una variazione periodica irregolare dei venti e delle temperature della superficie del mare sull’Oceano Pacifico tropicale orientale che sappiamo ha un forte influenza sul clima di aree tropicali e subtropicali. In particolare, la fase di riscaldamento della temperatura del mare è conosciuta come El Niño mentre quella di raffreddamento La Niña. C’è molto da raccontare su questi fenomeni ma ci torneremo presto per parlare delle previsioni per questo autunno-inverno che si presentano interessanti per tutta la costa occidentale del sud america.

Tornando al MJO si è osservato che una forte attività MJO è stata osservata da 6 a 12 mesi prima dell’inizio di El Niño, mentre è praticamente assente quando El Niño è ai suoi massimi.

In termini pratici, quando abbiamo la presenza del MJO ci si aspetta la genesi di precipitazioni anomale e copiose come quelle avvenute sulla Cina nell’agosto scorso, che preoccuparono non poco gli organizzatori delle olimpiadi di Tokio causando la modifica di alcuni calendari di gara. Queste precipitazioni nascono sull’Oceano Indiano occidentale e si propagano poi sulle calde acque oceaniche del Pacifico tropicale occidentale e centrale fino ad attenuarsi sulle acque oceaniche più fredde del Pacifico orientale, scatenando tutta la loro violenza sulle acque più calde della costa del Pacifico dell’America centrale. La fase umida, con maggiori precipitazioni, è caratterizzata da particelle d’aria divergenti (ascendenti), e viene seguita da una fase secca con particelle d’aria questa volta convergenti (discendenti) in cui viene soppressa l’attività temporalesca. 

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è state-of-the-climate-2016-ocean-heat-content-map-1024x576.png

rappresentazione dell’OCEAN HEAT CONTENT nel 2016

Un altro indice che può farci prevedere la formazione e soprattutto l’intensificazione dei cicloni tropicali è l’Ocean Heat Content (OHC) che misura l’energia assorbita dall’oceano (energia interna o entalpia). Variazioni nel contenuto di calore dell’oceano giocano un ruolo importante anche nell’innalzamento del livello del mare a seguito dell’espansione termica.

È stato calcolato che, a causa del riscaldamento globale, l’aumento dell’OHC ha contribuito, tra il 1971 e il 2010, per il 90% all’accumulo di energia, propagandosi per oltre il 33% fino a profondità del mare inferiori a 700 metri. Onde di calore con temperature maggiori sono state anche responsabili dello sbiancamento dei coralli (coral bleaching) nell’ultimo decennio.

In sintesi, grazie all’osservazione degli oceani è possibile prevedere anche a lunga scadenza fenomeni meterologici di forte impatto sull’ambiente. Grazie ai satelliti, oggi come oggi, possiamo avere dati costanti sull’andamento termico degli oceani che possono essere correlati e fornire nuove armi ai meteorologi per le loro previsioni a media e lunga scadenza

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 38 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »