Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Cosa comporterà il ritorno della Niña nell’oceano Pacifico?

tempo di lettura: 6 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: METEOROLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: INDO PACIFICO
parole chiave: ENSO, clima, oceano

 

Abbiamo introdotto l’argomento in un precedente articolo ed abbiamo ricevuto molte domande interessanti. Tra le tante, perché dobbiamo preoccuparci dell’andamento del tempo meteorologico dall’altra parte del mondo?

Sebbene le regioni geografiche che risentono maggiormente degli effetti del El Niño sono quelle dell’oceano Pacifico tropicale si è osservato che il riscaldamento delle acque, provocando uno scompenso della normale circolazione atmosferica anche in aree con una maggiore attività dei cicloni extra-tropicali, portano il maltempo anche sull’Europa.

In particolare, durante gli episodi di “El Niño“, si ha un incremento delle precipitazioni sulla area geografica che va dalla Francia alla Germania (nord europa), passando per le regioni settentrionali del Nord Italia fino al comparto Balcanico. Ovviamente queste influenze sul clima valgono anche con il fenomeno opposto della Nina che, come vedremo, si riaffaccia per il prossimo autunno ed inverno.

Ma perché fenomeni tropicali come il Nino e la Nina possano influenzare il clima invernale in tutto l’emisfero settentrionale?

Per rendere l’argomento il più semplice possibile, partiamo dall’ENSO, abbreviazione di “El Niño Southern Oscillation“, una regione dell’oceano nel Pacifico tropicale, che alterna fasi calde e fredde, chiamate rispettivamente El Nino e La Nina. ENSO ha un impatto importante sui modelli di convezione tropicale e sulla complessa interazione del sistema oceano-atmosfera. Una dettagliata analisi della situazione è stata fornita da  www.severe-weather.eu.

L’immagine seguente mostra le regioni ENSO nel Pacifico tropicale. Le regioni principali sono la 3 e la 4 e insieme coprono gran parte del Pacifico tropicale. La maggior parte delle previsioni e delle analisi si basa su una combinazione di entrambe le regioni, rappresentata nell’immagine come regione Nino 3.4. La regione 3 copre il Pacifico tropicale orientale, mentre la regione 4 copre le parti centrale e occidentale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è METEO-640px-Enso-index-map.png

Mappa di varie regioni del Pacifico i cui indici sono utilizzati per misurare la forza di un ENSO identificate da indici numerici:  1: [10S, 5S] e [90W, 80W] 2: [5S, Equatore] e [90W, 80W] 3: [5S, 5N] e [90W, 150W] 4: [5S, 5N] e [150W, 160E] 3.4: [5S, 5N] e [170W, 120W]. Ogni indice ha proprietà diverse; Nino 3.4 è quella più comunemente usato – autore William M. Connolley Enso-index-map.png – Wikimedia Commons

Ogni fase dell’ENSO ha un effetto diverso sul tempo ai tropici e sulla circolazione generale e quindi ha un impatto diverso sul tempo in tutto il mondo. Una fase specifica (freddo/caldo) si sviluppa solitamente nella tarda estate e nell’autunno e può durare fino all’estate successiva, o anche fino a due anni in alcuni casi. Come avrete capito la fase ENSO fredda viene chiamata La Nina e la fase calda El Nino.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è el-nino-2015-ocean-temperature-anomaly-pacific-ocean-1024x679.png

2016 con temperature superficiali maggiori della media – NOAA

L’immagine qui sotto del NOAA Climate mostra la circolazione tipica durante una fase ENSO fredda. L’aria scende nel Pacifico orientale, causando un clima stabile e secco, mentre l’aria sale nel Pacifico occidentale, causando frequenti temporali e abbondanti precipitazioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è la-nina-watch-autumn-winter-weather-tropical-pacific-temperature-anomaly-analysis-1024x683.png

2021 con temperature superficiali minori della media – NOAA 

In questo modo, l’ENSO ha un impatto importante sulle precipitazioni tropicali e sui modelli di pressione e ha un impatto sul sistema di feedback oceano-atmosfera. Attraverso questo sistema oceano-atmosfera, l’influenza dell’ENSO è distribuita a livello globale. Di solito osserviamo un cambiamento globale nei modelli di pressione durante l’emergenza e la durata delle fasi ENSO.

L’attuale analisi delle anomalie oceaniche globali rivela un raffreddamento nel Pacifico tropicale nella regione ENSO 3.4. La forma “ondeggiante” delle anomalie fredde indica che questo raffreddamento è nelle sue fasi iniziali. Alcune delle anomalie del freddo sono in realtà gli avanzi della forte Nina che è durata dallo scorso autunno e durante l’inverno 2020-2021, finendo questa primavera. L’immagine seguente ci mostra l’andamento della temperatura nelle regioni ENSO, dove è possibile vedere la fase La Nina nel 2020/2021, che si concluderà questa primavera.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è la-nina-watch-autumn-winter-weather-temperature-enso-progress-graph-1024x682.png

Variazioni mensili delle temperature superficiali nella zona Nino 3.4 nel periodo 2020-2021 – NOAA 

Ciò che è  interessante notare è che spesso fenomeni di Nina del primo anno continuano ad evolversi in una seconda Nina la stagione seguente. Questo è esattamente ciò che ci aspettiamo di vedere quest’anno, poiché sta emergendo un nuovo raffreddamento nella regione dell’ENSO. L’attuale raffreddamento è stato abbastanza consistente e persistente nelle ultime settimane.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è la-nina-watch-autumn-winter-weather-enso-temperature-graph-1024x724.jpg

temperature superficiali nel programma di monitoraggio delle barriere coralline – NOAA

L’immagine seguente ci mostra le temperature della superficie del mare nella regione principale di ENSO 3.4. Possiamo vedere un calo costante della temperatura dall’inizio di luglio, che dovrebbe continuare con un certo riscaldamento intermittente nel mezzo. Di seguito l’andamento nei vari mesi delle regioni ENSO che mostrano le anomalie in via di sviluppo, legate ai modelli di pressione che stanno nuovamente cambiando, contribuendo al raffreddamento dell’oceano a causa del vento. Guardando indietro all’autunno del 2020 si osservano le anomalie del freddo attraverso l’Oceano Pacifico equatoriale che hanno raggiunto un apice tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre 2020.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è global-ocean-temperature-anomaly-analysis-july-2021-1024x683.png

Se osserviamo le attuali temperature, si osserva una “lingua fredda” che si estende dal Sud America verso ovest, direttamente attraverso l’equatore. In questa regione le acque superficiali sono sempre più fredde delle regioni circostanti, ma durante un evento della Nina possono essere fino a 4°C più fredde del normale.

L’immagine successiva in basso mostra una sezione trasversale per profondità lungo l’equatore nell’Oceano Pacifico, dal lato asiatico a sinistra al Sud America a destra. Il profilo verticale completo sulle regioni ENSO rivela l’anomalia della temperatura dell’oceano in base alla profondità dove si notano che le anomalie più forti si trovano tra 50 e 150 metri sotto la superficie.

È abbastanza evidente come ci fossero effettivamente temperature oceaniche più calde del normale sotto la superficie questa primavera. Questo fino a quando si incominciò a osservare il raffreddamento a circa 50-100 metri sotto la superficie dell’oceano. L’ultima analisi mostra che il raffreddamento sta continuando costantemente. La grande massa fredda si estende ora più a ovest e si spinge più in profondità, raggiungendo la fascia tra i 50 ei 150 metri di profondità.

Questo fa prevedere un forte sistema di alta pressione nel Pacifico settentrionale che influenzerà le correnti a getto, creando un sistema di bassa pressione sul Canada occidentale e sugli Stati Uniti nordoccidentali ed un sistema di alta pressione sulla Siberia nordoccidentale. Ciò può avere un ruolo importante nel modello invernale europeo, poiché potrebbe portare una pressione inferiore del normale su gran parte dell’Europa nord continentale, il che significherebbe un inverno più freddo. Nell’Europa meridionale l’influenza dell’ENSO potrebbe essere però modificata dai modelli di pressione nel Nord Atlantico e nelle regioni polari. 

 

in anteprima l’alternarsi del Niño e Niña. L’altezza di ciascuna barra è determinata dal cambiamento di temperatura per quel periodo di tempo e il colore della barra è determinato dalla categoria di intensità di El Niño e La Niña in quel periodo. Per maggiori informazioni seguire il link seguente – autore RCraig09
Global surface temperature bar chart – bars color-coded by El Niño and La Niña intensity.svg – Wikimedia Commons

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 321 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia Contemporanea
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
4 visitatori online
4 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:17 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x