If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Simon, able seacat: la storia dell’unico gatto decorato per meriti di guerra in mare

Reading Time: 6 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: YANGTSE
parole chiave: HMS Amethyst, Simon, PDSA Dickin

 

Chi ha detto che i protagonisti del mare devono per forza avere due gambe?
Oggi raccontiamo una bella storia del mare che vide come protagonista un gatto. Per quanto possa sembrare bizzarro, non si trattò di una semplice mascotte di bordo ma, come vedrete, di un vero membro dell’equipaggio che fece il suo dovere in zona di guerra al punto da essere considerato a tutti gli effetti un membro dell’equipaggio.

Simon, questo era il nome del gatto,  fu trovato a vagare nei cantieri navali di Hong Kong, nel marzo del 1948, da un giovane membro dell’equipaggio, di nome George Hickinbottoml, imbarcato sul HMS Amethyst.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS-amethist.jpg

L’HMS Amethyst era uno sloop, classe Black Swan modificato, della Royal Navy. La nave fu varata il 7 maggio 1943 e consegnata alla Royal Navy il 2 novembre 1943, con numero di fiancata FU6. Durante la seconda guerra mondiale, l’unità navale fu impiegata principalmente in missioni di pattugliamento antisommergibili ed in compiti di scorta. Ebbe anche un momento di gloria quando, il 20 febbraio 1945, attaccò e affondò l’U-Boot U-1276 con bombe di profondità. L’azione avvenne nel Nord Atlantico, a sud di Waterford, e provocò l’affondamento del sommergibile tedesco con tutto il suo equipaggio. Pochi mesi dopo, il 20 aprile 1949, l’HMS Amethyst era in viaggio da Shanghai a Nanchino. Durante il transito fu attaccata dall’Esercito comunista popolare di liberazione (PLA). La nave, colpita da numerose salve, restò intrappolata nel mezzo del fiume cinese fino al 30 luglio 1949 quando, grazie all’oscurità, riuscì a fuggire al blocco. Sembrerebbe una delle tante storie di guerra se non ci fosse stato un protagonista a quattro zampe che di fatto permise la sopravvivenza dell’equipaggio. Vale la pena di raccontare la storia di Simon, il vero protagonista di oggi.

Da gatto di avanporto a Able Seacat
Il destino di ognuno di noi è scritto sulle stelle ma nessuno le sa leggere. Il gattino, ritrovato in un angolo dei cantieri di Hong Kong, all’epoca colonia britannica,  aveva circa un anno e sembrava molto sofferente e denutrito. Il marinaio lo portò a bordo della nave. Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è simon-crew.jpgQualcuno lo chiamò Simon ed il gattino presto si ingraziò tutto l’equipaggio compresi  gli ufficiali di bordo, non solo per la sua simpatia ma soprattutto perché risultò molto abile nel catturare e uccidere i topi nei ponti inferiori, all’epoca ancora un flagello su tutte le navi.

Come tanti gatti mostrò una certa riconoscenza verso coloro che lo avevano accolto ed incominciò a lasciare le sue prede come “regalo” nei letti dei marinai. Non si turbava molto, anzi era abbastanza sfacciato ed arrivò ad intrufolarsi nella cabina del comandante, Ian Griffiths, per dormire … nel suo berretto. L’equipaggio ormai considerava Simon come una mascotte fortunata, e quando il comandante della nave cambiò più tardi nel 1948, il gatto restò a bordo, e fu accettato anche dal suo successore, il capitano di corvetta Bernard Skinner. Di fatto Simon aveva l’innata capacità di rendersi simpatico a tutti, sempre pronto a scambiare coccole con tutto l’equipaggio. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è simon-cooking-on-board.png

Come avevamo accennato, l’HMS Amethyst partì per una missione lungo il fiume Yangtze fino a Nanchino, per sostituire la nave che vi prestava servizio, la HMS Consort. Durante il transito, la nave fu fatta oggetto di 50 colpi di cannone da parte di una batteria di cannoni dell’Esercito popolare cinese ed uno di questi squarciò la cabina del capitano, uccidendolo e ferendo gravemente anche Simon. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS-Amethyst-after-action-on-the-Yangtze-River.jpg

nel mezzo dello Yangtse

Il gatto, sebbene gravemente ferito, si trascinò sul ponte e fu raccolto e portato in infermeria dove il personale medico della nave ripulì le sue ustioni e rimosse quattro frammenti di schegge dal suo corpo. In realtà le sue condizioni apparvero immediatamente critiche e tutti si aspettavamo che non sarebbe arrivato al mattino. Ma i gatti, si sa, hanno nove vite (almeno quelli anglosassoni) e Simon riuscì a sopravvivere.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è simon-cat-on-board.jpg

Dopo un periodo di recupero, tornò ai suoi precedenti compiti di cacciatore di  topi, nonostante l’indifferenza del nuovo capitano, John Kerans. Mentre la nave restava ancorata nel mezzo del fiume, fu invasa dai topi e Simon si assunse il compito di rimuovere quei pericolosi clandestini (oltre a quello di sollevare il morale dei marinai). Un compito gravoso e senza di lui le scarse riserve di viveri sarebbero state divorate dai topi, senza parlare delle malattie che si sarebbero potute sviluppare. Finalmente, sfruttando l’oscurità, lo sloop britannico riuscì a fuggire dal blocco cinese e riprese il largo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è simon-yang-tse.png

Simon nel periodo sullo Yangtse

Come un gatto randagio divenne una celebrità
In breve tempo la storia del gatto si sparse in tutta la flotta e non solo … Simon divenne subito una celebrità, lodato nelle news britanniche e mondiali, Gli fu anche assegnata la Blue Cross medal nonchè la medaglia per la campagna asiatica dell’HMS Amethyst (come tutti i membri dell’equipaggio). Per tutti Simon assunse il rango di “Able Seacat” (simile al titolo Able Seaman in uso nella marina mercantile inglese per definire un marinaio scelto, ovvero in grado di poter fare il suo lavoro in maniera indipendente). Si narra che lo ottenne dopo aver eliminato a bordo un topastro particolarmente feroce, soprannominato  “Mao Tse-tung” . 

Simon divenne quindi una celebrità e migliaia di lettere arrivarono a bordo indirizzate a questo eroico gatto. La sua popolarità fu tale che gli fu assegnato anche un giovane ufficiale per prendersi cura di lui, che ancora riportava ancora i postumi delle brutte ferite. Non ultimo, in ogni porto in cui la nave attraccava sulla rotta verso casa, Simon veniva presentato con tutti gli onori, al punto che al suo ritorno a Plymouth gli fu tributato un benvenuto ufficiale. Come tutti gli animali che entravano nel Regno Unito, dovette però essere sottoposto alle norme di quarantena in un centro per animali nel Surrey, dove contrasse un virus. Nonostante le attenzioni del personale medico, purtroppo Simon morì, a soli due anni di età, il 28 novembre 1949, per una complicazione dell’infezione virale, aggravata dalle sue ferite di guerra. Centinaia di persone, compreso l’intero equipaggio della HMS Amethyst, parteciparono al suo funerale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è simon-consegna-medaglia.png

la consegna all’equipaggio della nave della medaglia PDSA Dickin assegnata a Simon

Ma la storia non finisce qui
65 anni dopo la sua morte, Simon fu commemorato con tutti gli onori. Nel corso delle celebrazioni la UK Royal Navy depose una corona sulla sua tomba, ricordando che, per il suo ruolo fondamentale per la sopravvivenza dell’equipaggio dell’HMS Amethyst, dopo la sua morte, aveva ricevuto la medaglia PDSA Dickin, la più alta onorificenza per un animale per meriti militari, con la seguente motivazione:
Served on HMS Amethyst during the Yangtse Incident, disposing of many rats though wounded by shell blast. Throughout the incident his behaviour was of the highest order, although the blast was capable of making a hole over a foot in diameter in a steel plate.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è simons-medal-370x370-min.jpgLa medaglia Dickin fu istituita nel 1943 in onore della fondatrice del PDSA (People’s Dispensary for Sick Animals, un’organizzazione di beneficenza) Maria E. Dickin, da cui PDSA Dickin medal come riconoscimento delle azioni di alcuni animali in tempo di guerra. L’ultimo animale ad averla ricevuta è stato il pastore tedesco Apollo, in rappresentanza di tutti i cani da ricerca che scavarono tra le macerie delle torri Gemelle di New York dopo gli attentati dell’11 settembre 2001. Ad oggi la medaglia è stata assegnata 73 volte ed i destinatari comprendono 36 cani, 32 piccioni, 4 cavalli ed un gatto (unico marinaio)

Unico felino ad averla ricevuta nella storia, la medaglia fu conservata con onore a bordo della HMS Amethyst fino alla sua dismissione nel 1957.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è tomba-di-simon.jpg

Simon, able seacat, riposa al cimitero degli animali del PDSA ad Ilford, Inghilterra, insieme ad altri undici vincitori della medaglia. 

Andrea Mucedola

.
.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 443 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Francesco Francesco
    30/05/2021    

    Molto bello! Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »