If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Undici coraggiose donne del mare: memoria di una giornata particolare

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: PROTAGONISTE DEL MARE
PERIODO: XX SECOLO

AREA: MAR ADRIATICO
parole chiave: Marotta, Regio pontone Faa di Bruno

 

Dopo la battaglia di Caporetto, la Regia Marina italiana dovette ritirare artiglierie e personale dal Settore a levante di Porto Lignano, verso il Piave. Ripiegarono anche due pontoni semoventi della Regia Marina italiana, il Faà di Bruno ed il Cappellini che, rimorchiati fuori da Grado, a causa del mare in burrasca si incagliarono e solo in un secondo tempo poterono raggiungere la laguna di Venezia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Faa_di_bruno.jpg

In seguito, il 15 novembre 1917, ne fu ordinato il trasferimento, con la scorta di quattro torpediniere, verso Ancona per la difesa della città nel caso Venezia fosse caduta in mano al nemico. Mentre la piccola flottiglia delle torpediniere restava al largo, impegnata contro la minaccia dei sommergibili austriaci, ognuno dei due pontoni venivano rimorchiati verso Ancona da un rimorchiatore. Durante il tragitto furono però sorpresi da una nuova e più violenta tempesta da Grecale.
.

Un’evento marinaresco da ricordare
Raccontiamo oggi la storia del Faà di Bruno che, al comando del Capitano di Corvetta Ildebrando Goiran, si incagliò nei pressi di Marotta dopo aver rotto i cavi di rimorchio che lo collegavano al rimorchiatore Titano

La cosa fu però notata da terra e, nonostante il mare in tempesta, undici giovani ragazze del piccolo borgo di Marotta, presero il mare con una piccola imbarcazione, una sciabica, e raggiunsero il Faà di Bruno, portando soccorso al pontone ormai in balia delle onde. la storia venne raccontata dal comandante Dolfi, sul periodico il Tempo, con questo breve ma colorito scritto:
Sulla spiaggia di Porto Marotta c’è tutta la popolazione. Corrono i vecchi pescatori da palischermo a palischermo, alte nel pugno le crepitanti fiaccole di catrame. Le donne serrate in neri scialli, come in gramaglie, fanno crocchio, in ginocchio, sgranando il rosario pregando ad alta voce. E’ una visione che soltanto il Dorè avrebbe potuto rappresentarci. Ma il mare respinge e travolge le barche di salvataggio appena esse hanno lasciato la battigia. L’eroismo e lo spirito di abnegazione dello equipaggio del “Faà di Bruno” a nulla servono. Il pontone armato è già nella presa mortale delle secche insidiose poco più di un miglio dalla riva e i frangenti la flagellano da ogni parte. Nulla sembra possano gli uomini di Porto Marotta, tra i quali, anche se vecchi, molti vi sono che sfidarono un giorno la furia degli oceani. L’eroico tentativo su di un battello di fortuna di un marinaio di porto tale Ghirardelli, di stabilire una comunicazione con la terra e stendere ormeggi, forse ritarderà il naufragio, ma non riuscirà ad evitarlo. Il destino del “Cappellini” già incombe in tutta la sua drammaticità sul “Faà di Bruno”. Ma all’alba del secondo giorno, malgrado il mare non accenni a placarsi, una piccola e sottile “sciabica” s’è staccata dalla spiaggia. Sono dieci remi come ali battenti, sfiorano a rapido ritmo le creste delle onde. E’ come una bandiera o un’insegna portata di vetta in vetta da un’anelante spirito di vittoria.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lapide-ragzze-di-marotta.jpg

Sono dieci piccole ragazze, dieci generosi cuori di adolescenti, legate tutte dal sangue di un unico ceppo. L’undicesima, una giovanissima sposa, come da una antica arca, ha fra le mani asciutte e nervose la barra del timone dirigendo la prua lunata dell’imbarcazione sul “Faà di Bruno”. Il bianco palischermo avanza con la stessa audace eleganza delle procellarie quando queste sfiorano a volo radente il mare tempestoso. La giovanissima e animosa “capitana” forse non ha ancora diciassette anni, Erinna Simoncelli è il suo nome. Tutte la altre sono sorelle o cugine tra i quattordici e i sedici anni. Il “Faà di Bruno” è accostato mentre la tempesta sta raggiungendo il suo culmine e nel cielo color lavagna è tutto un lampeggiare di saette. La coraggiosa “capitana” d’un balzo è sul ponte dell’infelice relitto. Viveri, vino generoso, medicinali, tutto raccolto di casa in casa quella notte stessa dell’eroica decisione, vengono trasbordati con perizia non comune da quello straordinario equipaggio, mentre gli uomini del “Faà di Bruno” usciti compatti dalla torre binata, ove si erano asserragliati per non essere travolti dalle onde che si abbattono con colpi di maglio sulla coperta, già in parti squarciata, salutarono le giovanette con un nutrito applauso, e rianimati da quell’entusiasmante esempio, tornarono con rinnovato vigore ai posti di manovra. Erinna! Ancor più mitico e simbolico è il nome in quell’ora di disperato coraggio. Compiuta la missione, l’intrepida ragazza si senta un di più a bordo e senza attendere ancora un minuto solo si tuffa in mare raggiungendo a rapide bracciate la spiaggia dipanando la sagola affidatale, che servirà a filare una solida gomena che assicurerà definitivamente il “Faà di Bruno” alla riva sino al momento in cui, diminuita la violenza dell’uragano, potrà venire disincagliato dai normali mezzi della Marina.

Una storia incredibile di giovani italiane che vennero poi decorate con la medaglia di bronzo al valor militare di Marina il 24 agosto 1919, nella piazza principale di Porto Marotta, davanti ad un reparto di marinai che gli presenterà le armi, con questa motivazione «Equipaggiarono una imbarcazione e riuscirono coraggiosamente, malgrado il forte vento e il mare grosso, a vincere i frangenti e rifornire di viveri una unità navale da guerra che trovavasi gettata alla spiaggia di Marotta dalla violenza del fortunale».

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ragazze-di-marotta-mod-1024x746.png

Schierate in prima fila, col diploma nelle mani e la medaglia al petto, in piedi da sinistra a destra Silvia Ginestra e Maria Marinelli sposa Zampa, che sono le grandi; poi Emilia Portavia detta la Mirra, Elda Paolini, Erinna Simoncelli con un ombrellino chiuso, e Giustina Francesconi, tutte sotto i vent’anni. Dietro loro, issate su un palchetto che le fa svettare, le altre giovani Portavia, in camicetta bianca: Maria, Arduina, Nella, la seconda Emilia e Teresa Isotti, comprese in un’età che va dai 13 ai 17 anni

Ecco i loro nomi, per la storia ma anche per quello che hanno rappresentato queste intrepidi donne del mare: “Erinna Simoncelli, Giustina Francesconi, Silvia Ginestra, Teresa Isotti, Edda Paolini, Arduina Portavia, Emilia Portavia, Emilia Portavia di Nicola, Nella Portavia di Nicola, Maria Portavia, e l’undicesima, la giovanissima sposa Maria Zampa, che alla barra del timone nonostante il mare mosso portò con audacia la piccola “sciabica” sotto bordo al pontone, di fatto salvandolo da imminente naufragio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lapide-marotta.jpg

L’evento ebbe un certo risalto e Gabriele d’Annunzio scrisse la citazione per la originaria lapide commemorativa del gesto eroico di quelle coraggiose giovani che fu poi eretta nella piazza di Marotta: «Picene di antiche origini eran già nel mito dell’età primeva ancor prima dell’evento che le vide agli scalmi impavide dominare la tempesta“.

Cosa avvenne in seguito al Pontone?
Il Faà di Bruno, dopo essere stato recuperato, fu radiato il 13 novembre 1924, ma fu rimesso in servizio all’inizio della seconda guerra mondiale come batteria galleggiante GM 194 a difesa delle città di Genova. Non ebbe però un ruolo importante perché riuscì a sparare solo due colpi durante l’attacco delle navi francesi del 14 giugno 1940 e tre colpi contro le navi inglesi il 9 febbraio 1941. Il 9 settembre 1943 fu catturato dai tedeschi che lo cedettero alla Marina della RSI come guardaporto con il nome di Biber.  Ormeggiato a Savona, sotto il promontorio di Valloria, fu affondato dai Tedeschi in ritirata nel 1945.

Andrea Mucedola

.
.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 881 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. Ersilia Riccardi Ersilia Riccardi
    17/03/2021    

    Ricostruzione precisa con particolari esatti. C’è solo un errore nella parte descrittiva riferito al nome di Silvia Ginestra (erroneamente nominata Ersilia).
    Complimenti all’autore della ricostruzione storica.
    Ci farebbe piacere averlo a Marotta, qualora si potesse fare, in occasione del prossimo anniversario previsto per novembre 2021.
    Complimenti al contrammiraglio!

    • 17/03/2021    

      Effettivamente ci sono delle discrepanze .. grazie abbiamo corretto … per l’anniversario, sarà un piacere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »