If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La sfida cinese alla potenza navale statunitense – parte I di Renato Scarfi

Reading Time: 8 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO 
AREA: OCEANO PACIFICO 
parole chiave: Cina, flotta cinese
.

Da circa vent’anni l’Asia non è solo il più munito campo trincerato del globo ma, se si esclude la sempre importante flotta russa, è stata la nursery che ha visto crescere esponenzialmente altre flotte, in particolare di Giappone, India e Cina.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 251120-cina.jpg

Ed è proprio per l’assertività dimostrata e per il volume (e qualità) di naviglio messo in mare, che molti osservatori si soffermano sempre più spesso su quest’ultimo grande Paese, che non vuole più rimanere rinchiuso all’interno dei suoi confini geografici, ma che vuole diventare potenza (marittima) globale. Dopo aver spostato il baricentro economico mondiale, infatti, la Cina sta ora modificando il rapporto di forze nella regione Indo-Pacifico. La classe dirigente cinese, guidata da Xi Jinping, si sta quindi impegnando a fondo per il raggiungimento di questo traguardo, che permetterebbe a Pechino di rivaleggiare con la Marina più potente del mondo, quella degli Stati Uniti, e di realizzare le proprie aspirazioni in merito alle questioni marittime dell’area e, in prospettiva futura, del mondo. Appare, pertanto, utile effettuare alcune riflessioni in merito alla flotta cinese e ai relativi programmi navali, in modo da comprendere quanto siano reali le possibilità che ha Pechino di sfidare la potenza navale americana.

La flotta cinese
Il miglioramento dei rapporti con la Russia favorito dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica e, quindi, dal venir meno della gara per il primato nel mondo comunista, che la Cina non intendeva riconoscere al PCUS, ha permesso a Pechino di accedere alla tecnologia necessaria per iniziare lo sviluppo di una flotta moderna e competitiva.

Il 2 dicembre 2002 il presidente russo Vladimir Putin si è recato in visita dal presidente Jiang Zemin e al segretario generale del partito comunista cinese, Hu Jintao e, nell’occasione, è stato ufficializzato l’accordo circa l’acquisto di armamento navale russo da parte di Pechino. Un accordo teso a soddisfare il desiderio cinese di acquisire sommergibili nucleari e navi di superficie più moderne, oltre che ad assicurare consistenti trasferimenti di tecnologia verso la Zhōngguó Rénmín Jiěfàngjūn Hǎijūn, letteralmente Marina dell’Esercito Popolare di Liberazione Cinese, allo scopo di creare un settore navale dagli alti contenuti tecnologici. Si trattava, tuttavia, solo dell’ultimo tassello in ordine di tempo di un’ormai consolidata cooperazione generale nel settore degli armamenti, che aveva già permesso a Mosca di sostenere economicamente la propria industria bellica durante la crisi economica degli anni novanta.

Secondo lo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI), infatti, nel periodo 1990-2001 la Cina ha speso circa 10,78 miliardi di euro in materiale di armamento e più del 90% di questa cifra sarebbe arrivata in Russia. In particolare, tra le armi avanzate acquistate da Pechino ci sarebbero gli aerei da guerra russi Sukhoi Su-27 e Su-30, due cacciatorpediniere classe “Sovremenny” da 6.200 t (armate con missili antinave supersonici), che avevano rappresentato l’ossatura della Voenno-morskoj flot e quattro sottomarini convenzionali classe “Kilo”. Dal 2003 in poi Pechino, grazie a importanti investimenti e al trasferimento di tecnologia, pur continuando a importare armamenti dall’estero per cifre considerevoli, ha cominciato a progettare e costruire navi per conto proprio. Una spinta industriale di enormi proporzioni che ha portato la Cina a diventare anche paese esportatore di tecnologia navale.

Per dare un’idea dell’impegno cinese basti pensare che nel 2018, durante un’audizione parlamentare, l’allora capo di stato maggiore della Marine Nationale ammiraglio Christophe Prazuk, aveva affermato che Pechino, nel corso dei precedenti quattro anni, aveva costruito navi militari per l’equivalente di tutta la flotta francese. Crescita enorme confermata da uno degli ultimi rapporti del Pentagono sulle capacità militari marittime cinesi1, dal quale risulta che la Marina è diventata la Forza Armata più importante della Cina e che numericamente è ormai la prima forza navale del mondo, avendo in servizio circa 350 unità contro le “sole” 293 della U.S. Navy. Tuttavia, se consideriamo il tonnellaggio complessivo, gli Stati Uniti staccano di gran lunga la Cina, principalmente grazie alle undici portaerei da 100.000 t ciascuna. Ciò nonostante, il Pentagono sottolinea come possa essere solo una questione di tempo per giungere a un equilibrio anche sotto questo aspetto. Non accontentandosi dei risultati raggiunti, questo ritmo forsennato nelle costruzioni navali è proseguito, varando nel 2019 la nuova nave d’assalto anfibio di Tipo 075D (foto precedente) da 40.000 t (simile alla statunitense Wasp) mentre una seconda é nelle fasi finali di costruzione ed è ultimamente iniziata la costruzione di una terza unità.

Nel frattempo prosegue a tamburo battente anche il programma di costruzione degli incrociatori Tipo 055 da 12.000 t circa per circa 180 m di lunghezza, il cui potentissimo e differenziato armamento consente non solo di assicurare un efficace ruolo di protezione di una grande unità (portaerei o unità anfibia), ma anche di essere un efficiente centro di comando in operazioni di gruppi di impiego di minor consistenza, risultando un formidabile elemento di potenza e deterrenza. Queste unità sono dotate, tra le altre, di capacità anti-sommergibile e di lancio di circa 130 missili antiaerei e antinave. La prima di queste, il Nanchang, è entrata in servizio lo scorso gennaio 2020 mentre altri tre incrociatori, la cui costruzione è iniziata in aprile (una unità) e luglio (due unità) 2018, stanno effettuando le prove in mare. Ulteriori quattro unità di questo tipo sono in vari stadi di preparazione. Altre cinque navi di vario tonnellaggio e capacità dovrebbero entrare in servizio a breve e, secondo il Pentagono, potrebbero essere dotate di missili antinave ma delle quali a oggi si ignorano le effettive prestazioni. Una certa importanza rivestono le unità subacquee, che comprendono sia sottomarini dotati di armamento nucleare e in grado di restare in agguato per lunghi periodi sia sommergibili convenzionali. Un insieme offensivo e difensivo ritenuto di discreta valenza.

In merito allo sviluppo di capacità navali, quindi, la Cina da tempo non sta lasciando nulla al caso e, dopo essere diventata un gigante economico, si sta proponendo come un gigante anche sui mari e sugli oceani del mondo, avendo ormai completato la transizione da Marina costiera a blue water fleet. In tale ambito, assumono particolare valore le portaerei, navi che permettono un’effettiva proiezione di potenza.

La prima unità entrata in servizio è stata il CNS Liaoning (foto apertura), di circa 60.000 t per 305 m di lunghezza. Si tratta di un’unità ex-sovietica (la Varyag, classe “Admiral Kutznetsov”), acquisita nel 1998, rinnovata e rimessa in servizio nel 2011. La seconda unità è il CNS Shandong (foto), di 305 m di lunghezza, prima unità di questo tipo costruita completamente dai cinesi. Con le sue 65.000t può portare una quarantina di velivoli ed è dotata di uno sky-jump e cavi d’arresto per le operazioni aeree (STOBAR)2. Dopo dieci mesi di prove in mare, lo scorso 29 ottobre ha completato i test e l’addestramento basico ed è ora pronta per l’impiego operativo. Tuttavia, dato che queste prime due unità non offrivano le stesse capacità delle portaerei della U.S. Navy, nel 2015-2016 è iniziata la costruzione di una terza portaerei cinese da 80.000 t con catapulta e cavi d’arresto (CATOBAR), sembra a propulsione nucleare. Dotata di catapulte elettromagnetiche, come quelle che la U.S. Navy sta montando sulle nuove portaerei classe ”Gerald Ford”, avrà la possibilità di far decollare più aerei da combattimento in breve tempo, aumentandone la capacità operativa. In merito, è in preparazione il nuovo caccia multiruolo denominato Shenyang J-15T, derivato dal russo Su-33 Flanker D. Diversamente dalle precedenti versioni imbarcate, quest’ultimo velivolo presenta importanti modifiche, necessarie per operare da portaerei dotate di catapulta. La catapulta magnetica può anche lanciare aerei ad ala fissa più pesanti, come gli early warning, in grado di raccogliere informazioni sull’area di interesse e agire come centro di comando aereo. La nuova portaerei dovrebbe avere una lunghezza di 320 m e dovrebbe imbarcare anche i nuovi bimotori turboelica early warning KJ-600. Il primo di questi velivoli ha effettuato il volo inaugurale lo scorso agosto.

Come detto, la costruzione di tutte le nuove unità cinesi sta procedendo molto rapidamente
In particolare, la nuova portaerei potrebbe essere varata intorno alla fine del 2020-inizio del 2021 in quanto i cinesi hanno preferito costruire i vari settori in diversi cantieri, inviando poi il tutto al cantiere di Jangnan per l’assemblaggio finale. Ciò ha permesso di ridurre sensibilmente i tempi di realizzazione. La data di entrata in servizio operativo di questa nuova unità dipenderà dall’esito delle prove che verranno effettuate in mare una volta che avrà finito la fase di allestimento.

L
La Marina dell’Esercito Popolare di Liberazione Cinese sta quindi diventando sempre più moderna e flessibile e, negli ultimi due anni, ha messo in linea piattaforme multiruolo moderne, dotate di capacità antinave, antiaeree e antisommergibile avanzate. Ma ciò che preoccupa maggiormente in prospettiva futura è la politica marittima cinese, che si è fatta più assertiva nelle sue dispute territoriali con i vicini (India, Taiwan, Mar Cinese meridionale, Giappone, ecc…), supportata da una Marina da potenza marittima, con un atteggiamento aggressivo, un crescente numero di unità navali (in termini di tonnellaggio e capacità complessive oltre che nel numero e nella dislocazione delle basi).

In sostanza, la postura della flotta cinese appare indirizzata alla proiezione di potenza e alla possibilità di acquisizione e controllo delle aree marittime di interesse strategico (vedi articolo), come dimostrano le recenti esercitazioni navali cinesi, caratterizzate da attività di assalto anfibio, svoltesi dal 1 al 5 luglio scorsi nelle acque comprese tra l’isola di Hainan e l’arcipelago delle isole Paracelso (sottratto al Vietnam nel 1974 e ancora oggetto di contenzioso). Un chiaro segnale che fa comprendere come Pechino non abbia alcuna intenzione di ammorbidire il suo approccio in quelle acque. La flotta appare quindi proiettata verso un assetto in grado di rispondere pienamente alla nuova politica marittima cinese, con la possibilità di effettuare missioni di “presenza navale” anche in aree non consuete per Pechino, quali quelle sudamericane, quelle africane o in Mediterraneo, con una crescente capacità di esercitare una pressione marittima in linea con gli obiettivi di politica estera del Celeste Impero.

Fine I parte – continua

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è scarfi-1024x897-1.jpgRenato Scarfi

1 “Peace looks fragile in Asia”, di Paul Dibb, uno dei massimi esperti militari del Pacific Rim e direttore del Centro per gli Studi Strategici di Camberra, sull’International Herald Tribune 19 giugno 2002 (articolo ripreso anche dal New York Times)

2 Peter Frankopan, Le nuove vie della seta, Mondadori, 2019, pag. 104

articolo pubblicato originariamente su Difesaonline
Foto: MoD People’s Republic of China / ASEAN / DFAT / Indian Navy / JMSDF / Valdai Club Foundation / web / U.S. Navy

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
.

PARTE I
PARTE II
PARTE III

print

(Visited 98 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »