If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Stabilità precaria nell’Indo-Pacifico – parte I di Renato Scarfi

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: CINA
parole chiave: Sud Est asiatico, potere marittimo, asse russo-cinese

 

L’Indo-Pacifico nel suo più ampio contesto marittimo, territoriale, demografico ed economico rappresenta certamente, nella realtà mondiale odierna, la parte di mondo su cui si concentra maggiormente l’attenzione della comunità internazionale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 301120-indo-pacifico3.jpg

Si tratta di una vastissima area geografica, che include migliaia di chilometri di costa asiatica e due importanti penisole (Corea e Vietnam), che comprende la moltitudine di isole che si distendono dall’Oceano Indiano fino ai grossi arcipelaghi che sorgono vicino alle coste (Giappone, Filippine, Indonesia), per arrivare alle più lontane e consistenti strutture continentali (Nuova Guinea, Australia, Nuova Zelanda), e alle minuscole isole della Micronesia o alle isole Hawaii e alla costa americana, dal Canada al Cile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è indopacifico-1-1024x607.jpg

Una regione immensa che oggi sta attraversando un periodo di intenso fermento evolutivo e che è alla ricerca di nuovi equilibri, capaci di tener conto della sua complessa realtà in continuo mutamento. Un’area geopolitica caratterizzata da un elevato tasso di crescita, che ha determinato lo spostamento del baricentro dell’economia mondiale, ma anche da una notevole disomogeneità, che si traduce in interessi assai diversificati e, non di rado, contrastanti. Ciò ha implicazioni sul piano della sicurezza e della stabilità internazionale perché, in un quadro di accentuata interdipendenza quale quello odierno, gli eventi che si sviluppano in questa vasta area hanno la capacità di influenzare anche il resto del mondo. In tale contesto emerge chiaramente il ruolo dinamico e il contributo determinante della Cina che, da sola, contribuisce per il 30% circa alla crescita mondiale e si pone come potenza egemone dell’area, provocando importanti effetti anche sugli equilibri strategici globali. È pertanto intuibile come la nuova e maggiormente assertiva politica cinese, che si traduce sia nell’inflessibilità sulle questioni di Taiwan e del Tibet che nelle decise rivendicazioni territoriali e dei confini marittimi, possa suscitare inquietudine soprattutto nei vicini più esposti, dal sud-est asiatico al Giappone. Se poi consideriamo che le relazioni internazionali in Asia generalmente si basano sul sospetto e su una diffusa mancanza di fiducia reciproca, residuo di storici conflitti irrisolti e di rivalità ataviche, comprendiamo come tutta l’area sia caratterizzata da una diffusa fragilità dei delicati equilibri di volta in volta faticosamente raggiunti1 e come appaia giustificata una tale inquietudine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 301120-indo-pacifico1.jpg

A differenza del teatro europeo, infatti, una guerra maggiore fra grandi Paesi è tutt’altro che impensabile in questo continente, arena dei maggiori contenziosi del mondo contemporaneo. Basti pensare alle persistenti tensioni tra India e Pakistan, tra India e Cina, fra le due Coree e tra la Cina e Taiwan (con gli Stati Uniti sullo sfondo), la disputa sulle risorse sottomarine del Mar Cinese meridionale, che interessa otto Paesi, le rivendicazioni sulle disabitate isole Senkaku (o Diaoyu, come le chiamano i cinesi) contese con il Giappone, sulle isole Paracelso, contese con il Vietnam, e sulle isole dell’arcipelago delle Spratly, contese da Vietnam, Filippine, Cina, Malaysia, Taiwan e Brunei, ma trasformate dalla Cina in una base militare con piste aeree e missili antinave. Se consideriamo anche alcuni contenziosi “minori” si arriva a più di una ventina di potenziali cause di conflitto, che vedono quasi sempre presente la Cina, in un modo o nell’altro. D’altronde, quando si parla di Repubblica Popolare Cinese, bisogna ricordare che tra i suoi obiettivi principali dichiarati vi sono la riunificazione della Cina (con chiaro riferimento a Taiwan) e la riaffermazione dei suoi “diritti storici” su gran parte del Mar Cinese meridionale. Una chiara indicazione delle sue mire espansionistiche e un evidente avvertimento agli altri paesi rivieraschi. Va inoltre ricordato che l’Asia è l’area del mondo dove è presente la maggiore quantità di armi. Le spese per la difesa sono infatti aumentate enormemente negli ultimi vent’anni, nonostante le diffuse crisi economiche e, oggi, sanitarie. Secondo lo Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI) sei Paesi dell’area (India, Cina, Australia, Pakistan, Vietnam e Corea del Sud) rappresentano circa il 50% della crescita mondiale di importazioni di armamenti. In tale ambito, la Cina è il Paese che sta spendendo più di tutti al mondo per l’acquisizione di materiale di armamento dall’estero. Le spese militari cinesi sono complessivamente così elevate che, secondo alcuni commentatori, la Cina è al secondo posto nel mondo, dietro solo a Washington.

Lo stesso Istituto, inoltre, sottolinea la presenza in quell’area di ben sei Paesi dotati di armamenti nucleari (Cina 320, India 150, Russia 6.375, Stati Uniti 5.800, Pakistan 160 e Corea del Nord 30-40), ai quali si aggiungono le dichiarate pulsioni nella stessa direzione del Giappone e della Corea del Sud. Le principali associazioni regionali. Ad accrescere le preoccupazioni della comunità internazionale circa la stabilità dell’area c’è il fatto che in Asia non esistono organizzazioni di sicurezza collettiva simili alla NATO, né trattati multilaterali per la riduzione delle tensioni e degli armamenti, tutti elementi che hanno alleggerito le ultime fasi della Guerra Fredda e sono stati determinanti, in parte, per il suo superamento e per la costruzione di un ambiente di confidence building.

Esistono, invece, un certo numero di associazioni, organizzazioni e simposi sub-regionali prevalentemente economiche e fondamentalmente deboli, dove in sostanza finiscono quasi sempre per prevalere gli interessi nazionali, tant’é che si sono sinora rivelate sedi inadeguate per la composizione dei vari contenziosi tra Stati asiatici e che appaiono non avere gli strumenti necessari per appianare le dispute nel caso che alle parole si dovesse passare a un confronto più muscolare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 301120-indo-pacifico4.jpg

Association of South East Asian Nations (ASEAN), che include Brunei, Cambogia, Indonesia, Laos, Malesia, Myanmar, Filippine, Singapore, Thailandia e Vietnam

La più nota di queste è l’Association of South East Asian Nations (ASEAN), nata nel 1967 essenzialmente con funzioni politiche di contenimento delle influenze comuniste. Per quanto essa svolgesse un ruolo anche sul piano degli equilibri della regione (sicurezza comune, limitazione degli armamenti, composizione dei conflitti), la presenza di opinioni ampiamente differenti sui processi politici e di governo (comprese le pratiche in settori quali il suffragio e la rappresentanza politica), il ventaglio di tipologie di governo (che vanno dalla democrazia alla repubblica popolare), le diverse impostazioni economiche (dal capitalismo al socialismo) hanno sostanzialmente reso infruttuose le riunioni sulle questioni strategiche relative alla sicurezza. Ciò ha fatto in modo che, con il tempo, essa abbia perso l’originaria connotazione anticomunista che, per tanti anni, era stata la sua principale ragion d’essere, e sia passata a occuparsi prevalentemente di aspetti economico-commerciali, settore nel quale è risultato meno difficile giungere a un efficace compromesso tra le varie posizioni. Altri gruppi separati permettono a Cina, Giappone e Corea del Sud di interagire con l’ASEAN.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Shanghai-Cooperation-Organization-SCO-1024x745.png

Shanghai Cooperation Organization, che include Cina, Russia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan

Abbiamo poi la Shanghai Cooperation Organization, per arrivare al South Asian regional cooperation group, i cui membri sono Afghanistan, Bangladesh, Buthan, India, Maldive, Nepal, Pakistan e Sri Lanka. Cina, Stati Uniti, Giappone, Iran e Unione Europea vi partecipano come osservatori. Dopo otto anni di negoziati, infine, il 15 novembre è stato formalizzato il Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), che include le dieci economie dell’ASEAN oltre a Cina, Giappone, Corea del Sud, Nuova Zelanda e Australia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 301120-indo-pacifico6.jpg

Un accordo raggiunto proprio per effetto di una crescente tendenza globale al protezionismo, principalmente alimentata dall’America first dell’amministrazione Trump, che ha fornito ai Paesi partecipanti le motivazioni per avviare quest’area di libero scambio.

Ciò nonostante, pur trattandosi di organizzazioni che si vantano di rappresentare miliardi di persone, non hanno minimamente contribuito neanche a chiarire come gestire le dispute sulle decine di isolette e le aree marittime del Mar Cinese Meridionale.
Esse sembrano, infatti, strutturalmente incapaci di mediare in caso di conflitto, per esempio, tra India e Pakistan o tra Cina e Stati Uniti per Taiwan. Eccellente palcoscenico quando si tratta di cooperazione economica, comparsate mediatiche, esercizi simbolici e fugaci strette di mano, appaiono prive di qualsiasi valore reale per il mantenimento o il ristabilimento della pace nel caso i conflitti dovessero riguardare grossi e importanti Stati. Tuttavia, la loro esistenza consente alla Cina di rafforzare la sua sfera economica e politica di influenza, accrescendo la sua capacità di competere con gli Stati Uniti nell’area. L’India, unica economia che avrebbe potuto bilanciare il gigante cinese, non fa parte dell’ultimo accordo per scelta di Nuova Delhi, che si é ritirata dai negoziati nel 2019, facendo definitivamente tramontare l’idea che la Cina possa essere isolata, in un contesto di economia globale.

Fine parte I  – continua

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è scarfi-1024x897.jpgRenato Scarfi
Ufficiale superiore pilota della riserva della Marina Militare Italiana – scrittore e blogger

 

 

 

 

1 “Peace looks fragile in Asia”, di Paul Dibb, uno dei massimi esperti militari del Pacific Rim e direttore del Centro per gli Studi Strategici di Camberra, sull’International Herald Tribune 19 giugno 2002 (articolo ripreso anche dal New York Times)

2 Peter Frankopan, Le nuove vie della seta, Mondadori, 2019, pag. 104

articolo pubblicato originariamente su Difesaonline
Foto: MoD People’s Republic of China / ASEAN / DFAT / Indian Navy / JMSDF / Valdai Club Foundation / web / U.S. Navy

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
,

PARTE I
PARTE II
PARTE III

print

(Visited 50 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »