Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

La stella gorgone, una rara meraviglia del Mediterraneo

tempo di lettura: 4 minuti

 


livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA MARINA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Ofiuriodei, stella gorgone

 

La stella gorgone (Astrospartus mediterraneus) è un’echinoderma della famiglia delle Gorgonocephalidae. Il suo nome scientifico deriva dalle parole latine aster (stella) e spartos (arbusto). Il nome italiano di stella gorgone deriva dal mito delle Gorgoni (Medusa, Steno e Euriale) figure mostruose della mitologia greca, che avevano serpenti al posto dei capelli ed erano in grado di impietrire chi le guardasse con uno sguardo. Il suo nome inglese (basket star) deriva invece dalla sua abitudine di raggomitolarsi a cesto (basket, in inglese) durante il giorno con le braccia ramificate. L’astrosparto mediterraneo è un’echinoderma ancora poco studiato, appartenente alla classe degli Ofiuroidei, le comuni ofiure o stelle serpentine.

da slideshare

Non è facile incontrarlo sott’acqua a causa della profondità in cui spesso si ritrova. Prevalentemente un organismo circalitorale (tra i 30 e 120 metri di profondità), può raggiungere i fondi batiali superiori dove l’intensità luminosa rimane molto bassa. Recentemente in ambienti ricchi di corrente sono stati fotografati degli esemplari avvinti alle gorgonie intorno ai trenta metri di profondità.

Una specie mediterranea
Questo organismo bentonico è endemico del bacino del Mediterraneo, dove può essere osservato da 30 a 800 metri di profondità. La sua presenza è stata osservata nel Mar Mediterraneo occidentale, sulla costa dell’Oceano Atlantico e sulle coste della Spagna e del Senegal; comune in Algeria e in Marocco. Da adulto vive generalmente sui rami di Paramuricea clavata, Eunicella singularis o sulle spugne.

E’ considerata una specie rara, anche se in alcune regioni italiane, come la Toscana, sono state registrate numerose segnalazioni di avvistamenti. In particolare è stata segnalata nello Stretto di Messina, vicino a Scilla, ad oltre 40 metri di profondità, nei fondali dell’Isola del Giglio (a Punta del Fenaio, e all’Arenella da 40 fino a 90 metri), sulle secche di Tor Paterno, Roma, a 30 metri di profondità. Inoltre è stata vista in Sardegna nell’Arcipelago della Maddalena e nel promontorio di Portofino tra i 35 e 45 metri.

Dal punto di vista tassonomico, si tratta di un’echinoderma come i ricci di mare e le stelle marine, caratterizzato da cinque tentacoli, ognuno ramificato più volte, con i quali si aggrappa ai rami delle gorgonie. Il corpo ha un diametro di otto centimetri, con l’apertura dei tentacoli la larghezza massima dell’intero animale può arrivare a 80 centimetri. Ad osservarlo sembra un mostro marino con braccia filiformi le cui estremità si aggrappano al loro supporto.

Queste braccia, che sono i suoi tentacoli, si estendono nell’oscurità per catturare le particelle sospese e il loro avvolgimento ricorda i capelli animati. Le sue dimensioni possono variare da 6 a 20 cm chiuso e fino a 80 cm schierato. E’ un animale filtratore passivo che si nutre, tramite i tentacoli aperti, di micro particelle planctoniche. Ogni tentacolo ha dei piccoli ami che formano una rete circolare che permette alla “testa della medusa” di afferrare la sua preda. Quando queste ultime sono in quantità sufficiente, i tentacoli si avvolgono in successione per riportarle alla sua bocca, una piccola apertura al centro del disco. Questo fenomeno può essere osservato al mattino dopo la sua caccia notturna.

La sua riproduzione avviene con l’emissione di spermatozoi e uova in mare aperto, durante il loro sviluppo le larve planctoniche si attaccano ad un substrato duro. La fecondazione avviene quindi in acque libere dove le larve, chiamate ofioplutei, come tutte quelle appartenenti agli Ofiuroidei, conducono una breve vita planctonica per poi fissarsi al substrato dove avverrà la metamorfosi.

Come altre stelle marine è in grado di rigenerare i suoi tentacoli. I loro organi sono infatti dislocati un pò ovunque per cui è possibile ricreare l’intero corpo a partire da un arto singolo. Un animale interessante da incontrare ed un ottimo soggetto fotografico per chi ha la fortuna di vederlo. Una delle tante meraviglie del mare.

Andrea Mucedola

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Loading

(Visited 989 times, 1 visits today)
Share
1 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

20 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
20 visitatori online
20 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 45 alle 03:29 pm
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x