Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Il jacket, tecnico o ricreativo? – parte II

tempo di lettura: 4 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: DIDATTICA
PERIODO: ODIERNO
AREA: SUBACQUEA
parole chiave: GAV, jacket

 

Parliamo ora del sacco
Abbiamo detto che il jacket standard-ricreativo ha una camera d’aria che si sviluppa intorno al torace.  Questo fatto, oltre a limitarne il volume, comporta una certa sensazione di impaccio e costrizione quando viene gonfiato. E’ un effetto che si manifesta in particolare quando ci si sostiene in superficie.  Il jacket “tecnico” ha invece un sacco vero e proprio che ha approssimativamente una forma ad anello o a ferro di cavallo, ed è ancorato con fibbie e cinghiaggi ad una piastra di acciaio inox.  

Il sacco è libero di espandersi verso l’esterno, e anche quando è gonfio fino alla massima estensione non esercita alcuna pressione sul torace, permettendo di nuotare liberamente e respirare senza alcuna costrizione. Specialmente in manovre di emergenza e dovendo normalmente gestire l’ingombro di bombole ed altri accessori, non avvertire alcuna costrizione nella zona toracica è molto importante, e contribuisce a mantenere una respirazione lenta, profonda e regolare. 

L’espansione verso l’esterno, che di fatto avvolge le bombole anche nel caso che sci si stia immergendo con un mono, garantisce un miglior trim in immersione, favorendo senza sforzo apparente l’assetto orizzontale. La forma del sacco permette inoltre di disporre lungo tutta la sua lunghezza dei robusti elastici, che assicurano una rapida contrazione quando si agisce sul comando di sgonfiamento del corrugato. Tuttavia alcuni considerano negativamente la presenza di questi anelli elastici perché ritengono che possano condizionare l’omogeneità di gonfiaggio, facilitino lo svuotamento in caso di foratura e ostacolino il gonfiaggio a bocca. 

Malgrado si tratti di un evento altamente improbabile il sacco può lacerarsi facendo velocemente perdere al jacket la spinta verso l’alto. Per fronteggiare l’inconveniente sarebbe necessario disporre di un doppio sacco, e naturalmente doppio corrugato, che purtroppo ha l’inconveniente di essere più ingombrante e più complicato da gestire, oltre che più costoso. Per l’uso con la stagna, la ridondanza è garantita dalla muta stessa, che in caso di emergenza può costituire un valido supporto al galleggiamento.  

Pertanto la regola dovrebbe essere di utilizzare sempre la stagna se si impiega un jacket mono-sacco.  

Struttura
Il fascione ventrale del jacket è equipaggiato con fibbia in acciaio, e su di esso sono fissate delle tasche che si chiudono sia con velcro che con fastex, capaci e funzionali, meno ingombranti e più pratiche dei tasconi con chiusura lampo dei jacket ricreativi che, quando gonfi, diventano impraticabili. Queste tasche, anche quando contengono accessori piuttosto voluminosi, non interferiscono con il sacco o ne riducono la facilità di gonfiaggio.  Alcune di queste tasche hanno una apertura verso il basso, essendo destinate ad ospitare zavorra, per poterla scaricare prontamente in caso di necessità.   In prossimità della fibbia centrale c’è il collegamento con la fascia inguinale, che contribuisce alla stabilità complessiva del jacket.  I comandi del corrugato sono generalmente di metallo cromato, e offrono maggiore affidabilità, durata e precisione.  

Mentre i jacket standard hanno uno schienalino semirigido in materiale plastico imbottito che permette l’alloggiamento di uno e talvolta due cinghie di serraggio di un mono-bombola, il cuore del jacket tecnico è una placca in acciaio inox, sulla quale sono ancorati spallacci, sacco e fascia ventrale, e che viene saldamente avvitata con appositi  bulloni di serraggio ai fascioni di acciaio del bi-bombola, rendendo jacket e bi-bombola perfettamente solidali tra di loro. Tramite una placca metallica aggiuntiva, sempre in acciaio inox, oppure tramite una apposita predisposizione, è possibile montare il mono-bombola, stavolta ricorrendo a cinghiaggi che si ancorano su apposite asole.   Naturalmente lo schienale in acciaio ha un certo peso, che consente tuttavia di ridurre corrispondentemente la zavorra necessaria con jacket standard. Generalmente la stessa struttura metallica consente di applicare sacchi di volume diverso, permettendo in tal modo di adattare il jacket a diverse esigenze di spinta di galleggiamento semplicemente sostituendo il sacco. I materiali utilizzati sono di maggiore robustezza rispetto ai jacket standard, in particolare cordura 1000 denari o kevlar capace di assicurare una resistenza alla trazione persino superiore a quella dell’acciaio di pari spessore. Anche il numero di anelli a D è generalmente maggiore.  Essi sono spesso riposizionabili e rialzati all’estremità libera in modo da essere agevolmente sollevati anche con i guanti.  


Conclusioni

Tutto quanto detto rende evidente che tra jacket “ricreativi” e “tecnici” le differenze non sono da poco, e un jacket tecnico andrebbe considerato utile per immersioni ricreative entro curva di sicurezza e irrinunciabile per immersioni impegnative. Le caratteristiche principali da valutare nel giudizio di qualità sono:

  • il volume del sacco,
  • intercambiabilità del sacco,
  • mono o doppio sacco,
  • intercambiabilità della placca di acciaio,
  • grado di regolabilità di cinturone e spallacci,
  • robustezza dei materiali impiegati,
  • numero e posizionamento delle valvole di sovra-pressione comandabili a mano, (generalmente tre due nella parte bassa del sacco, su lati opposti, e una in alto, sul lato destro);
  • numero e mobilità degli anelli a D,
  • modalità di fissaggio di mono e bi-bombola,
  • numero e disposizione delle tasche a disposizione,
  • presenza di alloggiamenti accessori per micro-attrezzature, etc.

Unica controindicazione, come già accennato, il prezzo … 

Luca Cicali

.

.
Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

.

PARTE I PARTE II

Loading

(Visited 2.807 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
16 visitatori online
16 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 33 alle 08:24 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x