If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il Centro Sperimentale per la Tutela degli Habitat CESTHA di Silvia Brandi

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO:  ECOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO

AREA: ITALIA
parole chiave: Habitat
.

Il CESTHA, Centro Sperimentale per la Tutela degli Habitat, nasce dalla sempre maggiore coscienza della condizione di forte stress e sovra-sfruttamento che l’ambiente che ci circonda e nello specifico quello marino sta vivendo oggi. Questa consapevolezza ha fatto riunire tre ricercatori del settore che, con l’aiuto di tecnici e naturalisti, si sono posti due obiettivi principali. Il primo è quello di impegnarsi a fornire il proprio contributo al recupero ambientale, attraverso progetti di tutela degli habitat, salvaguardia della biodiversità e programmi di ripopolamento. Il secondo, ma non meno importante, è la volontà, attraverso eventi divulgativi, di sensibilizzare la comunità e chi vive del mare a conoscere e meglio comprendere il “mare nostrum”. Queste idee si concretizzano a partire dal 2015, attraverso la collaborazione con la marineria di Ravenna composta da due cooperative di pescatori locali, che raggruppano circa una quindicina di pescherecci. Questa cooperazione ha permesso lo sviluppo di programmi di sostenibilità delle tecniche di pesca, sfruttamento consapevole delle risorse e valorizzazione del prodotto.

cestha 3

Da gennaio 2016 CESTHA, grazie al supporto dell’IBC e della Regione Emilia-Romagna e con la vincita di un premio per la riqualifica di siti storici, ha inaugurato la propria sede presso l’antica struttura del mercato ittico di Ravenna, sito riconvertito a centro ricerche, posto dietro al bacino pescherecci, ma chiuso dai primi anni ’90. Al suo interno è stato allestito un polo divulgativo e didattico ed un centro sperimentale, con un piccolo laboratorio e 5 impianti di vasche, dove grazie alla forte collaborazione con gli operatori del settore, l’associazione si impegna nel recupero, nella cura, nella riabilitazione di quegli esemplari, che risultano stressati o feriti in seguito a cattura accidentale (specie definite “By-catch”), al fine di reintrodurli in natura.

cestha 4La peculiarità di questo polo è che, nonostante una carenza normativa, rappresenta di fatto il primo centro di recupero per la fauna ittica d’Italia. Vista la necessità di mettere in atto un’attività di prelievo sostenibile e di praticare la pesca in modo più rispettoso per l’ambiente, il CESTHA ha attuato vari progetti, che mirano alla salvaguardia delle specie sensibili, con particolare attenzione a quei taxa maggiormente impattati dalle attività umane. Tra questi gli elasmobranchi, che sono tra le principali specie chiave dell’ecosistema marino e tra i suoi organismi a maggior rischio. Molti di loro infatti, nonostante siano all’apice delle catene alimentari, sono anche particolarmente vulnerabili poiché spesso accidentalmente catturati con gli attrezzi da pesca. Di pari passo tale attività prevede uno studio delle popolazioni in relazione alle zone di prelievo, per l’individuazione delle aree rilevanti per lo sviluppo delle specie di squalo Adriatico, volto ad un futuro programma di tutela.

cestha 2Inoltre, CESTHA ha attivato una sperimentazione sulla Sepia officinalis che, oltre a rappresentare un’importante risorsa ittica, risulta essere fortemente impattata. Il progetto si pone come obiettivo l’avvio di forme innovative di gestione della specie, per contribuire all’aumento della sua produzione locale e favorirne il rilancio commerciale. In particolare viene effettuata la schiusa controllata delle uova deposte sugli attrezzi da pesca dalle stesse seppie, inserendole in un programma di accrescimento, per un periodo limitato. A seguito della schiusa è previsto un ritorno al mare per i giovanili di 4-5 giorni di vita, in siti e/o zone con condizioni ottimali per massimizzarne la percentuale di sopravvivenza. Infine, proprio per cercare di ridurre la perdita di biomassa dovuta non solo al by-catch ma soprattutto all’uso di tecniche di pesca non selettive, sono già in atto, in collaborazione con il CNR di Ancona, progetti di riconversione dei metodi di cattura, a favore di tecniche low-impact, attraverso la sperimentazione di attrezzi innovativi, come nuove gabbie o nasse che permettano un maggiore e migliore controllo della quantità e qualità del pescato.

cestha 1

In sintesi il lavoro dell’associazione si svolge nell’idea che la “piccola” pesca, possa ancora essere una risorsa in grado di trainare l’economia locale e creare occupazione soprattutto tra i giovani e che, se attuata in rispetto dell’ambiente marino, possa rivelarsi risorsa spendibile anche a livello turistico, legandola alle produzioni gastronomiche tradizionali e a chilometro zero. La strada da percorrere è ancora lunga ma, in fondo, l’oceano non è che la somma di tante piccole gocce d’acqua.

silvia-brandidott. Silvia Brandi
ricercatrice subacquea scientifica

 

 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 332 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
astronomia e astrofisica
Astronomia e Astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »