If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Cipree, una storia antica

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: MALACOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: cipree

 

Conchiglie con una storia antica
Le prime cipree apparvero sulla Terra circa cento milioni anni or sono, nel basso Cretaceo. In seguito, nel Pliocene e nel Pleistocene, grazie ad un clima di tipo subtropicale, comparvero numerose famiglie di cipree, oggi caratteristiche di mari caldi. Grazie a quelle favorevoli condizioni climatiche le cipree si diffusero quindi anche latitudini più elevate. Nei giacimenti fossiliferi pliocenici italiani è relativamente frequente la possibilità di imbattersi nel ritrovamento di esemplari di quelle antiche specie di cipree.

umbilia

Umbilia eximia

Fu in quel vasto, caldo e poco profondo golfo (l’attuale pianura Padana) che,  tra cinque e due milioni di anni fa, si formò un grande bacino di acqua salata collegato ad est con l’attuale mar Adriatico. Le sue coste  erano  delimitate a nord e ad ovest dalla attuale cerchia prealpina ed a meridione dal versante padano dell’appennino. Era un ambiente quasi tropicale, adatto alla vita delle cipree che vi si poterono riprodurre in maniera copiosa.

Un simbolo di fertilità
La loro forma caratteristica, che richiama il sesso femminile,  era considerata dai primi popoli un simbolo di fertilità; il che le rendeva estremamente popolari e ricercate anche nell’antichità per la confezione di collane  bracciali. 

Cypraea_moneta

Cypraea moneta

Nel tempo le conchiglie di questi bellissimi molluschi divennero conosciute come mezzi di pagamento, al punto di diventare  dei veri simboli di ricchezza e di potere. Questo loro “uso monetario” continuò ad esistere in molti luoghi fino al XX secolo. Se osserviamo alcune cipree possiamo comprendere come varietà come la Cypraea moneta o la Cypraea annulus potessero essere utilizzate come mezzi di pagamento. Tutte le caratteristiche tipiche del denaro, vale a dire durata, praticità, convenienza, riconoscibilità e divisibilità, sembrano essere incorporate in questi piccoli gusci. Inoltre, a confronto con altri prodotti organici,  le conchiglie resistono ad una facile manipolazione.

Cypraea_annulus_7

Cypraea annulus

Le cipree sono piccole e facilmente trasportabili e la loro forma e look offre una perfetta protezione contro la falsificazione. Inoltre, il loro conteggio non era sempre necessario in quanto, avendo le stesse dimensioni, il loro peso complessivo  era sufficiente per determinare il valore di un pagamento. Le conchiglie potevano essere imballate o stringate in unità più grandi. Sul mercato bengalese grandi pagamenti venivano effettuati con cestini pieni di cipree, ognuno contenente circa dodicimila conchiglie.

cowrie-shells-necklace

collana di cipree, un vero portafoglio per la fortunata portatrice

In breve, divennero un mezzo di pagamento comunemente utilizzato in gran parte dell’Estremo Oriente, dall’Asia all’Africa, dall’Oceania fino anche in alcuni luoghi in Europa. Il ritrovamento di oggetti bronzei cinesi, risalenti al XIII secolo avanti Cristo, ne hanno rivelato questo uso monetario. Questa tradizione ha lasciato tracce nella lingua cinese scritta al punto che rappresentazioni semplificate della conchiglia della ciprea  fanno ancora parte dei caratteri di parole che hanno un significato fortemente economico (come ad esempio nei termini relativi a monete, acquisto e tesoro).

chinese cowrie

Queste cipree, in mandarino chiamate bèi, erano già usate dal 2 millennio prima di Cristo dalla dinastia cinese Shang (fino alla dinastia Zhou) e furono un’intelligente soluzione per essere utilizzate come “moneta corrente”. Esse venivano pescate nel sud della Cina e solo i monarchi potevano approvvigionarsene assumendone quindi il monopolio. Inoltre, essendo conchiglie naturali non potevano essere contraffatte. In seguito, si arrivò ad imitarle facendole in osso, giada, creta, bronzo ed argento placcato in oro.  Sebbene si pensi che le prime potrebbero essere state usate come monete di sepoltura, le imitazioni in metallo erano sicuramente impiegate come moneta corrente.

Zhuan_bei_upside_downIl carattere bei, mostrato in forma semplificata, fa parte dei 400 caratteri cinesi e significa il termine “valore”. I due segni orizzontali simbolizzano le linee della parte inferiore della ciprea. 

Una curiosità, se voltate il simbolo potrete riconoscere le stringhe con cui le conchiglie “moneta” venivano poste intorno al collo, ovvero in una collana.  

La raccolta delle cipree ed il loro commercio diventarono quindi un’industria in molti luoghi dell’Oceano e Indiano e Pacifico, come alle Maldive dove sia gli uomini che le donne dei villaggi erano coinvolti nella raccolta ed avevano precise responsabilità lavorative. Le donne tessevano dei tappetini con le foglie degli alberi di noce di cocco che poi venivano messi in mare. I molluschi ricoprivano queste stuoie che venivano poi ripescate e lasciate sulle spiagge a seccare. Il caldo e gli insetti provvedevano alla pulitura dell’animale e in poco tempo le conchiglie erano pronte per iniziare la loro vita come valute. Un sistema decisamente pratico.

Gioielleria
Le cipree avevano quindi un uso economico come moneta di scambio. Esporre bracciali o collane era quindi considerata una dimostrazione di opulenza, in particolare da parte delle donne che indossavano ricche collane ed ornamenti che si prestavano particolarmente per via della loro costanza di dimensioni e colori. Più cipree venivano mostrate, più abbiente era la donna che le portava.

spotlight-photos-imagery-african-beauty-cowry_spi-cowries-005_bellanaija

Credits Photography/Creative Director: Emmanuel Arewa | @spotlightpi Makeup: Jibike Faborode | @kikyfabz Models: Bonita Nanfe J.Kefas | @mimzbee of Zahara Model MGT Aduke Shitta Bey | @adukebey__ of Beth Model MGT Teminikan Idowu | @teminikan__ of Few Model MGT Image Retouching: Toyin Adeleke | @verified_imagery

In Africa si usano tuttora come decorazione intorno alle braccia o fra i capelli. L’uso delle cipree come gioielli è da considerarsi quindi molto antico ed è stato anche rivisitato, come potete vedere nella fotografia,  in tempi moderni. In un prossimo articolo continueremo il nostro viaggio nel mondo delle cipree parlando però delle loro caratteristiche biologiche  e di molto ancora.

Andrea Mucedola

.

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.
PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print
(Visited 2.815 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »