If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

1943, ultimo attacco a Gibilterra: le azioni che cambiarono la guerra navale – settima parte

Reading Time: 8 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: maiali, X MAS
,

Una nuova azione degli uomini dei siluri a lenta corsa, l’Operazione B.G. 7, fu condotta nella baia di Gibilterra nell’agosto del 1943. Di fatto fu l’ultima missione di guerra italiana prima dell’armistizio. 

slc

In un periodo terribile della nostra storia moderna, in cui in un Italia martoriata da anni di guerra le Forze armate italiane cercavano ancora di compiere il loro dovere con “lo spirito dei forti e non con quello dei disperati“, lo spirito dei reparti della X MAS era immutato e ancora una volta si rivolsero a Gibilterra, la principale base strategica britannica all’ingresso del Mediterraneo.

o_gibmapLe modalità di preparazione dei mezzi subacquei e le procedure degli operatori, affinate dagli stessi equipaggi sulla base della precedente operazione B.G. 6, furono confermate ed i Gamma fuoriuscirono in maniera occulta dallo scafo dell’Olterra, raggiungendo la vicina rada di Algeciras dove si trovavano le navi oggetto dell’attacco. Nonostante la sempre più stretta vigilanza della Marina britannica e qualche inconveniente tecnico, la missione ebbe successo. Rientrati a bordo gli assaltatori poterono assistere a distanza di sicurezza il risultato della loro azione; in successione saltarono in aria la petroliera Thorshovdi (9.464 tsl), i piroscafi Stanridge (5.975 tsl) e Harrison Gray Otis (7.176 tsl).

attaccoo notari bg 7

Il crollo delle illusioni
Dopo la firma dell’armistizio di Cassibile, atto con il quale il Regno d’Italia cessò le ostilità contro gli Alleati, Badoglio riunì il governo solo per annunciare che le trattative per la resa erano “iniziate”. Gli Alleati si aspettavano che Badoglio rendesse pubblico il passaggio di campo dell’Italia, ma il maresciallo tergiversò e la risposta degli anglo-americani fu drammatica: gli aerei alleati scatenarono un bombardamento su tutte le città della penisola;  oltre 130 aerei B-17 attaccarono Civitavecchia e Viterbo. Questa incertezza da parte italiana, portò gli Alleati ad annunciare autonomamente l’avvenuto armistizio. Era l’8 settembre, alle ore 17:30 (le 18:30 in Italia) quando il generale Dwight Eisenhower lesse il proclama ai microfoni di Radio Algeri. Solo un’ora dopo, Badoglio fece il suo annuncio da Roma.

Un disastro
L’armistizio di Cassibile divise in due parti le Flottiglie MAS compresa la Decima. Quando l’ammiraglio Raffaele De Courten andò a chiedere consiglio al grande ammiraglio Paolo Emilio Thaon di Revel, questi rispose: « In momenti così delicati è doveroso lasciare massima libertà alle coscienze, purché esse siano sinceramente rivolte al bene del Paese. (…)». La fuga dalla Capitale dei vertici militari, del Capo del Governo Pietro Badoglio, del Re Vittorio Emanuele III e di suo figlio Umberto verso Pescara e poi verso Brindisi, e la confusione che si generò dal fatto che non si comprendevano le reali clausole armistiziali, fu dai più erroneamente interpretata come un’indicazione della fine della guerra.

Questo comportamento provocò lo sbandamento delle Forze Armate italiane, dislocate in tutti i fronti, e 815000 soldati italiani vennero catturati dall’esercito tedesco e deportati nelle settimane immediatamente successive. La ritorsione degli ex-alleati tedeschi non si fece attendere e fu immediatamente messa in atto l’Operazione Achse ovvero la dolorosa occupazione militare di tutta la penisola italiana da parte dei Tedeschi. La Regia Marina, come tutte le altre Armate, si ritrovò senza chiare direttive, ricevendo ordini contraddittori o, comunque, poco chiari.  In pratica, nelle ore seguenti una piccola parte delle Forze Armate rimase fedele al Re Vittorio Emanuele III mentre una parte si diede alla macchia tornando alle proprie case o dando vita alle prime formazioni partigiane militari; altri reparti, soprattutto al nord, sebbene consci che la guerra era di fatto finita, scelsero di rimanere fedeli al vecchio alleato, considerando l’armistizio un tradimento del popolo italiano che avrebbe consegnato il Paese nelle mani dei vincitori senza possibilità di contrattazione.

Ma che cosa successe in quel terribile settembre agli uomini della Xª Flottiglia MAS?
Con questi presupposti una parte di loro, tra cui il capitano di vascello Ernesto Forza, rimase fedele al Regno formando un’unità speciale che venne denominata “Mariassalto“. A questi uomini si unirono anche Antonio Marceglia, Luigi Durand De La Penne ed altri incursori fatti prigionieri dagli Inglesi, che furono poi rimpatriati nel 1944 dopo la prigionia. Questa unità partecipò ad azioni al fianco delle unità alleate per mantenere aperto il porto della Spezia contro il tentativo dei Tedeschi di affondare delle navi alla sua entrata. Di Mariassalto vanno ricordate due operazioni di rilievo. La prima, denominata “QWZ“, avvenuta nella notte del 21 giugno 1944 nel porto di La Spezia, portò all’affondamento dell’incrociatore pesante Bolzano, ultimo superstite della sua classe ed all’ulteriore danneggiamento dell’incrociatore Gorizia, già in riparazione per i danni subiti in un bombardamento.

Aquila

la portaerei in allestimento Aquila

La seconda, denominata operazione “Toast“, venne svolta nella notte del 19 aprile 1945 da un gruppo di gamma, tra cui il sottotenente di vascello Nicola Conte e il sottocapo Evelino Marcolini con l’obiettivo di affondare nel porto di Genova quella che avrebbe dovuto diventare la prima portaerei italiana, l’Aquila. In realtà la nave era ancora in costruzione e si voleva impedire che venisse affondata dai Tedeschi per bloccare l’ingresso del porto. L’Aquila era stata già danneggiata nel corso dell’allestimento, nel novembre 1942, ed alla data dell’8 settembre 1943 era praticamente pronta al 90 % per i collaudi e le prove in mare, ma il 9 settembre fu sabotata ed abbandonata dall’equipaggio, e cadde nelle mani dei Tedeschi. Il 16 giugno 1944 venne bombardata in porto a Genova da aerei americani, e il 19 aprile 1945, come leggeremo, venne attaccata da mezzi d’assalto della Marina Italiana del Sud.

L’azione di Genova
Vennero approntati due equipaggi di «siluri a lenta corsa», trasportati dalla Corsica con due siluranti ciascuno con un «maiale»; Il primo equipaggio era composto dal STV Nicola Conte con il sottocapo Evelino Marcolini mentre il secondo dal guardiamarina Gerolamo Manisco in coppia con il marinaio Varini. Ad un miglio dal porto di Genova le due siluranti si fermarono e misero a mare i due mezzi d’assalto. Alle 23.30, con la luna piena, i due «maiali»  puntarono verso nord, navigando a pelo d’acqua. Il secondo mezzo, di Manisco e Vanini (00:24), si arrestò per un guasto tecnico ma Conte e Marcolini, decisero di proseguire da soli. Sfiorarono una motovedetta tedesca di sorveglianza e raggiunsero la rete di sbarramento del porto alle 00:50. Trovato un varco tra due galleggianti, i due Gamma si diressero sempre a pelo d’acqua verso il punto d’ormeggio della portaerei. Quindi a meno di 500 metri si immersero fino ad arrivare sotto la chiglia. Staccarono la carica di tre quintali di tritolo e la posarono sul fondo a ridosso della chiglia, regolando il congegno ad orologeria a sei ore. Il team si diresse quindi verso il mare aperto per il recupero da parte della motosilurante. L’operazione riuscì nonostante i mezzi fossero stati assemblati con materiali residui delle operazioni precedenti, e dimostrò ancora una volta la preparazione degli Uomini del Serchio. Non ultimo, scongiurò il previsto bombardamento alleato che avrebbe causato maggiori ferite alla città già duramente colpita durante la guerra.

Borghese-Ferrini-La-Spezia

Borghese e Ferrini a La Spezia. Il capitano di vascello Ferrini cercò di continuare l’opera dell’ammiraglio Legnani di rifondare l’intera struttura di Comando distrutta dopo l’armistizio. In particolare, nel dicembre del 1943 prese contatti con le autorità tedesche allo scopo di promuovere la creazione di una forza navale composta da unità operanti sia sotto bandiera italiana sia sotto bandiera tedesca.

L’altra componente della X MAS restò fedele al precedente alleato. Nella confusione e nel successivo sbandamento delle forze armate causato dall’armistizio dell’8 settembre, il comando di stanza nella caserma di La Spezia non si sbandò. Messo in allarme attese gli ordini di Supermarina evitando di distruggere i piccoli mezzi navali all’ancora fuori della caserma. Il comandante Junio Valerio Borghese raggiunse l’ammiraglio Aimone d’Aosta ed inutilmente cercarono di contattare Roma per avere conferma dell’armistizio e ricevere ordini sul da farsi. La Xª MAS, sebbene priva di direttive, mantenne l’attività nella caserma immutata e per tutto il tempo la bandiera italiana rimase sul pennone. Borghese inoltre dispose di aprire il fuoco contro chiunque avesse tentato di attaccare la caserma riuscendo a respingere anche alcuni tentativi tedeschi di disarmare i marò. Il 9 settembre gli ufficiali si riunirono per decidere la strada da intraprendere e Borghese ribadì la sua intenzione di continuare la guerra contro gli angloamericani, scegliendo l’alleanza con la Germania. L’11 settembre radunò i marinai di stanza a La Spezia spiegando la situazione e dando il permesso di congedarsi a coloro che non se la fossero sentita di continuare la guerra. La maggioranza si congedò.

La Xª MAS divenne una unità militare di fanteria di marina con reparti di naviglio sottile dotati di MAS, con l’obiettivo di continuare la lotta contro gli Alleati affianco ai Tedeschi. Alcuni reparti furono anche impiegati nella lotta antipartigiana (Liguria, Langhe, Carnia, Val d’Ossola, ecc.), a volte catturando ostaggi fra i civili, torturando i prigionieri ed effettuando  la fucilazione sommaria di partigiani catturati. La guerra civile fu un periodo oscuro della nostra storia in cui da entrambe le parti, italiani contro italiani, furono fatte efferatezze che non onorarono nessun antagonista. Sugli altri fronti la Xª di Borghese combatté contro gli angloamericani ad Anzio, in difesa della Linea Gotica e poi della Linea Verde a Lugo e nel Polesine, lungo il fiume Senio.

Xmas gotica

Sul fronte orientale la Decima mantenne nuclei che operarono sia come difesa dall’invasione iugoslava sia come affermazione del diritto italiano su quelle terre contro i tentativi delle autorità d’occupazione tedesche di snazionalizzare la Venezia Giulia e il Friuli per annetterli al Reich.

Durante il periodo seguente all’armistizio, fra la Decima MAS della Repubblica Sociale e Mariassalto del Regno d’Italia si mantennero rapporti segreti volti ad evitare che i due reparti potessero scontrarsi direttamente sul fronte ed a gestire i prigionieri dell’una e dell’altra parte, tenendo all’oscuro i comandi tedeschi e angloamericani.

Altra preoccupazione comune era la possibile invasione della Venezia Giulia da parte dei partigiani comunisti di Tito. Si ipotizzò anche un tentativo di sbarco di truppe regie in Istria con il supporto dei reparti locali della Decima repubblicana per contrastare quell’invasione.

L’epilogo
Finalmente la guerra terminò ma le pesanti condizioni imposte all’Italia dai vincitori con il Trattato di pace di Parigi del 1947, tra cui il divieto di possedere unità di sabotaggio, sembrarono cancellare tutto ciò che quegli uomini straordinari avevano costruito … ma non fu cosi. Ne parleremo in un prossimo articolo dedicato alla rinascita delle forze speciali della Marina italiana.

Andrea Mucedola
.

.

Alcune delle foto presenti in questo blog sono prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o chiedere di rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.
.
PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV
PARTE V
PARTE VI
PARTE VII

print
(Visited 562 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. Antonio Antonio
    09/05/2021    

    Sono un assiduo lettore dei suoi articoli che trovo interessanti da un punto di vista storico. Ritengo che alcuni scritti e foto siano incompleti o non reali,
    – La lettera Z sui vestito gamma o sugli SLC non sia appropriata, poiché furono messe solo in occasione di un film;
    – l’attacco a Nave Aquila avvenne come da Lei riportato oppure la Coppia si fermò ben prima dell’Unita Navale?
    Comunque complimenti per il Suo impegno nel raccontare una parte della storia della X^ Flottiglia MAS.

    • 09/05/2021    

      E’ un piacere leggerla … sentivo parlare di lei da mio padre Vincenzo Mucedola … si concordo con lei che la foto della Z non abbia molto significato … mi dissero fu messa in occasione di uno dei film in memoria delle azioni. La uso perchè piace molto anche se non è storica … Per quanto riguarda l’attacco all’Aquila, dai testi che ho consultato, la prima coppia si fermò alle 00:24 (almeno questo risulta dai rapporti utilizzati dall’USMM) .. quella di Conte arrivò invece sotto chiglia ma la pose sul fondo in quanto l’eventuale scoppio della carica di Manisco (di cui ignoravano il guasto) avrebbe potuto staccare l’attacco magnetico … tutto il rapporto lo può trovare nel Volume XIV sulla Marina italiana della seconda guerra mndiale dedicato ai Mezzi di Assalto, edito dall’Ufficio Storico della Marina Militare, edizione anno 1972. Cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »