If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

1942 Nuovo attacco a Gibilterra: le azioni che cambiarono la guerra navale – quinta parte

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: seconda guerra mondiale, mezzi di assalto, Algesiras, Visintini
.


.
La fine del 1942 riservava ancora sorprese per gli uomini della Xa Flottiglia MAS. Nella più assoluta segretezza si preparavano alla prossima missione denominata B.G. 4, un nuovo attacco alla base britannica di Gibilterra da condurre con le stesse modalità della precedente missione. Gli obbiettivi erano quattro navi da battaglia della Royal Navy. Precedentemente i gravi problemi tecnici agli S.L.C. non avevano permesso agli assaltatori di coronare con successo i loro sforzi e i tecnici della Marina lavorarono lungamente per risolvere i tantissimi problemi. Era il 10 settembre 1942, era appena finita l’estate e lo Scirè e il suo equipaggio lasciarono segretamente La Spezia. Gli operatori Gamma partirono per Cadice quattro giorni più tardi. Il 17 sera furono prelevati dal sommergibile ed il giorno successivo iniziò l’avvicinamento dello Scirè verso la base britannica di Gibilterra.

scire'.
Attacco a Gibilterra
Alle 01:00 del 20 settembre gli operatori gamma furono rilasciati in prossimità delle navi britanniche ma la situazione reale apparve immediatamente diversa. Le navi da battaglia  erano restate in rada per cui fu deciso di dirigersi verso le petroliere.

Come concordato, il sommergibile Scirè, dopo il rilascio in mare degli operatori, si ri-immerse e intraprese il suo rientro verso l’Italia. I tre siluri a lenta corsa, pilotati rispettivamente dal T.V. Dino Catalano – Sc. Giuseppe Giannoni, T.V. Amedeo Vesco – Sc. Antonio Zozzoli e dal T.V. Licio Visintini – Sc. Giovanni Magro, riuscirono a raggiungere gli obbiettivi ed a posizionare le cariche sotto gli scafi nemici. Questa volta i congegni di scoppio a tempo funzionarono perfettamente: la prima unità attaccata, per effetto dell’esplosione, si immerse di poppa e dovette essere rimorchiata in secco. Si trattava di una motonave armata, la Durham, di ben 15.893 tonnellate. L’altra unità, attaccata dal secondo S.L.C., era la petroliera Fiona Shell di circa 5.000 tonnellate, che, dopo l’esplosione, si spezzò in due parti all’altezza del fumaiolo. Una larga falla si aprì anche nell’ultima unità attaccata, la petroliera Dembydale di 17.000 tonnellate, L’esplosione coinvolse anche una piccola petroliera che le era affiancata e che si appoggiò sul basso fondale. Insomma un pieno successo per i tre team di operatori.

Giunti a terra, i Gamma si avviarono per incontrare il personale di supporto inviato ad attenderli ma, scoperti dai carabineros spagnoli, vennero arrestati e condotti alla tenenza di La Linea. La situazione era delicata dal punto di vista diplomatico e gli operatori dichiararono di essere dei naufraghi italiani. Non si sa se gli Spagnoli credettero a quanto dichiarato ma di fatto furono condotti a Siviglia e subito dopo autorizzati a rimpatriare in Italia.

1942_12_11

La missione sebbene completata con successo (30.000 tonnellate di naviglio cisterna colarono a picco) non colpì gli obbiettivi  principali ovvero la portaerei, la corazzata e due incrociatori. Questo fu dovuto al rafforzamento dei sistemi difensivi inglesi che costrinsero i sei operatori a districarsi tra le ostruzioni. Borghese rientrato a La Spezia dopo cinque giorni, fu accolto con tutti gli onori e promosso capitano di fregata per meriti di guerra. Passò quindi il comando della Decima al capitano di fregata Ernesto Forza, mantenendo però il Comando del reparto subacqueo.

SLC Sotto chiglia

raffigurazione di un S.L.C. sotto chiglia, Claudus


Operazione N.A. 1

Il momento era opportuno e, tra l’11 e il 12 dicembre 1942, fu attivata una nuova operazione, la N.A. 1 contro il porto di Algeri. Per la prima volta l’attacco sarebbe stato svolto impiegando nello stesso tempo sia i S.L.C. sia i “Gamma”; il sommergibile avrebbe rilasciato gli operatori sul fondo del porto di Algeri. Il tenente di vascello Augusto Jacobacci salì in superficie e, a bordo di un canottino, tramite un telefono, guidò i movimenti del sommergibile che procedeva a lento moto, strisciando sul basso fondale.

rsmg ambra

i cassoni che ospitavano gli S.L.C. sul R.Smg Ambra

Fu così che i tre siluri a lenta corsa e dieci operatori Gamma, trasportati dal Regio Sommergibile Ambra, al comando del capitano di corvetta Mario Arillo, penetrarono nella rada di Algeri. Intorno alle 22:20 i primi Gamma lasciarono il battello, seguiti alle 23:00 dai tre S.L.C.. Ancora una volta si ripeterono dei problemi tecnici:  due S.L.C. su tre ebbero delle avarie ai mezzi o agli autorespiratori ad ossigeno dei piloti e non poterono portare a termine alcun attacco, unitamente a cinque dei “Gamma”; inoltre, uno dei sommozzatori che per avaria aveva dovuto rinunciare ad attaccare le navi fu fatto prigioniero dalle forze di sicurezza che diedero subito l’allarme.

L’unico S.L.C. ed i rimanenti Gamma riuscirono ad applicare le cariche esplosive e provocarono l’affondamento del piroscafo britannico Ocean Vanquisher (da 7.174 tonnellate di stazza lorda), del norvegese Berto (da 1.493 tonnellate), oltre al grave danneggiamento dei piroscafi britannici Empire Centaur (da 7.014 tonnellate) e Harmattan (da 6.587 tonnellate). Alla fine tutti e sedici gli operatori della Xª MAS furono catturati mentre tentavano di ritornare verso l’Ambra.

Salvatore Todaro
Anche i barchini in quei mesi fecero la loro parte, operando da Pantelleria con il Cefalo, al comando del C.C. Salvatore Todaro, il corsaro gentiluomo, come veniva chiamato da amici e nemici a seguito delle azioni condotte con il Regio Sommergibile Cappellini in Atlantico.

todaro

Il Gruppo navale si spostò a Biserta, con l’intenzione di attaccare le linee di rifornimento alleate. Il 12 dicembre un’azione di “Gamma” e di MTSM, l’”Operazione BO.G. 1” prese di mira il porto di Bona ma senza successo. L’avvicinamento fu condotto con il MTSM 268 al comando del CC Todaro, con tre operatori gamma, Ten. R.E. Aldo Coceani, S.C. Pal. Giuseppe Mistroni, S.C. Smz. Vago Giarima ma, a causa delle pessime condizioni del mare, l’attacco venne rinviato al giorno seguente. Durante il rientro, due aerei spitfire inglesi scorsero il MTSM mitragliandolo. Il comandante Todaro fu ucciso ferito da una scheggia, chiudendo così la sua gloriosa carriera al servizio del Paese. Di lui parleremo più approfonditamente in un articolo dedicato alla sua vita.

fine parte quinta – continua
.
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV
PARTE V
PARTE VI
PARTE VII

print
(Visited 730 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
astronomia e astrofisica
Astronomia e Astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »