Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Dal diario di bordo di Capitan Bitta: Nave Vespucci 22-24 marzo 2024

tempo di lettura: 4 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: NAVIGAZIONE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Vespucci, Oceano Atlantico

.
Venerdì 22 marzo 2024

Nave Amerigo Vespucci continua la sua navigazione lungo le coste atlantiche dell’Argentina. Oggi parliamo del Pampero, non il celebre rum venezuelano, ma il forte e freddo vento di origine polare che spira in Sud America, da S-SW specialmente nel periodo autunno-inverno. I primi a provarne gli effetti furono i colonizzatori spagnoli che si trovavano nella zona del Río de la Plata; essi ne percepivano la provenienza dalle zone più interne e meridionali, le pampas (praterie), e quindi lo battezzarono Pampero. Gli effetti meteorologici di questo vento sono raffiche intense, bruschi cali di temperatura, cielo coperto ed una alta umidità nell’aria.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-03-23-142042.png

Generalmente il “Pampero” si innesca quando un promontorio anticiclonico (dovuto ad un’alta pressione) si forma sul Pacifico meridionale davanti alle coste del Cile centro-meridionale contemporaneamente ad una profonda area depressionaria (bassa pressione) sull’Atlantico meridionale, all’altezza delle isole Falkland, che causa un flusso di aria fredda verso Nord. Le due opposte figure bariche sopra citate, che agiscono come due ‘rotori’ di aria, determinano quindi questi forti venti detti … del Pampero.

Sabato 23 marzo 2024

Nave Vespucci sta navigando verso Sud a largo delle coste argentine Oggi, come ogni 23 marzo, si celebra la Giornata Mondiale della Meteorologia. Quando si parla di clima e di tempo (ovviamente quello meteorologico) si è indotti a pensare solamente a ciò che accade sopra le nostre teste, nell’aria dell’atmosfera, tralasciando l’oceano che, tuttavia, ha un ruolo fondamentale in tutti i processi. I mari e gli oceani infatti, coprendo circa il 70% della superficie terrestre, sono i principali motori del tempo e del clima sulla Terra nonché dell’economia globale: sull’acqua si muove oltre il 90% del commercio mondiale e il 40% dell’Umanità vive entro i 100 km dalla costa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-03-23-142105-1024x775.png

Ecco di seguito alcuni esempi per capire lo stretto legame tra il mare e l’atmosfera e come le loro interazioni determinano il tempo e le stagioni.

1) I mari assorbono la maggior parte dell’energia solare che giunge sulla Terra. Poiché l’Equatore riceve molta più energia solare rispetto ai poli, si creano delle enormi correnti oceaniche orizzontali e verticali che, come degli enormi nastri trasportatori, ridistribuiscono questo calore in tutto il pianeta, a volte anche per migliaia di chilometri, prima di rilasciarlo nell’atmosfera.

2) I mari si riscaldano e si raffreddano più lentamente dell’atmosfera, quindi il clima costiero tende ad essere più moderato di quello continentale, con minori temperature estreme di caldo e di freddo.

3) L’evaporazione dal mare, specialmente nella fascia tropicale, crea la maggior parte delle nuvole e delle piogge, influenzando la distribuzione delle zone umide e secche sulla terra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è DSC_8174-1-1024x681.jpg

l’importanza del mare per la nostra sopravvivenza è troppo spesso sottovalutata – photo credit andrea mucedola

4) Gli oceani “catturano” un enorme quantità di energia che viene rilasciata con potenti tempeste ed eventi tra i più estremi e distruttivi al mondo come i cicloni tropicali.

5) L’oceano assorbe il 90% del calore extra intrappolato sulla Terra dalle emissioni di carbonio dell’umanità (l’atmosfera solo il 2,3%).

Questo calore in eccesso contribuisce all’innalzamento del livello del mare a causa della sua espansione termica, allo scioglimento del ghiaccio marino, allo sbiancamento dei coralli, alla nascita di aree anossiche (senza ossigeno) e di altri ambienti inospitali per la vita marina. Per questo i ricercatori “osservano” l’oceano e i suoi cambiamenti con misurazioni di temperatura (atmosferica e superficie del mare), pressione atmosferica, vento, onde, precipitazioni e altre variabili che sono gli input dei più moderni modelli di previsione.

Domenica 24 marzo 2024

Mentre si festeggia la Domenica delle Palme, Nave Amerigo Vespucci continua la sua navigazione nell’Oceano Atlantico lungo le coste della Patagonia argentina. Questa è la vita dei marinai che spesso si trovano lontani dai propri affetti anche durante le feste; giornate come sempre scandite dalle albe e i tramonti sul mare, e dal ciel notturno che a volte ci mostra la bellezza del creato;  stelle che da sempre indicano la rotta, almeno a chi le sa leggere.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-03-24-194957.png

A proposito di palme e di stelle sapete che i Tuareg, un antico popolo nomade del Maghreb, ha una profonda conoscenza delle stelle che rappresentano anche per loro un valido strumento per orientarsi nel deserto. Soprannominati Uomini Blu“, con riferimento alla tradizione degli uomini di coprirsi il capo ed il volto con un velo blu (tagelmust) sanno individuare nel cielo le costellazioni che richiamano personaggi, animali e cose a volte collegati a dei miti. Per esempio la costellazione, a noi ben nota, dello Scorpione è denominata Tezardemt ed è considerata divisa in più parti. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-03-24-194639-1.png

La parte anteriore corrisponde, per la sua sagoma particolare, alla lama da dattero (Talezdäq o Tajdayt) mentre la stella più luminosa Antares (Abelkoray o Amrot) rappresenta un giovane che vi si sta arrampicando. Le tre stelle in alto sono tre giovani donne (Tibaradin/Shibaradin ) che insieme al ragazzo vanno allo stagno (Teghazert). Questa costellazione inizierà ad essere ben visibile alla sera, nei prossimi mesi, volgendo lo sguardo a Sud. Questo fino ad agosto, quando il suo tramonto (subito dopo quello del Sole), sarà il segno della fine dell’estate.

cieli sereni e alla prossima

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.
.

Loading

(Visited 147 times, 1 visits today)
Share
5 2 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
6 visitatori online
6 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 20 alle 12:08 am
Mese in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x