Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Il Vespucci ha ripreso il suo viaggio intorno al mondo … un aggiornamento da Capitan Bitta

tempo di lettura: 9 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: NAVIGAZIONE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Vespucci
.

Riprendiamo gli estratti dal diario di bordo di Capitan Bitta ispirato alla campagna di Nave Vespucci. Ci eravamo lasciati 130 giorni fa con l’arrivo della nave più bella del mondo nei cantieri di La Plata per la necessaria sosta lavori da effettuare prima di ripartire per il suo lungo viaggio intorno al mondo. La nave ha effettuato tutte le lavorazioni ed è ora pronta per la partenza di domani 13 marzo per raggiungere il primo porto, Montevideo (Uruguay). Una curiosità, a bordo sono state lucidate anche le… “bambole”. Nel gergo marinaresco con il termine bambole ci si riferisce a quelle attrezzature fisse situate in coperta e usate per deviare il tiro di un cavo in una determinata direzione; le avrete probabilmente notate su imbarcazioni di medio-grandi dimensioni e sono formate da un rullo con asse verticale montato su una robusta colonna saldata sul ponte.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-03-22-090223.png

Mercoledì 13 marzo 2024
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-03-22-090717.png

Nave Vespucci ha ripreso il mare ed è in navigazione nel Rio della Plata verso Montevideo. Con i suoi 290 chilometri di lunghezza, il Rio della Plata, è ben più corto del Tevere che ne misura 405. In compenso la superficie del suo bacino, di 34.000 chilometri quadrati, è equivalente al territorio dell’Olanda. Il fiume fu scoperto nel 1516 dallo spagnolo Juan Diaz de Solís che vi giunse mentre era alla ricerca di un passaggio per le isole delle spezie seguendo proprio la rotta che proprio Amerigo Vespucci aveva intrapreso nel 1501-1502 durante il suo terzo viaggio. Il fiume fu chiamato Mar Dulce, a causa della corrente che impedisce il riflusso di acqua salata dall’oceano. Diaz de Solís morì in quella spedizione (a La Plata) ed in suo onore, per un certo periodo, il fiume fu chiamato Río de Solís. Divenne in seguito il “Fiume dell’Argento” quando fu immaginato come possibile via per arrivare alle ricchezze del Perù. Il territorio in cui scorreva fu battezzato Argentina, anche se, in realtà, di argento non ne fu mai trovato!

Giovedì 14 marzo 2024

Dopo una breve navigazione Nave Vespucci è giunta oggi nel porto di Montevideo in Uruguay. Avrete probabilmente notato sui media la sua particolare bandiera, adottata nel 1828, che è composta da 9 strisce orizzontali, 5 bianche e 4 blu. Nel cantone superiore, vicino all’asta, è presente un quadrato bianco recante il Sol de Mayo (sole di maggio) a 16 raggi (8 dritti ed 8 ondulati). Il “sole di maggio” è il simbolo dell’indipendenza argentina mentre i tratti della bandiera si ispirano a quelli degli Stati Uniti richiamando le nove Province Unite del Rio della Plata in cui all’epoca era diviso il paese. Originariamente le strisce erano 19 e il sole aveva 32 raggi. Poi il numero fu ridotto a nove, perché le originarie 19 erano troppo fitte e risultavano poco distinguibili a distanza. Anche il disegno del sole nel cantone fu modificato nel 1930, quando assunse l’aspetto attuale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è BANDIERE-640px-Flying_the_Uruguayan_Flag_5364143845.jpg

Bandiera dell’Uruguay – autore Alex Proimos, Sydney, AustraliaFlying the Uruguayan Flag (5364143845).jpg – Wikimedia Commons

Venerdì 15 marzo 2024

Nave Vespucci in porto a Montevideo (Uruguay), continuano i contatti con le autorità locali. Colgo oggi l’occasione per parlare di un bel veliero, il Capitan Miranda. Si tratta di una goletta 1 a tre alberi della Marina uruguaiana che fu varata nel 1930 (il Vespucci nel 1931) come nave da trasporto merci. Nel 1960 il veliero fu destinato alla ricerca oceanografica e all’idrografia per la realizzazione di carte nautiche. Nel 1977 divenne nave scuola a favore dei futuri ufficiali della Marina Militare Uruguaiana. Il Capitan Miranda ha un equipaggio di 85 uomini (di cui 40 cadetti), è lunga 54,5 metri e ha un dislocamento di 1020 t e prende il nome dal capitano Francisco Miranda, un navigante uruguaiano di origine spagnola (da non confondere con il più noto Francisco de Miranda) che ebbe grande ed illustre prestigio nella marineria di quel paese. Nel 1987, in occasione della ottava campagna addestrativa, la nave fece il giro del mondo, diventando la prima nave della Marina uruguaiana a compiere questa impresa. Salpò il 2 agosto 1987 da Montevideo e in quell’occasione navigò per 355 giorni, percorrendo 34.100 miglia attraverso diversi mari e oceani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è URUGUAY-Capitan-miranda-Tall_ships_Belfast_Lough_2009_8_-_geograph.org_.uk_-_1447988.jpg

la goletta Capitan Miranda durante la Tall Ships, Belfast Lough, 2009. Il Capitan Miranda, una goletta di 205 piedi varata come nave da carico, nel 1978 fu trasformata in nave scuola per la marina uruguaiana – autore Aubrey Dale File:Tall ships, Belfast Lough, 2009 (8) – geograph.org.uk – 1447988.jpg – Wikimedia Commons

Sabato 16 marzo 2024

Il Vespucci ha lasciato Montevideo ed è ora in navigazione, sempre nel Rio della Plata, diretto a Buenos Aires. La SUDESTADA è un fenomeno caratterizzato da venti di forte intensità provenienti dal settore SE (“sud est”) nel Rio della Plata. Questi venti hanno origine dalla combinazione di un centro di alta pressione (A) situato sull’Oceano Atlantico, vicino alla Patagonia, e di un altro centro di bassa pressione (B) situato a Nord dell’Uruguay. Il centro di alta pressione trasporta aria fredda dal mare, mentre la bassa porta aria calda e umida dalla costa settentrionale. Ciò dà origine a nuvolosità intensa e a piogge persistenti caratteristiche del sud-est.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ARGENTINA-RIO-DELLA-PLATA-Rio_de_la_Plata_BA_2-1024x678.jpg

Fotografia della NASA dell’estuario del Río de la Plata. Notare la Grande Buenos Aires sul lato destro dell’immagine e Montevideo sul lato sinistro (vicino alla foce del Santa Lucía). A est della Grande Buenos Aires, è visibile una città più piccola, inclusa La Plata (a pochi chilometri nell’entroterra) e l’area di Berisso-Ensenada (vicino al fiume). L’acqua del fiume è marrone a causa dei sedimenti trasportati dai fiumi Paranà e Uruguay a seguito delle grandi piogge. Il colore diventa blu quando ci si avvicina all’Oceano Atlantico meridionale. Notate che il cambiamento di colore mostra il passaggio dall’acqua dolce all’acqua salata, il cui confine dipende dai venti e dalle correnti – Fonte NASA Earth Sciences and Image Analysis Laboratory, NASA Johnson Space Center
Rio de la Plata BA 2.JPG – Wikimedia Commons

Nel 90% dei casi le “Sudestadas” si verificano tra aprile e dicembre (che corrispondono all’autunno, inverno e primavera dell’emisfero Sud), provocando grandi inondazioni e onde alte nel Río de la Plata che trasportano molti sedimenti verso l’oceano.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-03-23-064731.png

Nell’emisfero australe, oltre ad essere invertite le stagioni, anche la circolazione dell’aria intorno alle Alte e alle Basse pressioni è opposta a quella dell’emisfero Nord ovvero è oraria intorno alle Basse e antioraria intorno alle Alte pressioni High and low pressure N and S.svg – Wikimedia Commons

Domenica 17 marzo 2024
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-03-22-090340.png

Nave Vespucci, dopo 72 anni, ritorna nel porto di Buenos Aires, proprio nella data in cui in Italia si festeggia la Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera (Legge 23 novembre 2012, n. 222). Il 17 marzo 1861 fu proclamata, a Torino, l’Unità d’Italia; atto che sancì, ad opera del Regno di Sardegna, la nascita del nuovo Stato unitario italiano formatosi con le annessioni di gran parte degli Stati preunitari. Il Risorgimento continuò con l’incorporazione del Veneto nel 1866 e si ritiene tradizionalmente concluso il 20 settembre 1870 con la presa di Roma e la sua proclamazione a capitale d’Italia del 3 febbraio 1871. Rimasero fuori dal Regno d’Italia le “terre irredente” di Trento e Trieste, che furono finalmente incorporate solo al termine della prima guerra mondiale.

Lunedì 18 marzo 2024

Nave Vespucci in porto a Buenos Aires. Non tutti sanno che esiste un legame tra il nome della Capitale argentina e … Cagliari: un legame che parte dal santuario di Nostra Signora di Bonaria nel capoluogo sardo. Ecco la sua storia iniziata 488 anni fa. Il 3 febbraio 1536 lo spagnolo Pedro de Mendoza, a capo di una spedizione per esplorare i territori attorno al Mar de la Plata, fondò un villaggio al quale voleva dare il nome di Città della Santissima Trinità. A bordo della nave della spedizione erano presenti molti marinai sardi devoti alla Madonna di Bonaria, venerata a Cagliari, i quali volevano che si chiamasse Città della Madonna di Bonaria. Vi fu una disputa ma alla fine fu trovato un compromesso: la città risultò Città della Santissima Trinità e Porto di Nostra Signora di Bonaria. Il nome però era tanto lungo che nel tempo rimasero in uso solamente le due ultime parole: Buenos Aires (Bonaria), in ricordo della Madonna. Nella Capitale argentina si trova una grande basilica, eretta nel 1911, dedicata a Nuestra Señora de los Buenos Aires la cui festa, come nel capoluogo sardo, si celebra il 24 aprile. Proprio per questa devozione comune per la Madonna di Bonaria, nel 1968, Cagliari e Buenos Aires strinsero un gemellaggio, rinnovato nel 2001 e consolidato con l’elezione a papa del locale arcivescovo Jorge Mario Bergoglio (Papa Francesco) nel 2013.

Martedì 19 marzo 2024
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-03-22-090350.png

Nave Vespucci in porto a Buenos Aires.  Oggi, 19 marzo, a bordo si festeggia l’onomastico dei membri dell’equipaggio che portano il nome Giuseppe (anche il comandante) e di coloro che sono papà. Inoltre, S. Giuseppe, vista la sua professione in vita, è considerato protettore dei falegnami, dei carpentieri e dei maestri d’ascia. In Argentina, a differenza che in Italia, la festa del papà (Día del padre) ha un’altra data: non il 19 marzo ma una data variabile e precisamente la terza domenica di giugno. In realtà in tutto il mondo sono 77 i paesi che non celebrano la festa del papà il 19 marzo bensì la terza domenica di giugno. La scelta della data di giugno in Argentina è legata, a partire dagli anni 60, al costume degli Stati Uniti; in precedenza la celebrazione del Día del padre, era il 24 agosto, non una data a caso ma quella di nascita (1816) di Mercedes Tomasa de San Martín y Escalada, figlia del generale José de San Martín, anch’egli padre della patria e figura fondamentale nell’indipendenza dell’Argentina.

Mercoledì 20 marzo 2024

Continua la sosta di Nave Vespucci in porto a Buenos Aires. Oggi, mercoledì 20 marzo, precisamente questa mattina quando in Italia gli orologi segnavano le 04:07, si è verificato l’Equinozio di Primavera. Meglio sarebbe dire “di Marzo” dato che per l’emisfero meridionale, dove si trova anche il Vespucci, questo giorno coincide, invece, con l’inizio dell’Autunno. Nel giorno di oggi i raggi del Sole colpiscono perpendicolarmente (a 90°) l’asse terrestre e di conseguenza il nostro astro a mezzodì si trova “a picco” sull’ Equatore. La durata del dì è all’incirca uguale a quella della notte su tutta la Terra. La parola “equinozio” (da equi-nox) sta ad indicare, appunto, l’equivalenza (teorica) tra le 12 ore di luce e le 12 ore di buio che si hanno su tutta la Terra. Perché il 20 e non il 21 marzo? Nell’immaginario (dai ricordi scolastici) la primavera inizia il 21 marzo ma, da un po’ di tempo (dal 2007), non è più così. Scherzi del calendario gregoriano in uso che tenta di conciliare la durata esatta del giorno (moto di rotazione della Terra su sé stessa) con quella dell’anno (moto di rivoluzione intorno al Sole). Ci dovremo rassegnare perché tornerà ad essere il 21 marzo tra 78 anni, nel 2102. Alla stessa ora scoccherà il nuovo anno (Nowruz) per il calendario Persiano secondo il quale oggi, in Iran e in molti paesi del Medio Oriente, è il primo giorno del 1403.

Giovedì 21 marzo 2024

Nave Amerigo Vespucci ha lasciato il porto di Buenos Aires. Seguendo il corso del Rio della Plata raggiungerà l’Oceano Atlantico e scenderà a Sud verso le isole della Terra del Fuoco. In forza della portata d’acqua dolce proveniente dai due principali fiumi (Uruguay e Paranà) e dai loro affluenti, si stima che nell’estuario vengono riversati, annualmente, circa 57 milioni di m³ di detriti e di limo. Alle acque limacciose, ai bassi fondali e agli ostacoli sommersi si possono aggiungere venti improvvisi e capricciosi: per questo la navigazione richiede la massima cautela e attenzione nonostante la rotta tra Buenos Aires e l’Atlantico venga costantemente dragata.

Il viaggio della nave più bella del mondo intorno al mondo prosegue e capitan Bitta continuerà a raccontarci tante curiosità sul mare.

Paolo Giannetti

.

Note

1 Una goletta è un tipo di nave a vela definita dal suo armo: prua e poppa attrezzata su due o più alberi

.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

.

Loading

(Visited 176 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
3 visitatori online
3 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 20 alle 12:08 am
Mese in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x