Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Il Mediterraneo allargato: le sfide securitarie nell’attuale contesto geopolitico ed il ruolo dell’Italia – parte V – di Salvatore Ronzo

tempo di lettura: 4 minuti

 

livello elementare

 

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Mediterraneo allargato

 

Conclusioni

Il Bacino del Mediterraneo allargato, come visto, è una regione di grande importanza strategica ed economica, motivo per cui le potenze mondiali vi sono profondamente coinvolte. Le loro motivazioni includono il controllo delle rotte marittime, l’accesso alle risorse energetiche, la sicurezza, l’influenza regionale e la soluzione dei conflitti. Le potenze globali e regionali cercano di svolgere un ruolo di mediatore e/o di facilitatore nella risoluzione di questi conflitti, poiché la stabilità dell’area è fondamentale per la stabilità globale e continuerà ad essere un elemento chiave nella geopolitica globale nei prossimi anni. 

Il conflitto ucraino ha ancor più accentuato questa importanza perché, se da un lato il Mar Nero ne è il teatro marittimo principale, questo, in quanto bacino chiuso, ha rilievo, nella sua dimensione marittima, solo in virtù degli stretti turchi che lo connettono al Mediterraneo; dall’altro il Mediterraneo è divenuto – come già durante la guerra fredda – il luogo delle schermaglie tra la Russia, che ha rinforzato sensibilmente il suo dispositivo navale, e la NATO.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è balck-sea-ukraina-nasa-pollution-1.jpeg

Inoltre, il fu mare nostrum ha purtroppo il persistente ruolo di luttuosa frontiera tra l’Europa mediterranea, propaggine meridionale del mondo ricco e gli incerti territori nordafricani e di interconnettere il Pacifico con l’Atlantico, l’Asia con l’Occidente. Per l’Italia questa sfida è ancora più importante, poiché gli interessi commerciali transitano dapprima per il Canale di Sicilia,  poi per quello Suez in direzione Golfo di Aden, Bab el Mandeb e il Mar Rosso fino a raggiungere le coste della Penisola arabica; inoltre, lo Stretto di Sicilia, da anni, è il luogo più utilizzato per il passaggio delle rotte per il traffico di essere umani.

Per questo motivo, l’Italia ha messo in atto un’iniziativa molto forte, oltre che nei Balcani, per proporsi come il fulcro di un nuovo sistema mediterraneo e quale nazione cardine per la connessione tra Mediterraneo e l’Indo pacifico, conservando i suoi tradizionali legami con l’Alleanza atlantica. In questo quadro “Il Piano Mattei” potrà portare un valore aggiunto se l’Italia, oltre alle iniziative bilaterali, riuscirà a guidare un processo multilaterale offrendo competenze tecniche, risorse finanziarie e politiche.

 

In questa ottica occorre mettere in campo altre iniziative per il controllo dei flussi migratori che oramai non possono essere più considerate un’“emergenza”, bensì una realtà consolidata con cui i Paesi europei che si affacciano sul Mediterraneo, e poi tutta l’Unione, si devono necessariamente confrontare superando definitivamente il “Regolamento di Dublino III” del 2013 che prendeva in considerazione un mondo che oramai non esiste più. Sfida accolta ma non ancora risolta nè con il rafforzamento dell’”Agenzia FRONTEX”, né così come sembra, con l’istituzione dell’”Agenzia dell’Unione europea per l’Asilo (EUAA)”.[36]

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è AIS-DATA-BAB-EL-MANDEB-.png

La lotta al terrorismo rappresenta un’altra sfida cruciale per la politica nazionale nel Mediterraneo allargato. L’Italia è ben consapevole delle minacce terroristiche presenti nella regione e deve continuare a lavorare in stretta collaborazione con i suoi alleati per contrastarla. Questo coinvolge la condivisione di informazioni di intelligence, la cooperazione in materia di sicurezza e il monitoraggio delle attività sospette. Infine, la sicurezza energetica è una ulteriore preoccupazione di grande attualità per una nazione per la quale molte delle risorse necessarie per il suo fabbisogno transitano nel Mediterraneo allargato. Motivo per cui l’Italia sta cercando di diversificare le sue fonti, investendo anche in progetti infrastrutturali per garantire un acquisire un più stabile e sicuro approvvigionamento non più prevalentemente dipendente dalla Federazione Russa.

In conclusione, la posizione geografica dell’Italia la rende un attore chiave per la promozione della stabilità e della sicurezza nel Mediterraneo allargato della quale deve essere sempre più protagonista mediante la cooperazione internazionale, la diplomazia multilaterale e al, contempo, al rafforzamento delle capacità nazionali avendo la piena consapevolezza della complessità della regione e della necessità di affrontare le sfide di sicurezza in modo coordinato e con soluzioni di lungo periodo.

Fine V parte – continua

Salvatore Ronzo

 

da IL MEDITERRANEO ALLARGATO: LE SFIDE SECURITARIE NELL’ATTUALE CONTESTO GEOPOLITICO ED IL RUOLO DELL’ITALIA – Salvatore Ronzo – Mediterranean Insecurity di Ferdinando Sanfelice di Monteforte e Laura Quadarella Sanfelice di Monteforte

 

Note

[36] Si veda https://european-union.europa.eu/institutions-law-budget/institutions-and-bodies/search-all-eu-institutions-and-bodies/european-union-agency-asylum-euaa_it: “EUAA è un’agenzia decentrata dell’UE che fornisce sostegno operativo e tecnico e formazione alle autorità nazionali dei paesi dell’UE, aiutandoli ad attuare il diritto dell’UE in materia di asilo e a favorire una maggiore convergenza nelle procedure di asilo e nelle condizioni di accoglienza.” Con sede in La Valletta è stata istituita con “Regolamento (UE) 2021/2303 del Parlamento europeo e del Consiglio del 15 dicembre 2021 relativo all’Agenzia dell’Unione europea per l’asilo e che abroga il regolamento (UE) n. 439/2010.”

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

PARTE I PARTE II PARTE III

PARTE IV PARTE V

 

 

Loading

(Visited 84 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
19 visitatori online
19 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 28 alle 09:57 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x