Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Quando la disciplina era una cosa … seria – parte I

tempo di lettura: 6 minuti

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: CULTURA MARINARA
PERIODO: XVII – XIX SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Disciplina

 

Ovviamente il titolo è ironico
Ancora oggi nelle forze armate certe norme mantengono l’inflessibilità di sempre, ma al tempo della marina velica di due secoli fa solo un equipaggio piegato da una feroce disciplina, quasi disumana, riusciva a sopportare la vita sacrificata di bordo, costellata di pericoli, fatiche e scomodità. E oltre a questo non va dimenticato che gli equipaggi provenivano dagli strati più bassi della società ed erano per natura composti da persone rozze, violente e rissose.

Forse qualche considerazione differente poteva farsi per gli ufficiali, ma solo marginale rispetto al discorso generale perché la qualità della vita di bordo e le regole valevano anche per loro, con in più la grave responsabilità di mantenere la disciplina fra i marinai. Sulle navi italiane, nella prima metà del XIX secolo, un’ulteriore potenziale pericolo per l’ordinata vita di bordo erano le idee politiche: molti ufficiali si erano formati in epoca napoleonica e nel loro intimo erano insofferenti nei confronti dei rigidissimi ma sorpassati  riti e  prescrizioni che la Restaurazione del 1815 aveva riportato in vita e non mancava fra il personale di ogni grado chi aveva aderito alle sette segrete o era diventato un seguace di Mazzini (1). Le caute aperture verso le idee egualitarie, l’unità nazionale e governi costituzionali si sarebbero sviluppate in Piemonte solo poco prima del 1848.

In conclusione, all’epoca [per quanto inumana] la dura disciplina in tutte le sue forme era essenziale per tenere a bada le teste calde, sempre pericolose sia che mettessero mano al coltello sia che sobillassero le menti con discorsi proibiti. 

Le “Istruzioni provvisorie per il servizio dei bastimenti da guerra della Marina di S.M.” fatte compilare e pubblicare a Genova nel 1826 dall’ammiraglio Des Geneys generale delle regie armate, ammiraglio, comandante in capo la marina e in parte riecheggianti le normative della Royal Navy britannica, fra i tanti argomenti affrontati si occupano anche delle norme disciplinari elencando dettagliatamente in 40 articoli le infrazioni con ben 29 tipi diversi di punizioni la cui natura e durata variava in  relazione al grado ricoperto.

Per gli ufficiali erano previsti:

– Rimprovero in privato o in presenza dell’equipaggio.

–  Arresti semplici a bordo.

–  Arresti semplici in camerino o nella propria stanza, se a terra.

–  Arresti di rigore.

–  Sospensione

I Guardiamarina che, almeno sotto certi aspetti non erano considerati veri e propri ufficiali, ricevevano punizioni diverse quali gli arresti sul ponte, sulle crocette, sulle gabbie o sui pennoni. In considerazione del fatto che alloggiavano in un locale comune con tutti i parigrado e che quindi non era possibile un completo isolamento, per le mancanze più gravi era stata escogitata la Fossa dei leoni, cioè … il luogo che sarà destinato a bordo d’ogni bastimento per castigo degli Guardia Marina ed Allievi, e nel quale non vi sarà mai detenuto più di un individuo alla volta. Il castigo poteva essere aggravato dalla relegazione a pane ed acqua.

Alla porta veniva messo un guardiano per evitare indebite visite che, per cameratismo giovanile, si prevedeva che non sarebbero mancate. Ad ogni modo poteva andare peggio: fino al secolo precedente i Guardiamarina potevano venire frustati o bastonati mentre, lontano dall’Europa, analogo castigo subì in Cina, addirittura negli ultimi anni dell‘800, il comandante di una cannoniera colpevole di averla fatta incagliare sugli scogli.

Per i Bassi Ufficiali e i marinai le punizioni erano più fantasiose e spesso era previsto che certe sanzioni venissero aggravate con l’obbligo di servizi maggiormente pesanti o prolungamento dei turni.

Essi potevano incorrere in:

–  Ritenzione del vino.

–  Consegna a bordo, sulla coperta  o in caserma.

–  Sala di disciplina o prigione secondo il grado.

–  Ritenzione della paga.

–  Ai ferri.

–  Ai ceppi.

Queste due ultime punizioni potevano essere aggravate sia da ferri corti o incrociati sia da vitto a pane ed acqua.

–  Sospensione dal grado.

E, solo per i marinai:

–  Berretto di castigo.

–  Esposizione sull’alberatura da due a quattro ore al giorno.

–  Retrocessione di classe.

–  Bretelle, da 20 a 60 colpi.                 

–  Trenelle, da 5 a 15 colpi.        

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-PUNIZIONI-1200px-From_Vice_Admiral_Paris_Membre_de_L_institute_Conservateur_de_Musee_de_Marine_au_Louvre_-_to_John_Burns_1878._IX_Dans_les_hauband_RMG_PU4760-1024x742.jpg

L’esposizione all’alberatura – autore Cadart (engraver); Paris, L (artist) – dal Vice Admiral Paris Membre de L’ institute Conservateur de Musee de Marine au Louvre a John Burns 1878. IX Dans les haubans From Vice Admiral Paris Membre de L’ institute Conservateur de Musee de Marine au Louvre – to John Burns 1878. IX Dans les hauband RMG PU4760.jpg – Wikimedia Commons

Le punizioni dei ferri e dei ceppi sono ben note a chi conosca la storia e consistono nel privare il colpevole della mobilità, pur con alcuni periodi di libertà nel corso della giornata e nella notte (2). 

Le bretelle e le trenelle sono termini per indicare la pena della fustigazione: nel primo caso la striscia di cuoio era semplice e nel secondo intrecciata: le bretelle erano previste anche per i giovanissimi mozzi arruolati in età compresa fra i dodici e i quindici anni, che però in tali casi dovevano essere applicate “sempre in modo moderato e paterno”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-INGLESE-FRUSTA.jpg

Fustigazione di un marinaio su una nave inglese – Stampa dell’epoca, autore sconosciuto da https://it.topwar.ru/134526-telesnye-nakazaniya-na-flote.html)

La fustigazione poteva essere ordinata solo dal Comandante che, nei casi in cui i colpi dovessero essere inflitti in misura particolarmente generosa, doveva interpellare il secondo di bordo ed eventualmente anche il Pilota e il Primo Nocchiere. La frusta era considerata anche pena accessoria data in sovrappiù alle altre in caso di circostanze aggravanti e che esigessero un’istantanea ed esemplare punizione; per l’indeterminatezza di questo enunciato potevano essere comminate per qualunque mancanza senza che si attenuassero gli altri castighi inflitti. Gli ammiragli e gli ufficiali superiori comandanti di un’unità potevano  aumentare il numero dei colpi fino a 180 di bretelle e 45 di trenelle.

L’ammiraglio Baldassarre Galli della Mantica (Cherasco 1815-1870) medaglia d’oro al valor militare guadagnata all’assedio di Ancona nel 1870, ma persona dal cattivo carattere, era noto nell’ambiente per la frequenza e la facilità con cui irrogava punizioni corporali.

Sembra che anche l’ammiraglio Napoleone Canevaro (Lima 1838-Venezia 1926) appartenesse alla linea più conservatrice, anche se visse in un’epoca più tarda e poté vedere una sostanziale attenuazione dei castighi. Non è stato possibile appurare che cosa fosse il berretto di castigo, che forse era soprattutto umiliante e che fa solo venire in mente il copricapo con le orecchie d’asino con cui si punivano gli scolari di un tempo ormai lontano.   

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-PROGIONIERI.jpg

Marinai ai ferri (Ed. Cartoleria Milano, La Spezia. Foto E. Caretti) da
https://www.lavocedelmarinaio.com/2016/06/marinai-ai-ferri/

Naturalmente quanto detto finora sull’argomento riguardava solo gli atti non premeditati, dovuti a distrazione o stanchezza, mentre se il fatto lo richiedeva si passava al giudizio, che poteva essere ben più severo, del Consiglio di Guerra Marittimo (3).

Fine I parte  – continua 

Guglielmo Evangelista 

 

in anteprima stampa sulla pratica della fustigazione, una punizione frequente nella Marina inglese durante il periodo di Nelson. L’intero equipaggio, escluso quello che lavorava sulla nave, veniva riunito a poppa sul cassero per assistere alla punizione: l’esempio pubblico è un elemento importante nella pratica. Il colpevole era assicurato ad una grata rovesciata e gli ufficiali e i marines si posizionavano sul ponte (la presenza dei marines era anche di sostenere l’autorità degli ufficiali). Il capitano leggeva la sezione degli Articoli di Guerra che il colpevole aveva offeso – spesso ubriachezza o altri comportamenti antisociali – e indicava il numero di frustate. Due dozzine era il massimo senza una corte marziale. Questa stampa è curiosa: un marinaio innocente sta per essere punito per un reato che non ha commesso ed il vero colpevole si fa avanti togliendosi la maglietta, per accettare la punizione che sicuramente seguirà. Autore George Cruikshank; Robins, James and Co. The Point of Honour (caricature) RMG 2032.tiff – Wikimedia Commons

 

Note

  1. Anche Giuseppe Garibaldi, arruolatosi nella Marina Sarda nel 1833 ed imbarcato sulla fregata Euridice, confessa nelle sue memorie “la mia missione colà era di fare de’ proseliti alla rivoluzione ed io me ne era disimpegnato della miglior maniera”.
  2. La pena dei ferri sopravvisse a lungo anche dopo l’abolizione delle altre punizioni corporali che avvenne, almeno formalmente, in tutte le marine europee poco dopo la metà del XIX secolo. Il “Regolamento di disciplina per i militari indigeni dei Regi Corpi di truppe coloniali” del 1937 ancora prevedeva per costoro la pena dei ceppi.
  3. In base al Codice Penale militare i Consigli di guerra avevano il potere di condannare alla reclusione fino a vent’anni, ai lavori forzati che potevano essere anche a vita, ai colpi di verga (fino a milleottocento!) e nei casi più gravi in tempo di guerra alla morte col laccio sulle forche o alla fucilazione nella schiena.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Loading

(Visited 343 times, 1 visits today)
Share
5 3 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia Contemporanea
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
18 visitatori online
18 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 21 alle 07:55 am
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x