Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Ecco MAGURA V5. Sarà un nuovo incubo per la flotta russa del mar Nero?

tempo di lettura: 6 minuti

livello elementare

.

ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR NERO
parole chiave: mezzi 

 

Una vecchia idea tornata in auge: i barchini esplosivi
Nel 1938 vennero realizzati dalla Regia Marina italiana dei minuscoli motoscafi a fondo piatto (tecnicamente chiamati M.T. ovvero motoscafi turismo) che trasportavano sulla prua una carica esplosiva di 300 kg di tritolo che sarebbe stata attivata dall’urto contro la nave nemica. Propulsi da un potente motore 2500 Alfa-Romeo, erano guidati da un pilota posto su una tavoletta fuori bordo a poppa che infilava le gambe in due interstizi ai fianchi del motore. Questi motoscafi erano stati costruiti inizialmente dal cantiere Baglietto di Varazze nel novembre del 1936 su idea del duca Amedeo d’Aosta, all’epoca generale della Regia Aeronautica che pensò ad un’azione combinata idrovolanti (SM 55) e barchini. Il concetto fu poi ripreso dal fratello Aimone duca di Spoleto, ammiraglio della Regia Marina, che, con i capitani di fregata Giorgio Giorgis e Carlo Margottini, abbandonando l’idea di usare gli aerei, pensò piuttosto ad un loro imbarco a bordo dei cacciatorpediniere. L’addestramento su questi mezzi iniziò nell’autunno del 1938 presso la base di Balipedio Cottrau, sulla strada di Portovenere (La Spezia), ed il primo esperimento venne fatto, sempre contro l’esploratore RN Quarto, il 13 novembre del 1940.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MTM-barchino-fasi.png

le fasi dell’attacco dei barchini – Ufficio Storico della Marina Militare

Il concetto di impiego dei M.T. era innovativo. Toschi scrisse: “Si tratta di riuscire ad entrare, col favore della notte e con il motore al minimo, entro un porto nemico non troppo protetto e controllato. Poi, alle prime luci dell’alba, da distanza ravvicinata, partire a tutta velocità contro la sagoma della nave nemica. Giunti a duecento metri, prendere bene la mira, bloccare il volante e gettarsi via, all’indietro, nel gorgo tumultuoso dell’elica. L’urto contro la carena provocherà l’affondamento della carica e la sua successiva esplosione sui sei metri di profondità per ottenere il massimo effetto balistico.

Queste armi furono impiegate anche nel dopo guerra dalla nascente marina israeliana, addestrata da reduci della 10 flottiglia MAS, con successo con l’affondamento della nave ammiraglia egiziana “Emir Farouk” e di un dragamine. Questa missione fu strategicamente importante perché liberò le coste Israeliane dalla pressione della Marina Egiziana e permise all’esercito di conquistare la striscia di Gaza.

L’idea, come spesso accade, non fu abbandonata e recentemente è tornata in auge in aree geografiche diverse: nel Golfo di Aden dove mezzi simili sono usati dagli Houthis, impiegando mezzi derivati (o forse forniti) dalla Guardia rivoluzionaria iraniana, e durante la guerra russo-ucraina dove la flotta di Mosca continua ad essere sottoposta da attacchi continui di mezzi autonomi di superficie di fatto un’evoluzione tecnologica dei barchini inventati dalla Marina italiana quasi un secolo fa.

I nuovi droni navali di superficie ucraini
Secondo l’autorevole esperto H.I Hutton si tratterebbe per lo più di piccoli droni di superficie (USV – unmanned surface vessel) realizzati nelle ultime versioni trasformando degli scafi commerciali molto simili alle moto d’acqua a propulsione a getto costruite dalla Sea-Doo, una nota azienda canadese. Questa società è presente liberamente sul mercato ed offre un’ampia scelta di prodotti con motori elettrici ma anche a benzina o diesel. Dalle foto presenti sulla stampa si notano alcune caratteristiche interessanti: lo scafo è sottile, apparentemente costruito in alluminio, con una forma che offre una bassa risposta radar; a prora appaiono delle sporgenze identificabili come spolette di impatto simili alla famiglia delle FAB-500 dell’era sovietica, ancora ampiamente utilizzate oggi nei Paesi ex sovietici. A seguito dell’urto contro il bersaglio, il detonatore attiverebbe la carica esplosiva contenuta nella parte anteriore del mezzo. L’esplosione avverrebbe quindi a livello superficiale e non sotto lo scafo come per i barchini italiani dell’ultima guerra.

A differenza degli USV in uso nello Yemen dagli Houthis e in dotazione alle forze iraniane (che mantengono sul mezzo una posizione di pilotaggio, probabilmente per i periodi di trasferimento), il nuovo mezzo ucraino è completamente autonomo ovvero è sempre privo di equipaggio. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-UCRAINA-Ukraine-Navy-Maritime-Drone-USV-Cutaway-1024x576.jpg

disegno della prima generazione di droni marittimi ucraini H I Sutton – Covert Shores

Un’evoluzione rapida 
Quando un primo modello di USV ucraino fu ritrovato spiaggiato, alla fine di settembre scorso, la sua pericolosità fu forse sottovalutata dalla marina russa … un grave errore che comportò le ben note disavventure navali delle unità russe che si rintanarono nel porto di Sebastopoli, Crimea, limitandosi a lanciare i loro micidiali missili dalle banchine di ormeggio. Il timore di nuovi attacchi portò ad un potenziamento delle difese utilizzando un braccio del porto per controllare l’accesso con tutti i sistemi possibili, compreso un distaccamento di delfini beluga.

Di fatto il 29 ottobre, la marina ucraina impiegò questi mezzi insieme a dei droni aerei, per attaccare Sebastopoli e colpì la fregata Admiral Makarov e il dragamine Ivan Golubets. Gli attacchi si ripeterono sistematicamente ed il 16 luglio 2023 l’Ucraina attaccò nuovamente la principale base navale russa di Sebastopoli in Crimea e l’importante ponte di Kerch, che come ricorderete collega strategicamente la Crimea al territorio conquistato dai Russi.

Si trattava degli stessi mezzi?
Secondo HI Hutton, dall’analisi delle riprese video (fonti russe) gli USV coinvolti nell’attacco del 16 luglio sembrano essere diversi dai precedenti, di fatto un’evoluzione rispetto ai primi modelli del 2022, e mostrano uno scafo realizzato simile a quello di un jet ski commerciale a cui sono stati rimossi gli elementi non necessari (sedili, manubrio di guida). In alcune immagini si nota un contenitore poppiero che potrebbe essere un serbatoio aggiuntivo per aumentare la sua autonomia o forse una carica esplosiva aggiuntiva, forse per provocare un’esplosione secondaria.

In realtà, questo nuovo modello, presentato come MAGURA V5, più che un’evoluzione del sistema d’arma precedente, sembra essere stato ideato seguendo due fattori principali: la maggiore disponibilità di questo tipo di mezzi (essendo commerciali) ed un loro più basso costo (intorno a 250.0000 euro). Una soluzione interessante in quanto le eccellenti prestazioni dichiarate, l’insidiosità occulta e …. l’apparente attuale incapacità a fermarli efficacemente li rende oggi un nuovo incubo per la flotta russa del mar Nero.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2023-08-06-213904.png

il Magura V5 è un drone marittimo (USV) prodotto dalla SpetsTechnoExport (STE), un’impresa statale per il commercio estero con sede a Kiev (Ucraina), specializzata nell’esportazione e importazione di prodotti per servizi militari e a duplice scopo (dual use)

Specifiche Magura V5
Lunghezza: 5,5 metri – Larghezza: 1,5 metri
Altezza sopra la linea di galleggiamento: 0,5 metri
Velocità: 22 nodi di crociera, 42 nodi max
Autonomia: 450 miglia nautiche (circa 833 km)
Carico utile: 320 kg
Comunicazione: radio mesh con ripetitore d’antenna o comunicazione satellitare.

Non solo droni di superficie
Recentemente è stato presentato dall’industria ucraina anche il TLK-150 Toloka, un mezzo subacqueo senza pilota (UUV) one shot (ovvero non riutilizzabile) sviluppato dal Brave1, un cluster di sviluppo tecnologico ucraino nel campo della difesa.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è marina-ucraina-toloka-150-1682703844_2-768x1024.jpg

Il Toloka 150 della Brave1 è un veicolo subacqueo di “medie” dimensioni che può avere una lunghezza da 4 a 6 m. Secondo la casa costruttrice sarà in grado di trasportare testate esplosive fino a 500 kg. Secondo la rivista on line Topwar.ru, military review non sono chiare le sue prestazioni ma la propulsione dovrebbe essere elettrica ibrida.
Ukrainian project of the family of unmanned underwater vehicles “Toloka” (topwar.ru)

Le informazioni su questo nuovo progetto, sebbene già presentato nel mercato internazionale, sono ancora molto limitate e il dispositivo stesso è ancora in fase di prototipo. Questo drone sottomarino è di dimensioni inferiori rispetto alle precedenti generazioni di droni kamikaze navali ucraini già usati contro le navi russe nei porti della Crimea e sembrerebbe che potrebbe avere una variante per poter condurre missioni non distruttive come localizzare unità nemiche in mare, raccogliere informazioni sensibili o rilevare dei campi minati. In pratica un mezzo in grado di effettuare ricerche intelligence molto discrete. Per ora sembra quindi solo un prototipo la cui insidiosità sia tutt’altro che accertata ma è curioso che sia stato già presentato prima di un suo impiego reale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARINA-UCRAINA-HI-HUTTON-Ukraine-Maritime-Drones-July23-940.jpg

l’evoluzione dei micidiali droni navali ucraini – tratto da http://www.hisutton.com/Ukraine-Maritime-Drones-Evolution.htmlH I Sutton – Covert Shores

In questa tragica guerra, che appare senza fine, i mezzi autonomi stanno quindi diventando un complemento sempre più importante del conflitto. Di fatto, pur applicando un concetto operativo del secolo scorso, hanno dimostrato di essere in grado di poter perpetuare attacchi micidiali contro le forze russe all’interno delle loro munitissime basi. Quale sarà il loro peso in questa nuova fase del conflitto, aggravata anche dalle tensioni internazionali per lo sfruttamento delle rotte umanitarie e di trasporto del grano? Una domanda tutt’altro che scontata che solo l’evoluzione nei prossimi mesi potrà rispondere.

 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 616 times, 1 visits today)
Share
5 2 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
18 visitatori online
18 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 28 alle 09:57 am
Mese in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x