Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

E’ stato firmato l’accordo per l’Alto mare ora tocca alle nazioni renderlo effettivo

tempo di lettura: 3 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: AMBIENTE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANI
parole chiave: Protezione, Conservazione, Alto mare, UNCLOS

 

Nel marzo 2023 il Segretario Generale delle Nazioni Unite. con una dichiarazione rilasciata dal suo portavoce. annunciò la conclusione di un accordo raggiunto dai delegati della Conferenza intergovernativa sulla biodiversità marina delle aree al di fuori della giurisdizione nazionale, meglio noto con l’acronimo BBNJ che andava a coronare gli sforzi iniziati nel 2004.

Di fatto più di 190 paesi hanno raggiunto questo accordo storico concordando per la prima volta un quadro comune per la creazione di nuove aree protette nelle acque internazionali che dovrebbe portare a salvaguardare l’alto mare, ovvero in quella enorme fascia oltre i confini nazionali che costituisce i due terzi della superficie oceanica della Terra.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ALBA-DESERTO-Antarctica_2013_Journey_to_the_Crystal_Desert_8370630086.jpg

Se pensiamo che solo l’1,2% di queste acque è attualmente protetto dal punto di vista ambientale, il trattato legalmente proteggerà una vasta gamma di specie marine dal minuscolo plancton alle balene, contrastando l’inquinamento, la pesca eccessiva e l’estrazione mineraria in acque profonde. Nonostante i membri delle Nazioni Unite abbiano accettato la versione finale del testo, la sua applicazione è ancora lontana. Il 19 giugno 2023 il Trattato è stato firmato alle Nazioni Unite ed ora la palla è alle Nazioni che dovranno ratificarlo ovvero prendersi la responsabilità di applicarlo. Una volta che il trattato entrerà in vigore, le nazioni potranno iniziare a proporre l’istituzione di nuove aree di protezione marina impegnandosi al rospetto delle stesse e contrastando in quelle zone marittime internazionali tutte le attività di sfruttamento illegale come la pesca intensiva. Per quanto possa sembrare uno sforzo poco impattante sull’economia generale questo significativo passo va ad opporsi alla spirale discendente che vede come prima vittima la biodiversità. Va compreso che il depauperamento delle risorse degli Oceani favorisce il degrado degli ecosistemi cosa che va a ridurre l’importantissima funzione di assorbimento del carbonio che ci aiuta a mantenere sotto controllo il cambiamento climatico.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 800px-Zone-mare-it.svg-UNCLOS-687x1024.png

la suddivisione delle zone marine secondo UNCLOS – Autore traduzione Historicair. Oltre le 200 miglia nautiche entriamo nelle acque internazionali.Zonmar-it.svg – Wikimedia Commons

Come funzionerà il trattato oceanico?
Va compreso che ricadiamo nel Diritto consuetudinario per cui vale solo se gli Stati aderenti al Trattato vorranno effettivamente rispettarlo. Secondo UNCLOS l’autorità legale di un paese si estende generalmente a 200 miglia nautiche dalle sue coste. Dopo di che ci sono gli alti mari, dove nessuna nazione ha privilegi sugli altri … in pratica un’area di tutti e per tutti. Da qui la necessità di creare un meccanismo o meglio uno strumento che consenta ai Paesi di designarle acque internazionali e, di riflesso, far rispettare le promesse fatte al vertice della biodiversità delle Nazioni Unite dello scorso anno, COP15, in cui i delegati si sono impegnati a proteggere quasi un terzo della terra e degli oceani della Terra entro il 2030 come rifugio per le piante e gli animali del pianeta.

Le minacce da affrontare sono politiche e naturali: sfruttamento eccessivo e cambiamenti climatici sono emergenze da trattare insieme in maniera decisa e diversificata con coscienza e ricerca. La ricerca è fondamentale per comprendere i meccanismi e trovare soluzioni praticabili e sostenibili. Questo potrebbe portare vantaggi di riflesso come la scoperta di nuove sostanze naturali ad uso farmacologico. Non si tratta di fantasie in quanto, nel 2010, ad esempio, la Food and Drug Administration statunitense, dopo una ricerca medica su differenti organismi marini, approvò l’uso di un farmaco antitumorale basato su sostanze scoperte in una spugna di mare; un farmaco con il quale oggi vengono curate migliaia di persone.

Ieri, 19 giugno, si è fatto un nuovo passo avanti per la protezione dell’alto mare, necessario per dare una veste ufficiale ad un processo che non sarà purtroppo breve ma simboleggia a riconosciuta necessità di guardare al mare in maniera diversa.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

Loading

(Visited 79 times, 1 visits today)
Share
5 2 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
5 visitatori online
5 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 15 alle 12:00 am
Mese in corso: 27 alle 01-03--2024 02:29 pm
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x