Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

“QRT” Cessate di trasmettere

Reading Time: 8 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: COMUNICAZIONI
PERIODO: XX SECOLO
AREA: DIDATTICA
parole chiave: comunicazioni radioelettriche, Morse

 

Il 31 dicembre 1997 non fu semplicemente la data che indicava la fine di un anno. Quella data entrò di diritto tra le date storiche, e in futuro le nuove generazioni la troveranno solo in qualche enciclopedia o magari nei libri di storia, poiché fu la data in cui si concluse una avventura iniziata circa 150 anni fa. Il 31 dicembre 1997 andò nell’etere per l’ultima volta una trasmissione Morse sulla frequenza internazionale di soccorso in radiotelegrafia, la ormai mitica 500 kHz, la cui frequenza alternata era la 512 kHz.

Sembra che la radiotelegrafia abbia fatto il suo tempo e sia stato ritenuto opportuno mandarla in pensione, soppiantata da modernissimi e più sicuri mezzi di trasmissione satellitari. Sistemi certamente affidabili ma soggetti a disturbi atmosferici o deliberati che rappresentano ancora solo una piccola parte del potenziale tecnologico che menti geniali continuano a progettare e sperimentare per le telecomunicazioni del terzo millennio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2009-Radio-Nave-Cavour-1024x768.jpg

l’autore 2009 su Nave Cavour – foto di proprietà dell’autore

Ritengo comunque che l’orecchio allenato di un abile radiotelegrafista (RT), con la capacità di distinguere i segnali morse, è ancora indice di migliore affidabilità. Nei moltissimi anni del suo impiego fu grazie a quei capaci RT se si riusciva a comunicare con chiunque e ovunque, permettendo a molte navi di segnalare avarie o richiedere soccorsi.

E’ quindi giusto e doveroso salutare quell’ultima trasmissione radio riassumendo molto brevemente la storia e le origini delle radiocomunicazioni e di un alfabeto internazionale che non ha bisogno di traduttori, che permetteva di comunicare in ogni angolo della terra in CW (continuous wave), una sigla che indica semplicemente la modalità di “trasmissione di una portante interrotta col tasto”.

Era il lontano 1835 quando l’americano Samuel Morse, con l’aiuto del suo assistente Alfred Vail, elaborò un sistema di punti e linee che a seconda della sequenza rappresentavano ogni singola lettera dell’alfabeto, più le cifre da 0 a 9 e alcuni cosiddetti segni speciali (punto, virgola, parentesi ecc.).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è codice-morse.png

Nel 1843, con l’aiuto governativo, poté costruire la prima linea sperimentale Washington-Baltimora e trasmettere il 24 maggio 1844 un primo telegramma dal seguente testo: “What hath God wrought” (inglese arcaico che si può tradurre in: Ciò che Dio ha elaborato).

Le marine da guerra delle grandi nazioni per prime compresero la grande utilità del nuovo mezzo di comunicazione; tra esse la marina italiana vanta storicamente il primo posto, poiché il primo impiego della radiotelegrafia sul mare ebbe luogo per mezzo delle esperienze compiute a bordo della pirofregata San Martino a La Spezia da parte di Guglielmo Marconi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pirofregata-san-martino.jpg

Tra il 17 ed il 19 luglio 1897 la pirofregata corazzata San Martino venne impiegata a La Spezia per esperimenti di radiotelegrafia senza fili condotti da Guglielmo Marconi per conto della Regia Marina: sulla nave vennero installati dei ricevitori che si dimostrarono in grado di ricevere con chiarezza il segnale trasmesso nei pressi dell’officina di San Bartolomeo sino ad oltre 16 km di distanza – da wikipedia

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è marconi-esperimenti-san-martino-palamaria.jpg

Marconi, al centro, esegue l’esperimento nel golfo di La Spezia – da GUGLIELMO MARCONI LO SCIENZIATO CHE HA INVENTATO LA RADIO di Giuliano Nanni, Giancarlo Morolli e Barbara Valotti

Successivamente la radiotelegrafia fu impiegata sulle navi della squadra inglese nel 1899. Il primo messaggio ufficiale della Marina statunitense, trasmesso dallo stesso Marconi come operatore, fu inviato dal Steamship Conge alla stazione di Highland sulla costa del New Jersey. La trasmissione avvenne durante una parata navale in onore di ADM George Dewey, USN, di ritorno vittorioso da Manila. La USN fu talmente entusiasta dei primi risultati che, nel 1902, nominò una commissione per determinare il tipo di radio apparato più adatto a soddisfare le esigenze navali. A seguito dei test le principali navi della flotta statunitense furono equipaggiate con apparecchiature radio senza fili tedesche Slaby-Arco. Guglielmo Marconi supervisionò l’installazione del suo sistema telegrafico nelle corazzate USS New York e la USS Massachusetts e la torpediniera USS Porter. Separati da 36 miglia di oceano, queste tre navi incominciarono a scambiarsi segnali radio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Massachusetts_BB2._Starboard_bow_at_wharf_06-1901_.jpg

L’USS Massachusetts. giugno 1901

Nello stesso tempo la Marina da guerra francese iniziò anch’essa l’uso della radio sulle proprie navi, traendo vantaggio delle esperienze fatte con apparecchi Marconi fra Vimereux, presso Boulogne, e South Foreland Lighthouse. In seguito, fu adottata dalle marine da guerra tedesca, russa e giapponese impiegando anch’esse la radiotelegrafia a scopi navali, seguite gradatamente da tutte le altre marine da guerra. La prima pratica applicazione della radiotelegrafia in guerra navale ebbe luogo nel conflitto russo-giapponese nel 1904-1905.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sintonizzatore-marconi.jpg

sintonizzatore multiplo Marconi del 1907 numero speciale su Marconi da Rivista Elettronica e Telecomunicazioni, nr. 1, ERI, 1995

Nel campo della Marina mercantile, il primo impiego della radiotelegrafia su una nave mercantile avvenne il 20 luglio 1898, quando Marconi, a bordo del piccolo piroscafo Flying Huntress, effettuò la trasmissione delle notizie relative alle regate di Kingstown in Irlanda per conto del giornale Daily Express. L’applicazione della radio nella Marina Mercantile ebbe lento sviluppo fino a quando il piroscafo italiano Conte Rosso stabilì, il 10 maggio 1932, il primo collegamento radiotelefonico fra la Cina (Shanghai) e l’Europa. Lo stesso piroscafo fece alla fine dello stesso mese il primo servizio radiotelefonico di stampa fra l’Oceano Indiano e l’Europa per iniziativa della Società Italiana Radio Marittima (S.I.R.M.). Lo sviluppo dei servizi radio per la Marina Mercantile richiese presso ogni grande nazione una speciale organizzazione tecnica e amministrativa.

Avendo un carattere essenzialmente internazionale, fu necessario disciplinarli con convenzioni internazionali, frutto di elaborati studi da parte dei governi delle principali nazioni e d’importanti conferenze radiotelegrafiche tenute a Berlino nel 1906, a Londra nel 1912, a Washington nel 1927 ed a Madrid nel 1932. L’applicazione della radiotelegrafia per il collegamento fra punti fissi si palesò particolarmente utile per le grandi distanze attraverso mari e continenti; ma, nei primi anni di vita della radio, molti ostacoli sembravano insuperabili per raggiungere tale grandioso scopo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Tesla_Effect_Spark_Gap_Transmitter.png

Nikola Tesla sviluppò il sistema a “accoppiamento smorzato” che produceva un’onda portante molto più coerente, con meno interferenze, maggiore efficienza e poteva essere impiegato in ogni condizione meteorologica. Marconi, ispirato da vari sperimentatori (principalmente da Tesla),  sviluppò una telegrafia senza fili utilizzando trasmettitori ad arco ad alta potenza. Un tipo di trasmettitore a spinterometro di Nikola Tesla Fonte: H. S. Norrie, “Bobine Induttive: come farle, usarle e ripararle”. Norman H. Schneider, 1907, quarta edizione, New York.

Il primo collegamento radio dall’Europa all’America, eseguito da Guglielmo Marconi nel 1901 con un sistema a scintilla a spinterometro fisso (lunghezza d’onda di circa 2.00 metri) aprì la vita a questa nuova importante applicazione delle radiocomunicazioni.

Il primo servizio pubblico radiotelegrafico intercontinentale fu stabilito fra le stazioni radio marconiane di Clifden in Irlanda e di Glace Bay nel Canada nel 1907, con il sistema Marconi a “scintilla musicale” che adottava un disco rotante. Tale servizio intercontinentale fu seguito da quello stabilito dal governo italiano fra la stazione marconiana di Coltano (Pisa) e le stazioni analoghe di Massaua e di Mogadiscio negli anni 1910-1911. L’impiego delle radiocomunicazioni a scopo militare (oltre a quello già sopra accennato fra navi da guerra) ebbe luogo per la prima volta fra stazioni terrestri fisse e mobili durante la guerra anglo-boera. Furono allora impiegate con successo delle piccole stazioni dotate di apparati Marconi.

Nell’Esercito italiano la prima efficiente applicazione della radio con stazioni mobili ebbe luogo con apparecchi Marconi nell’anno 1905 durante le grandi manovre tra Roma e Caserta e in modo più esteso, fra le alte montagne, nelle grandi manovre presso Domodossola nel 1906. In tale occasione fu anche sperimentata la prima stazione mobile autoportata (brevetto Solari).

Durante la guerra libica (1911-1912) furono fatte dall’Esercito italiano alcune applicazioni della radio, successivamente l’esercito serbo impiegò le stazioni portatili Marconi a scintilla in Macedonia durante le guerre balcaniche. Lo sviluppo dell’aviazione fece subito pensare all’impiego della radio per collegare gli aeroplani fra loro e con la terra, ma per vario tempo si credette che il frastuono dei motori rendesse impossibile la ricezione, e che la mancanza di presa di terra rendesse assai limitata la portata di trasmissione; ad ogni modo le prime esperienze al riguardo iniziarono verso il 1912.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è SPINTEROMETRO-ROTANTE-PRIMO-TIPO-300x226-1.jpgL’evoluzione degli apparati militari seguì quella del mondo civile. Agli apparati a scintilla smorzata furono affiancati gli apparati a “scintilla musicale” che impiegavano lo spinterometro a disco rotante (ideato da Marconi nel 1904) che rendeva il segnale più chiaro e meno disturbabile dalle scariche atmosferiche e da altre stazioni radio. Nei ricevitori il detector magnetico fu sostituito dal rivelatore a cristallo di galena e successivamente da quello di carborundum polarizzato. La vera svolta venne con l’utilizzo della valvola Fleming a due elettrodi (1904) e del triodo di De Forest (1907) che saranno però utilizzati solamente dopo la fine della Prima Guerra Mondiale.

Nel 1914, all’inizio della Prima Guerra Mondiale, tutti gli eserciti procurarono di valersi di questa nuova utilissima applicazione della radio sia come prezioso ausilio al servizio di esplorazione, sia per la regolazione del tiro. Le prime pratiche applicazioni della radio nell’aviazione ebbero luogo nell’autunno del 1915; ma nei primi tempi furono impiegati a bordo degli aeroplani i soli trasmettitori, data la difficoltà creata alla ricezione auricolare dal forte rumore dei motori. Si riuscì poi a superare tale difficoltà stabilendo un regolare e completo servizio radio fra aeroplani in volo e fra essi e le stazioni terrestri. Fra le più importanti applicazioni della radio nell’Aeronautica, va ricordata quella fatta dal generale Italo Balbo nelle traversate da lui compiute con le sue squadriglie fra l’Europa e l’America Meridionale nel gennaio 1932 e fra l’Europa e l’America Settentrionale nel luglio 1933.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Republic-nave-di-linea.jpg

la nave di linea Republic

Concludendo questo breve racconto della storia della radiotelegrafia, vorrei ricordare che la prima richiesta di soccorso ricevuta in Morse sulla frequenza di 500 kHz risale al 23 gennaio 1909, quando la nave di linea ingleseRepublic”, a causa della nebbia, ebbe una collisione con il piroscafo “Florida” al largo di New York; fu grazie ai messaggi radio lanciati che tutti i passeggeri poterono essere salvati. Nel 1912, 700 passeggeri delle 2.200 persone imbarcate sul celebre “Titanic”, nella sua crociera inaugurale, furono salvati grazie ad un appello radio, ricevuto da un operatore della American Marconi, tale David Samoff. In seguito a questo clamoroso salvataggio, l’impiego della radiotelegrafia a bordo delle navi passeggeri, superiori a un dato tonnellaggio, fu reso obbligatorio per legge da parte di molti governi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1983-Radio-Nave-Ardito-1-1024x704.jpg

1983, radiotelegrafista su Nave Ardito – foto dell’autore

Da allora sono milioni le vite umane che sono state salvate nei mari ed oceani del mondo, grazie alla trasmissione e successiva ricezione di quella breve serie di tre punti – tre linee – tre punti ( … — … ) che indicano la richiesta di soccorso S O S (Save Our Souls).

Dario Petucco


Nota

Il segnale QRT è un segnale di servizio del codice internazionale “Q” che significa “chiudo/chiudete le trasmissioni”. Il codice Q è in poche parole un elenco di segnali che sintetizzano una domanda, nel caso sia seguito da un punto interrogativo, o una risposta dettagliata. Nato per la radiotelegrafia, è usato anche in fonia per la sua concisione e per standardizzare le comunicazioni.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 356 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »