Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Oceani extraterrestri

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ASTRONOMIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: SATURNO
parole chiave: Encelado, Titano, oceani 

 

Una caratteristica essenziale del nostro pianeta è la presenza degli oceani che ricoprono la maggioranza della sua superficie. Questi bacini ospitano un gran numero di forme di vita, dai minuscoli organismi monocellulari alle gigantesche balene blu che possono raggiungere i 30 metri di lunghezza. La vita ha colonizzato ogni spazio disponibile degli oceani incluse le fredde acque polari o gli abissi più profondi. Una varietà di forme di vita si sono adattate a sopravvivere nelle condizioni più estreme come, ad esempio, in prossimità delle emissioni geotermiche di fluidi altamente mineralizzati e caldi che caratterizzano le aree vulcaniche dei fondali oceanici.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Sorgente_idrotermale_oceano_terrestre_NOAA.jpg

La vita stessa potrebbe essersi originata sul fondo dei mari primordiali e, in ogni caso, la presenza di acqua liquida sembra essere fondamentale per la sopravvivenza di qualsiasi forma di vita.  

Oceani di altri mondi
Fino a pochi anni fa i soli oceani conosciuti erano quelli sulla Terra ma, grazie ai risultati delle sonde automatiche lanciate per esplorare altri corpi del sistema solare, le cose sono molto cambiate. Oggi si hanno prove dell’esistenza di oceani su diversi corpi celesti, in particolare sulle lune di pianeti esterni. Su Marte, le ultime immagini dimostrano che acqua liquida scorreva in passato sul pianeta rosso come evidenziato da una serie di tracce geomorfologiche e dalla presenza di specifici accumuli di sedimenti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Cassini-Huygens_ASI-1024x576.jpg

Una delle scoperte più sorprendenti riguarda Encelado e Titano, due delle lune che orbitano attorno a Saturno. Il pianeta ed i suoi satelliti sono stati estesamente studiati dalla sonda Cassini-Huygens, lanciata nel 1997 e rimasta in funzione fino al 2017 prima di venir deliberatamente distrutta bruciando nell’atmosfera di Saturno al fine di evitare possibile contaminazione delle lune che, come vedremo, offrono intriganti possibilità in termini di presenza di vita.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Enceladus_NASA-709x1024.jpg

Durante i suoi passaggi in prossimità di Encelado gli strumenti a bordo della sonda hanno identificato degli spettacolari getti di vapore d’acqua e ghiaccio emessi dalla superfice gelata della luna e dispersi nello spazio. Il quantitativo di materiale emesso è tale da contribuire alla formazione di uno dei famosi anelli di Saturno, identificato come “anello E”.

Grazie ad analisi spettroscopiche si è scoperto che i liquidi emessi contengono sale e una serie di molecole organiche. Analizzando i parametri orbitali di “Cassini” e le immagini di Encelado i ricercatori hanno anche dedotto che le librazioni (una sorta di oscillazioni dell’orbita) del satellite sono dovute alla presenza di una massa liquida interposta tra la superficie congelata e un nucleo roccioso. È probabile che esista un oceano salato sotto la copertura dei ghiacci, analogamente a quanto avviene al polo Nord terrestre. Il calore necessario per mantenere l’acqua nel suo stato liquido sarebbe generato da attività idrotermale in prossimità del nucleo roccioso. Il calore ipogeo di Encelado sarebbe originato dalle enormi frizioni prodotte nel suo nucleo dall’azione gravitazionale di Saturno. In pratica si genererebbero delle maree nella parte solida in grado di deformare in modo consistente le rocce producendo quindi calore per attrito.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Encelado_sezione_ESA-1024x768.jpg

Le dimensioni di questo oceano extraterrestre sono impressionanti con una profondità stimata in circa 37 Km, comparata alla profondità media degli oceani terrestri di meno di 4 km.  Altre differenze importanti riguardano la distribuzione della temperatura. Sulla terra, infatti, le acque ricevono il loro calore dal sole e quindi, in genere, la superficie dei mari è più calda delle zone più profonde. Su Encelado la situazione è opposta, le acque più superficiali sono infatti le più fredde essendo a contatto con la superfice ghiacciata del satellite che si mantiene attorno ai meno 200 gradi Celsius.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Enceladus_jet_NASA.jpg

L’acqua di questo oceano è quindi la sorgente dei giganteschi getti di liquido che emergono da fratture nella superfice ghiacciata di Encelado a velocità supersoniche (oltre 1200 km/h) e si disperdono nello spazio. Una parte del materiale, come abbiamo visto, va a creare l’anello E di Saturno mentre la maggioranza ricade sul satellite come una sorta di neve ricoprendone la superfice che, infatti, è estremamente brillante e luminosa riflettendo la, pur debole, luce del sole (a questa distanza il sole è cento volte meno luminoso che sulla Terra) come sulla Terra fanno i campi innevati. Lo studio dei materiali emessi da questi getti ha identificato dei nanogranuli di silice che si possono formare solo quando l’acqua interagisce con rocce a temperatura attorno oi 90 gradi Celsius. Questo rafforza l’idea che sul fondo dell’oceani di Encelado vi siamo sorgenti idrotermali analoghe a quelle presenti sui fondali oceanici terrestri. Se questo fosse vero allora vi sarebbero buone probabilità che qualche forma di vita possa essere presente nei mari di Encelado.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è titano-nasa--1024x669.jpg

Un altro ambiente estremamente interessante è stato scoperto su un’altra luna di Saturno, Titano. In questo caso il lander Huygens, separatosi da Cassini, è atterrato sul satellite trasmettendo oltre 350 immagini della sua superfice ricoperta da ghiaccio. Come Encelado anche Titano sembrerebbe avere un oceano salato al di sotto della superficie ghiacciata. A differenza di Encelado però la superfice di Titano ospita laghi e fiumi di metano ed etano liquidi ed è coperta da una densa atmosfera composta dal 95% di azoto e 5% di metano.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è titansurfacehuygensnasa.jpg

Un’immagine della superficie di Titano, ripresa dalla sonda Huygens dell’Agenzia spaziale europea mentre si tuffava nella densa atmosfera marrone-arancione della luna di Saturno, 14 gennaio 2005  Foto: ESA/NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona

In alcune aree della luna ci sono delle dune molto simili a quelle del deserto della Namibia in Africa ma invece di essere costituite da sabbia sono create dall’accumulo di particelle di idrocarburi solidi. Titano potrebbe dunque ospitare forme di vita sia nel suo oceano, e queste sarebbero in un certo modo simili a quelle terresti almeno nei loro tratti essenziali, o anche nei laghi e fiumi di idrocarburi liquidi, in questo caso sarebbero totalmente “aliene”.

Le future missioni, in grado di poter penetrare le superficie congelate delle lune, potranno fornirci informazioni utili per la ricerca di vita in questi “oceani extraterrestri”.

Giorgio Caramanna 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 76 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »