Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Le Colonne rostrate

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: ROMA IMPERIALE
AREA: DIDATTICA
parole chiave: trionfi navali, colonne rostrate

.
Avendo associato al proprio destino tutte le popolazioni della nostra Penisola, Roma dovette subito interessarsi alla Sicilia, posta a poco più di due miglia romane al di là del mare. Proprio così vicino all’Italia volevano insediarsi i Cartaginesi, che occuparono Messina nonostante l’opposizione dei Mamertini. Alle richieste di aiuto inviate da questi ultimi, alleati dei Romani, il Senato non poté aderire subito, poiché si trattava di sfidare la maggiore potenza navale dell’epoca, ben intenzionata a mantenere il blocco navale dell’isola.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti02_rostri_arcocost.jpg

La tribuna dei Rostri rappresentata su di un bassorilievo del IV secolo (Roma, arco di Costantino)

I senatori avviarono però una serie di predisposizioni per radunare, attorno alla loro piccola flotta, tutte le migliori navi esistenti presso le alleate marinerie d’Italia. Quando tutto fu pronto, il console Appio Claudio Caudice imbarcò le sue legioni sulla grossa formazione navale romana che, sebbene protetta da navi da guerra leggere (triremi e pentecontore), riuscì ad eludere la sorveglianza delle poderose quinqueremi della flotta punica, giungendo prima a Reggio e poi attraversando audacemente lo stretto in piena notte (264 a.C.). Liberata Messina, i Romani si prefissero di cacciare i Cartaginesi da tutto il resto dell’isola, allo scopo di consolidare il loro successo. Le successive operazioni terrestri non poterono tuttavia conseguire alcun risultato durevole, poiché le flotte nemiche continuavano a riconquistare dal mare le città che si erano arrese alle legioni romane. I Romani decisero allora di costruire la loro prima grande flotta di quinqueremi, replicando – si dice – le caratteristiche costruttive di una nave punica caduta nelle loro mani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti02_rostro-ostia-1024x845.jpg

La forma più diffusa dei rostri di epoca ellenistica e romana (Ostia Antica, nei pressi di Porta Marina)

A quel punto, l’obiettivo del Senato era divenuto davvero ambizioso: Roma non doveva più combattere solo per il possesso della Sicilia, ma per il dominio del mare, visto che il primo risultato non era ottenibile senza aver prima conseguito il secondo. Si trattava quindi di vincere i Cartaginesi proprio sul mare, in modo da privarli della supremazia navale ed avere le mani libere in tutto il teatro marittimo. Non era abitudine dei Romani presentarsi impreparati alle grandi sfide: il console Caio Duilio comprese che le sue quinqueremi, pur essendo altrettanto potenti delle navi nemiche, erano comunque meno manovriere, sia perché costruite da cantieri meno esperti, sia perché avevano dei comandanti non ancora avvezzi alle evoluzioni con quelle navi. Pertanto, oltre a sottoporre gli equipaggi ad un intenso addestramento preventivo, egli dotò le navi – secondo quanto riferisce Polibio – del cosiddetto corvo, consistente in una passerella orientabile alla cui estremità c’era un robusto uncino per agganciare la nave nemica, in modo da permettere ai Romani di arrembare anche quelle navi che si sarebbero sottratte alle loro manovre di affiancamento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti02_rostri_Gatteschi-1024x674.jpg

La tribuna dei Rostri risistemata da Augusto al centro del lato nord-occidentale della piazza del foro Romano: ricostruzione artistica dell’archeologo Giuseppe Gatteschi e del pittore Tito Giovanni Lessi, intitolata L’Arco di Tiberio ed i Rostri al Foro Romano nell’anno 117 d. Cr. Restauro secondo gli ultimi scavi. Eseguito sotto gli auspici del comune di Roma (1902)

La prima grande battaglia in mare contro i Cartaginesi, nella acque di Milazzo, si risolse così in una clamorosa vittoria navale romana (260 a.C.): su 130 navi puniche incontrate, ne vennero affondate 13 e catturate 31 con tutti gli equipaggi (per un totale di 7.000 prigionieri). La felicità dei Romani per questa prima affermazione si tradusse negli onori eccezionali tributati a Caio Duilio: egli fu il primo a celebrare un trionfo navale; fu il primo cui venne dedicata una colonna rostrata (ne rimane l’iscrizione, restaurata da Augusto), eretta nel Foro Romano ed adorna dei rostri delle navi puniche catturate; fu anche l’unico dei condottieri romani ad ostentare per tutta la vita il privilegio di farsi accompagnare da una scorta di fiaccole e suonatori di flauto.

Lo stesso Duilio eresse nel Foro Olitorio – vicino al Porto Tiberino – il Tempio di Giano di cui restano ancora ben visibili molte colonne (tempio ricostruito da Augusto e Tiberio, e restaurato da Adriano).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti02_rostri_denario.jpg

Denario d’argento coniato nel 45 a.C. a ricordo di Marco Lollio Palicano, tribuno della plebe del 71 a. C.: mostra tre delle arcate della vecchia tribuna del Comizio, con i pilastri ornati dai rostri delle navi catturate ad Anzio

Nel prosieguo di quell’epica prima guerra punica, un ulteriore santuario venne eretto a Roma, nei pressi del tuttora esistente Sepolcro degli Scipioni: il Tempio delle Tempeste, dedicato dal console Lucio Cornelio Scipione “per grazia ricevuta”, al rientro dalla sua vittoriosa spedizione navale in Sardegna e Corsica (259 a.C.), durante la quale era riuscito a superare una spaventosa tempesta in mare. L’intero conflitto, peraltro, fu contraddistinto da una lunga serie di battaglie navali alternate a tre gravissimi naufragi causati da burrasche fuori dal comune, che privarono Roma di oltre 500 navi complessive. Ciò nonostante, la determinazione dei Romani non venne mai meno e consentì loro di riportare ben cinque grandi vittorie navali sui Cartaginesi (contro una sola sconfitta), infliggendo al nemico la perdita di quasi 500 navi da guerra, di cui circa 300 catturate con i relativi equipaggi. Va precisato che il cosiddetto “corvo” rimase montato sulle navi romane solo fino alla battaglia navale di Ecnomo (256 a.C.), una delle più grandi battaglie navali di tutti i tempi, per numero di navi partecipanti (680) e per numero di uomini imbarcati (290.000). Successivamente i combattimenti avvennero sempre ad armi pari, anche perché quell’attrezzo aveva perso la sua efficacia – non potendo più sorprendere il nemico – e risultava inutilmente ingombrante, oltre che pericoloso per la stabilità delle navi in caso di maltempo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti02_rostri_comizio-1024x801.jpg

Conformazione arcuata della tribuna dei Rostri nel IV sec. a.C., nella vecchia posizione nel Comizio, fra la Curia del Senato e la piazza del Foro Romano, verso cui si affacciavano gli oratori

Il gran numero di successi riportati dai Romani per mare determinò la puntuale attribuzione di appropriati riconoscimenti ai comandanti delle flotte vittoriose. Vi dovettero essere, innanzi tutto, varie altre colonne rostrate, di cui solo due sono state citate dalle fonti antiche: una esistente ancora nel IV secolo vicino al Circo, sul lato delle porte, come riferito dal grammatico Servio che l’attribuisce poco verosimilmente a Caio Duilio (oltre a quella nel Foro), ed una eretta in Campidoglio in onore del console Marco Emilio Paolo per la vittoria navale ch’egli conseguì nelle acque dell’odierno Capo Bon (255 a.C.).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è monumenti02_rostri_odierni-1024x576.jpg

Resti odierni della tribuna dei Rostri nel Foro Romano. Alle spalle dei Rostri, si scorgono alcune colonne dei templi (da sinistra) di Saturno e di Vespasiano; sullo sfondo, due poderosi arcate dell’antico Tabularium, addossato al Campidoglio

L’Urbe fu anche la sede di una lunga serie di trionfi navali in onore dei vincitori delle più memorabili battaglia navali; tali trionfi furono poi elencati nei Fasti Trionfali che Augusto fece incidere sulle pareti del suo arco di trionfo nel Foro Romano. In particolare, dopo quello di Caio Duilio, vi furono i trionfi navali celebrati dai consoli Caio Attilio Regolo (257 a.C.), Lucio Manlio Vulsone Longo (256 a.C.), Servio Fulvio Petino Nobiliore (254 a.C.) e Marco Emilio Paolo (254 a.C.), dal proconsole Caio Lutazio Catulo (241 a.C.) e dal propretore Quinto Valerio Faltone (241 a.C.). Questi ultimi due erano stati, rispettivamente, il comandante in capo ed il vice-comandante della flotta che, grazie alla superiore perizia marinaresca acquisita dai Romani, riuscì ad impegnare la forza navale nemica in pieno inverno, navigando contro mare e contro vento nelle acque delle Egadi, e riportando quella schiacciante vittoria navale che costrinse i Cartaginesi a richiedere la pace.

Domenico Carro

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 137 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »