If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Recensioni librarie: l’Iliade di Omero

Reading Time: 8 minutes

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: RECENSIONE
PERIODO: IX – VII SECOLO AVANTI CRISTO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Omero, Achille, Troia

 

Uno dei ricordi più lontani della mia infanzia sono le letture che mia madre mi faceva di pagine dell’Iliade, uno dei più celebri poemi epici dell’Umanità attribuito ad Omero. Non è noto se Omero sia realmente vissuto ma l’Iliade e l’Odissea sono considerati i due massimi poemi epici della letteratura greca. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è elmo-grco-1.jpg

elmo acheo

La storia è ambientata nella tarda età del bronzo (1300-1200 a.C.), quando il sistema politico ed economico nel Mediterraneo si stava trasformando. A quell’epoca il mare non ancora nostrum era già solcato da navi commerciali che trasportavano beni da una parte all’altra delle sue coste, portando prosperità e benessere anche alle colonie più lontane. Erano però anche tempi in cui popoli guerrieri, descritti genericamente come i popoli del mare, attaccavano le imbarcazioni ed i villaggi costieri creando instabilità sulle rotte commerciali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è spade-micenee.png

spade micenee

Questi pirati avevano nomi diversi, dipendendo dalle loro regioni di origine. Fra di loro gli Achei, uno dei primi popoli giunti nella penisola ellenica, secondo la ricostruzione degli studiosi moderni, intorno al 1700 avanti Cristo. In Argolide crearono i loro massimi centri economici e culturali. Al mondo acheo appartenevano i principi greci, uniti in una confederazione di piccoli Stati sovrani, che la saga omerica ci presenta in armi sotto Ilio, città nota anche come Troia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nave-omerica.png

nave achea su frammento ceramico

Le origini dei Troiani non sono note in quanto durante la tarda età del bronzo tutta l’area era occupata da diversi popoli indoeuropei. Molti pensano che la potente città potrebbero essere stata abitata da un popolo a sé stante, alleato con popoli di lingua simile o diversissima. La principale fonte storica è rappresentata dagli archivi reali ittiti, che citano una città chiamata Wilusa e/o Truwisa-Tarusia da cui Ilios/Troia, la moderna Truva. Probabilmente Troia fu una delle principali città di una confederazione di regni (o una lega di città) nota nelle fonti ittite come Arzawa. Certamente una spina nel fianco ai greci del Peloponneso.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è punta-di-freccia-greca-1-rotated.jpg

punte di freccia greche

Sebbene la guerra fra la “lega” degli Achei e quella di Troia fu probabilmente legata ad interessi commerciali e di potenza marittima, secondo il mito, raccontato nell’Iliade, fu causata dal mito di Paride, figlio di Priamo, re di Troia.

Il mito
Secondo Omero, tutto ebbe iniziò nella residenza degli dei sul monte Olimpo, durante le nozze di Peleo, mortale, e Teti, la più bella delle Nereidi, ninfe dei mari figlie di Nereo e Doride, discendenti da Oceano. Giusto per guastare la festa, la dea della Discordia Eris, non essendo stata invitata (chissà perchè) lanciò sulla tavola degli dei una mela d’oro che recava una scritta: “alla più bella”. Le dee olimpiche, nonostante le loro caratteristiche peculiari, non mancavano di vanità ed Era, Atena e Afrodite si contesero la mela. Non riuscendo a venirne a capo, ed essendosi gli dei maschi opportunamente distaccati da tale contesa, il tuonante Zeus decise di dare il non semplice compito ad un mortale, il bellissimo Paride, figlio del re di Troia. Il giovane dovendo scegliere a chi dare la mela (perchè di una semplice mela si trattava) alla fine scelse Afrodite, che gli aveva promesso l’amore della donna più bella del mondo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Helene_Paris_Louvre_K6-1024x810.jpg

Elena e Paride – cratere a campana apulo a figure rosse (IV sec. a.C.) museo del Louvre, Parigi.

Passò del tempo e Paride, che era figlio di Priamo, re di Troia, approdò con le sue navi a Sparta e durante un banchetto incontrò Elena, la giovane e bellissima moglie di Menelao: l’incontro fu galeotto e i due, presi dall’ardore, fuggirono insieme alla sua città natale. Per vendicare l’offesa, Menelao si recò dal fratello Agamennone, re di Micene, che, chiamando a raccolta tutti i re Achei, organizzò una spedizione contro la potente città.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è elmo-corinzio-1-955x1024.jpg

elmo corinzio

Fu una lunga guerra, quasi decennale ma, nell’Iliade, vengono descritti solo gli ultimi 51 giorni, raccontati in 24 canti (o libri). Al centro del poema non ci sono i due amanti ma c’è la figura di Achille, figlio di Peleo e di Teti (gli stessi di quelle nozze movimentate), che crescendo era divenuto un potente ed invincibile semidio acheo. La madre Teti, conoscendo il suo futuro, per renderlo immortale, lo aveva immerso nelle acque del fiume Stige, tenendolo per il tallone, per cui non poteva essere ucciso in combattimento. L’unico suo punto vulnerabile, che sappiamo gli sarà fatale, sarà proprio il tallone restato fuori dalle acque. Achille, crescendo, viene affidato al centauro Chirone, che diventa il suo maestro, e alla cura del precettore Fenice, che lo addestrano all’arte della guerra, all’uso delle armi ma anche alle nobili arti. Ma il destino irrevocabile (il fato), fissato fin dal principio ed a cui nessuno si può sottrarre, lo attende. Achille, glorioso guerriero, il migliore tra gli Achei, affronterà gli ultimi giorni della vita sotto le mura di Troia e sarà ricordato nei versi dell’Iliade. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è elmo-grco-1.jpg

elmo acheo

Nel proemio, il poeta ne sottolinea la sua centralità nel racconto, iniziando il racconto con il celebre “Cantami, o Diva, del Pelìde Achille l’ira funesta che infiniti addusse lutti agli Achei, molte anzi tempo all’Orco generose travolse alme d’eroi, e di cani e d’augelli orrido pasto lor salme abbandonò … “. Un verso che non fa presagire nulla di buono.

Raccontiamo in breve la storia 
La guerra tra Achei e Troiani dura ormai, tra alti e bassi, da oltre nove anni; Troia grazie alle sue alte e possenti mura è imprendibile e i Greci sono relegati nei loro campi sulle spiagge, sempre più stanchi e disillusi. Il malcontento si diffonde, soprattutto per via di Agamennone, capo della spedizione, che gestisce male le operazioni e si rifiuta di restituire la schiava Criseide al padre Crise, sacerdote di Apollo, considerandola un suo bottino di guerra. A quel punto sono chiamati in ballo gli dei ed Apollo interviene direttamente per punire Agamennone, inviando un’epidemia di peste sul campo dei Greci.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è agamennone-maschera-funeraria.jpg

La cosiddetta “Maschera di Agamennone”, scoperta da Heinrich Schliemann nel 1876 a Micene.

Agamennone è così costretto a rimandare la fanciulla dal padre ma, per rimediare alla perdita della bellissima schiava rapisce Ippodamia, figlia di Briseo (da cui Briseide), sacerdotessa troiana di Apollo ed una delle schiave di Achille. A quel punto il Pelide si infuria e decide di non dare più supporto agli Achei in battaglia. Questi cominciano a subire gravi perdite incalzati dai Troiani e Agamennone restituisce la fanciulla ad Achille. Un giorno, Patroclo, il migliore amico di Achille, scende in campo indossando le sue armi, ed Ettore, valoroso figlio di Priamo e generale a capo delle truppe troiane, scambiandolo per l’eroe lo sfida in battaglia e lo uccide, causando l’ira e la furia di Achille, che viene citata nel proemio.

Achille, il cui rapporto con Patroclo andava forse oltre la più intima amicizia, torna in combattimento a capo del suo esercito di Mirmidoni, incontra Ettore in battaglia e lo uccide. L’ira è tale che infierisce sul suo povero corpo, trascinandolo nell’accampamento acheo fino alla pira dell’amico Patroclo. Lo scempio del corpo si ripete ogni giorno sotto gli occhi del padre Priamo. Un’empietà che non può durare … per cui intervengono nuovamente gli dei. Priamo si reca quindi in prima persona, scortato dal dio Ermes, per chiedere che il corpo martoriato gli venga restituito. La sua richiesta è talmente ricca di pathos che Achille viene mosso a compassione gli restituisce i resti del figlio, concedendogli anche una tregua di dodici giorni, durante i quali verranno celebrati solenni funerali in onore di Ettore.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Iliade-1.jpg

Achille combatte contro Memnone ceramica greca del III BC

Così termina il racconto ed ora vi chiederete … e la storia di Odisseo e del cavallo di Troia? L’inganno del famoso Cavallo di Troia viene raccontato nell’Odissea da Odisseo durante il banchetto alla corte di Alcinoo e ripreso, secoli dopo, nell’Eneide di Publio Virgilio Marone dal protagonista Enea, figlio di Priamo ed esule di Troia, nel suo straziante racconto a Didone, regina di Cartagine. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cavallo-troia.jpg

lo stratagemma del cavallo di legno raffigurato in un vaso greco trovato a Cerveteri (Roma) e datato intorno al 560 a.C.

Come ricordate, l’inganno viene concepito dall’astuto Odisseo, re di Itaca, l’Ulisse dei Latini, che ispirato dalla dea Atena, suggerisce agli Achei, ormai stanchi e demoralizzati dopo dieci anni di battaglie, di lasciare sulla spiaggia un imponente cavallo di legno in offerta agli dei per ingraziarsi il ritorno in patria. La storia la conoscete: Ulisse con alcuni soldati si nasconde dentro il cavallo ed attende di essere portato all’interno della città dagli stessi Troiani. Ci sono momenti di tensione ma alla fine, il cavallo viene portato all’interno delle mura. Durante la notte, Ulisse e i suoi soldati fuoriescono dal ventre del cavallo e apre le porte per far entrare il resto degli Achei che possono così penetrare nella città e metterla a ferro e fuoco.

Curiosità
Ma si trattò proprio di un cavallo? Sulla base di studi recenti alcuni ricercatori hanno ipotizzato che i poeti successivi a Omero sbagliarono nella traduzione dell’opera omerica interpretando la parola greca “Hyppos” come cavallo. Il termine potrebbe essere invece riferito ad un tipo di nave fenicia, molto comune nel periodo, con una testa di cavallo a prua.
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è la-prua-a-forma-di-testa-cavallo-della-nave-fenicia-hippos_1668629.jpg

ricostruzione di una nave Hippos fenicia

L’Iliade, un bel poema epico o un racconto storico romanzato?
Quando Heinrich Schliemann iniziò gli scavi nella moderna città turca di Hissarlik, scopri nove città, una sopra l’altra, delle quali solo il 6° e 7° livello combaciavano con la descrizione letteraria di Troia. In particolare, la sesta città apparve distrutta da un terremoto (cosa usuale nella regione, ancor oggi molto sismica), mentre la settima, più piccola e povera, presentava lungo le mura i segni di un grande incendio, probabilmente legato ad una battaglia.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è rovined-itroia.jpg Schliemann ipotizzò che il sito si dovesse trovare nelle vicinanze dello stretto dei Dardanelli e poi si dedicò alla collina di Hissarlik. In realtà non furono trovate prove storiche che la rovina fosse dovuta ad una sola guerra e contro un solo nemico, gli Achei del poema. La durata decennale della guerra raccontata da Omero potrebbe quindi avere un valore più simbolico che reale, ed è plausibile che la città subì in realtà numerosi assedi da parte di popoli invasori.

In sintesi, un’opera epica bellissima e ricca di spunti di riflessione sulla nostra presunta umanità, speculare alla presunta perfezione degli dei che, in realtà, sembrano essere la matrice delle nostre debolezze. Se non lo avete in biblioteca,  cercatelo … un libro affascinante che vi farà sognare … Buona lettura.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 60 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »