If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

L’evoluzione delle misure contro le mine navali, ora una priorità chiave per la USN

Reading Time: 7 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO

parole chiave: Mine navali, Cina, shipping lines

 

I tamburi di guerra che periodicamente risuonano in diverse aree marittime sensibili per il transito del traffico mercantile non vanno ignorati. Troppo spesso nella storia navale la minaccia legata alle mine navali è stata considerata minimale nonostante alla fine dei conflitti il numero di danneggiamenti causati da queste armi insidiose sia stato sempre maggiore di quello causato da cannoni, missili e siluri.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è china-cina-navy.jpg

Si fa un gran parlare della situazione geopolitica nell’oceano pacifico, a causa delle implicazioni politiche e militari nei prossimi anni. Le pretese territoriali marittime della Repubblica popolare cinese nel mar cinese meridionale, lo sviluppo di una flotta sempre più moderna per sostenere la via marittima della seta e le rivendicazioni verso gli sviluppi dei Paesi limitrofi fanno presupporre che il Dragone non voglia solo agitare la coda ma imporre anche con la forza quelli che ritiene siano i suoi diritti. Il Mar Cinese Meridionale è un vasto mare marginale che confina con Cina, Filippine, Taiwan, Malesia, Singapore, Indonesia, Thailandia, Brunei, Cambogia e Vietnam. A nord-est si trova lo stretto di Taiwan, a est la penisola malese e a sud il Borneo, con una profondità media di circa 1.212 metri, cosa che lo rende adatto alle operazioni dei sommergibili. Ha un bacino centrale, conteso da molti, che contiene più di 250 piccole isole, scogli ed atolli, circondati da più bassi fondali che nascondono molte ricchezze naturali in cui la Cina ha unilateralmente creato delle basi aeronavali rivendicate per creare una cornice di sicurezza alle aree marittime d sua competenza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nine-dash-line-china-1024x768.jpg

Senza entrare nel merito, cosa che ho descritto in precedenti articoli, la situazione è sempre più rovente. La recente diatriba a seguito della creazione dell’AUKUS (patto di alleanza tra Australia, Gran Bretagna e Stati Uniti) e sul progetto di costruzione (o acquisizione ?) di nuovi sottomarini a propulsione nucleare da parte della Marina australiana ha fatto infuriare i Cinesi e riapre indirettamente la questione del possibile uso in quelle aree delle mine navali in ruolo difensivo o protettivo, che limiterebbero di fatto il libero transito per il traffico internazionale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è esplosione-di-mine.jpg

La guerra di mine navali non è nata oggi … ed è forse la forma di lotta marittima più dipendente dalle condizioni ambientali … ha in comune le caratteristiche chimiche-fisiche dei mari con la lotta anti sommergibile ma deve tenere conto maggiormente della morfologia e della tipologia del fondo marino. Non è una scienza esatta e richiede molta esperienza e studio dell’ambiente operativo. Detto questo il mar cinese meridionale si presta all’impiego di queste armi per ridurre lo spazio di manovra di navi ma soprattutto dei sommergibili. Ne sanno qualcosa i cinesi che hanno un vasto armamentario di mine navali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mine-posa-1024x739.jpg

Una minaccia ben conosciuta durante le guerre del secolo scorso che costrinse le marine del nord europa a scelte tattiche che ritardarono il corso del conflitto. Le esperienze passate nono sono state dimenticate ma messe in secondo piano privilegiando programmi di navi maggiori e sistemi d’arma sempre più avanzati. Questo richiama alla memoria l’episodio biblico di Davide e Golia, quando un giovane pastore uccise un gigante con una fionda … ma si sa, la storia non ha spesso memoria.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MINEMODERNE.jpeg

La problematica delle mine navali è stata recentemente sottolineata dalla Marina statunitense che, durante l’approntamento di pacchetti operativi per le future missioni della classe Littoral Combat Ship (LCS) ha dichiarato che le contromisure contro le mine sono diventate una “priorità chiave”.

Secondo il Naval Sea Systems Command, il sistema di MCM (contro misure mine) per la classe Independence ha finalmente completato il suo primo periodo di test operativo e valutazione. I test operativi di valutazione sono stati eseguiti con successo a bordo del LCS USS Manchester a maggio e giugno 2021.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Image_CUSV-Ft.-Lauderdale-con-UISS.jpg

Textron System’s CUSV. UISS si basa sul CUSV di Textron, un veicolo autonomo (unmanned) di superficie multi-missione progettato per funzionare come piattaforma MCM, intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR) – photo credit Textron

Uno dei “pacchetti di missione” principali per LCS è il sistema di dragaggio ad influenza senza pilota (UISS), costituito da un veicolo autonomo di superficie costruito da Textron, e da un’apparecchiatura rimorchiata per il dragaggio ad influenza combinato (magnetico, acustico e magnetico/acustico). Oltre che dalla LCS, l’UISS può essere utilizzato anche da terra, allargandone quindi l’impiego operativo. Dopo un’analisi e una valutazione dei dati post-trial, il sistema dovrà ora superare i test per ottenere la capacità operativa iniziale (IOC) in modo da poterlo imbarcare sulla classe Independence.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è LCS-wICHITA-USN-1.jpg

La futura nave da combattimento costiera USS Wichita (LCS 13),  versione Freedom,  conduce prove di accettazione a luglio. Foto di Lockheed Martin

Il contrammiraglio Casey Moton, ufficiale esecutivo del programma per i mezzi senza equipaggio, ha dichiarato a Breaking Defense che il pacchetto LCS MCM è una “priorità chiave”. La USN è sempre più interessata alla guerra contro le mine mentre la competizione si surriscalda nell’Indo-Pacifico. La PLA Navy cinese ha investito molto nella tecnologia di guerra contro le mine ed ha la capacità di attingere a più di due dozzine di varianti di mine navali (circa 80000-100000 mine) che potrebbero mettere a rischio le unità combattenti di superficie ed i sottomarini della Marina degli Stati Uniti.

Il pacchetto MCM del LCS
Come ricorderete la LCS ha tre pacchetti di missioni operative, composti da dozzine di sistemi di capacità progettati per contrastare anche simultaneamente una varietà di minacce di superficie e subacquee. Le capacità di contromisure mine includeranno in futuro una unità di superficie senza equipaggio (CUSV) integrata con un sistema di dragaggio ed un moderno sonar AQS-20 (o successivo). Non con poco ritardo l’ammiraglio Moton, ad una conferenza a Baltimora ospitata dall’American Society of Naval Engineers, ha comunicato che è stata recentemente completata una fase di test in mare di tre settimane a bordo della Manchester (LCS-14) con altre unità di contromisure mine della Marina Statunitense. Sebbene i risultati dei test siano ancora in valutazione, qualora positivi, la USN darà il via libera alla produzione a pieno ritmo delle 48 navi in programma. Una soluzione possibile potrebbe essere una soluzione ibrida di Rheinmetall che sembrerebbe in grado di integrare tecnologie attive e passive di nuova generazione per un’efficace difesa contro le mine navali. Vedremo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Knifefish-UUV.jpg

l’UUV Knifefish della Bluefin Robotics di General Dynamics Mission Systems

Un altro progetto di interesse è il Knifefish, un veicolo sottomarino senza equipaggio (UUV) focalizzato sulla ricerca, scoperta e neutralizzazione delle mine infangate ovvero nascoste sotto il sedimento superficiale, da sempre una preoccupazione per le navi in transito, specialmente su basso fondale. Il primo di questi UUV è stato consegnato da General Dynamics all’inizio di quest’anno (2021).

Il Knifefish è stato progettato e costruito dalla Bluefin Robotics di General Dynamics Mission Systems non solo nelle missioni tradizionali di ricerca, scoperta, identificazione delle mine navali ma come supporto di intelligence per altri sistemi. I test di sviluppo e la valutazione operativa del Knifefish sono in corso dal 2018. In particolare, la Marina statunitense ha acquistato cinque veicoli Knifefish che saranno completati da altri nove ad uso della componente dei sottomarini per il supporto alla raccolta dati (survey) dei fondali di operazione. Questa versione potrà essere rilasciata in immersione dai sottomarini.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è LCS-Knifefish-operazioni-modello-concetto-opertaivo-1024x561.jpg

concetto operativo del Knifefish da LCS o da un craft of opportunity

Queste nuove unità autonome di CMM statunitensi saranno la naturale sostituzione della classe Avenger ormai arrivate alla fine della loro vita operativa, in corso di smantellamento dal 2020.

L’acquisizione di nuovi veicoli consentirà alla USN di lasciarsi alle spalle un certo numero di progetti falliti, non ultimi i problemi del progetto Remote Multi-mission Vehicle (RMMV), un veicolo semisommergibile, semi-autonomo e senza equipaggio che trainava un sensore di profondità variabile per localizzare, classificare e identificare ordigni subacquei. Un programma che fu annullato a causa di numerosi problemi tecnici durante i test in mare. Per quanto di conoscenza, ne furono consegnati alcuni mezzi alla US Navy sia per i cacciatorpediniere DDG 51 Arleigh Burke Class che per le LCS, ma durante i test operativi ne fu valutata una affidabilità compresa in media tra 18,8 e 25,0 ore, ben al di sotto del requisito della USN di 75 ore.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Navy-RMS-Remote-Mine-Hunting-System-070112-N-PB086-060-1024x681-1.jpg

Il personale della marina recupera un sistema di caccia alle mine (RMS) durante i test di sviluppo nel 2012 – photo credit Ron Newsome, Naval Surface Warfare Center Panama City Division

Durante la conferenza, l’ammiraglio Moton ha mostrato un’immagine di un RMMV appeso alla poppa di una nave, riferendo delle difficoltà tecniche per il recupero. Un foto monito ai potenziali problemi che possono sorgere quando l’ingegneria ed i test alla base di una nuova capacità non sono stati sufficientemente rigorosi a priori. 

In sintesi, un settore quello delle contro misure mine in evoluzione in cui anche l’industria nazionale dovrebbe investire maggiormente, proponendo proprio al mercato asiatico i nostri prodotti. 

Andrea Mucedola

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 239 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »