If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

AUKUS, l’acronimo che cambia molto negli equilibri mondiali

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO

parole chiave: AUKUS

 

Si tratta di investire nella nostra più grande fonte di forza, le nostre alleanze, e aggiornarle per affrontare meglio le minacce di oggi e di domani. Si tratta di connettere gli alleati e i partner esistenti dell’America in modi nuovi e di amplificare la nostra capacità di collaborare riconoscendo che non esiste un divario regionale che separi gli interessi dei nostri partner dell’Atlantico e del Pacifico”. Presidente USA  Joe Biden, 15 settembre 2021

Quanto deciso da pochi giorni con il patto trilaterale di sicurezza e difesa Australia, Regno Unito e Stati Uniti (AUKUS) potrebbe essere definito come il primo passo verso il futuro di un Occidente che, per effetto della globalizzazione e degli eventi geopolitici (effetti della pandemia Covid 19 e ritiro dall’Afghanistan), appare oggi più un “insieme” per valori globali condivisi che una dimensione geografica. Si potrebbe ipotizzare che in futuro, nella strategia americana, le coalizioni di potere reale forniranno una nuova forma di deterrenza e difesa da mostrare al mondo per bilanciare, anche solo in parte, la disfatta prima diplomatica e poi militare sull’Afghanistan. AUKUS sta permettendo a Biden di spostare l’attenzione dalla disastrosa fine di una delle “guerre senza fine” dell’America, alla prevenzione della guerra futura insieme ad “alleati per sempre”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è bidene-e-macron.jpg

lo schiaffo alla Francia …

Un’altra cosa è chiara: c’è molto di AUKUS che non è ancora chiaro (forse non lo sarà mai) e non è di dominio pubblico. Quello che è confermato è che l’America fornirà all’Australia otto sottomarini d’attacco a propulsione nucleare (SSN) che sostituiranno i dodici sottomarini a propulsione diesel di classe Attack/Barracuda che sarebbero dovuti essere costruiti nell’ambito di un contratto con i Francesi. Il costo per Canberra della rottura del contratto del 2016 con l’industria francese, che valeva circa 50 miliardi di dollari australiani (circa 31 miliardi di euro), sarà di circa 2 miliardi di dollari australiani. In effetti, il programma era già in grossi guai perché a Parigi c’è chi faceva circolare la voce: “Il governo australiano aveva perso fiducia nella capacità francese di consegnare i sottomarini in tempo. Non abbiamo svolto bene il lavoro”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è royal-australian-navy-hmas-sydney-air-warfare-destroyer-commissions-at-sea-1024x635.jpg

il cacciatorpediniere HMAS Sidney

Anche la politica australiana e le sue esigenze strategiche sono cambiate notevolmente dal 2016, quando era stato firmato il contratto. Di fronte alla crescente forza sottomarina cinese, l’Australia è stata costretta a superare le preoccupazioni politiche sull’uso dei sottomarini a propulsione nucleare perché le distanze coinvolte nell’operare nell’Indo-Pacifico sono enormi, rendendo la capacità di lunga navigazione senza necessità di rifornimento. Un requisito vitale per la Royal Australian Navy (RAN) che potrebbe avere la necessità di condurre operazioni di sorveglianza, non palese, nei pressi dei porti cinesi. In sintesi, i sottomarini francesi non erano utili alle future strategie australiane.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è collins-class-AUS-NAVY.jpg

sommergibili classe Collins … saranno sostituiti da otto sottomarini nucleari di costruzione USA

Parigi non l’ha presa bene e il ministro degli Esteri francese ha dichiarato: “È davvero una pugnalata alle spalle Avevamo instaurato un rapporto di fiducia con l’Australia, questa fiducia è stata tradita”. Per i Statunitensi, AUKUS è l’inizio di un nuovo capitolo nella mutevole strategia globale costruita sulla necessità di mantenere sia la deterrenza sia una credibile forza di difesa a largo raggio in tutto il mondo.

In Europa, nonostante tutti i suoi travagli, la NATO rimarrà il centro decisionale per coordinare con gli alleati europei una forma di difesa che sia credibile e possa oggi ridurre gli “oneri” statunitensi. La condivisione di questi “oneri” e spese sarà uno dei grandi temi del prossimo Concetto Strategico della NATO. Per la maggior parte degli Europei, compresi i francesi, le rispettive difese nazionali sono rafforzate dalla presenza americana, riducendo così (per i paesi europei, Italia compresa) sia il rischio sia il costo di una difesa interamente europea. La NATO, da sempre, rafforza e rappresenta anche la legittimità della leadership americana per la difesa della democrazia nel mondo.

Oggi l’Australia è una “potenza media” importante e strategicamente situata con legami lunghi e fidati sia con gli Stati Uniti sia con la Gran Bretagna. Dato che ogni altro aspetto della vita moderna viene globalizzato, lo sono anche la sicurezza e la difesa e AUKUS fa parte di quel processo. In effetti, Australia e Gran Bretagna diventeranno perni per la proiezione di potenza americana e due basi logistico/organizzative sia dell’Atlantico sia del Pacifico. Ciò contribuirà anche a mantenere credibile la strategia politica di sicurezza nazionale USA agli occhi, in prima battuta, dell’opinione pubblica interna, sfiduciata dal fallimento afghano, e anche dei possibili avversari all’estero.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è us-portaerei-nel-pacifico.jpg

portaerei statunitensi nel Pacifico … in futuro avranno bisogno di un nuovo partner per fronteggiare le sfide del futuro . US Navy EPA

Uno strano rapporto tra Parigi e Londra
Tra tutte le tensioni tra Londra e Parigi negli ultimi giorni si può notare anche che, nonostante la cancellazione di un incontro tra il ministro della Difesa francese, Parly e il suo omologo britannico Wallace, Parigi non ha ritirato il suo ambasciatore da Londra e comunque ha accusato la Gran Bretagna di opportunismo. Naturalmente, la vera motivazione per cui la Francia sta percorrendo una linea non intransigente con Londra è che il rapporto militare e industriale-difesa tra Gran Bretagna e Francia rimane di vitale importanza per entrambi i Paesi e deve essere preservato per il futuro. Parigi ha, quindi, solo ritirato polemicamente gli ambasciatori da Washington e Camberra. Non va infine dimenticato che Gran Bretagna e Francia collaborano positivamente anche nel Consiglio di sicurezza dell’ONU e, di solito, sono in linea con le scelte USA. C’è chi pensa che con la presidenza francese dell’UE, che inizierà a gennaio, Parigi sosterrà la necessità di un’autonomia strategica europea sulla scia del fallimento in Afghanistan e della creazione dell’AUKUS.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è NATO.jpg

l’Alleanza atlantica resta un cardine della sicurezza europea

Parigi ha ragione sulla necessità di una maggiore autonomia strategica europea perché un’Europa con maggiore capacità difensiva è vitale per il futuro sia dell’UE sia della NATO. Qualunque cosa accada nelle prossime elezioni federali tedesche, sembrano poche le possibilità che Berlino diventi presto un attore strategico di difesa degno del suo potere economico, e nessun altro stato europeo, compresa l’Italia, ha un particolare desiderio di sostenere le ambizioni francesi dopo la crisi economica causata dalla pandemia da virus di Wuhan.

E la Cina?
Altra cosa importante è la crescente capacità di proiezione della potenza militare marittima della Cina Popolare, che sta cambiando non solo la geopolitica globale, ma anche la forma e la struttura stessa delle alleanze, delle coalizioni e dei regimi occidentali. La Marina dell’Esercito di Liberazione del Popolo (PLAN) ha ora più navi della Marina degli Stati Uniti (USN) anche se la qualità e la capacità d’impiego non sono comparabili a quelle della Marina statunitense. Ma, a differenza degli americani, la stragrande maggioranza della forza cinese è concentrata nell’Indo-Pacifico orientale, un’area che potrebbe essere teatro di tensioni nei prossimi anni.

La competizione strategica tra Stati Uniti e Cina Popolare nell’Indo-Pacifico sarà la competizione geopolitica che caratterizzerà il ventunesimo secolo e AUKUS è il primo vero passo nel riallineare la strategia occidentale guidata dagli americani con dimostrazione di potere e capacita di deterrenza.

Infatti, finché la Cina rimarrà bellicosa e prepotente minacciando, ad esempio, la democratica Taiwan, bisogna evitare che altri Paesi siano tentati di allearsi con Pechino. AUKUS, anche se discutibile per alcuni e non apprezzato da molti, è quindi il prodotto di un cambiamento in cui proprio il variare della strategia interagisce con la geopolitica ed il futuro dell’area marittima indo-cinese.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è sottomarino-type-95-PLAN-cina-1024x597.jpg

disegno artistico del nuovo sottomarino nucleare type 95 cinese. Si prevede che il sottomarino Tipo 095 avrà una firma acustica sostanzialmente ridotta, all’interno di un tipo di scafo migliorato. Rispetto al tipo 093, il tipo 095 avrà un reattore nucleare più avanzato, tubi VLS e un numero maggiore di sensori avanzati con sonar trainati a bassa ed alta frequenza. 

Tornando, infine, ai sottomarini cinesi va evidenziato che l’ultima classe da attacco a propulsione nucleare (Type 095) cinese potrebbe essere lo strumento navale più efficiente che Pechino abbia mai schierato. L’Australia ha bisogno di una capacità antisommergibile in grado di eguagliarlo ed ha agito di conseguenza. Pare proprio che “Si vis pacem, para bellum” valga anche in Oceania.

Giuseppe Morabito

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 197 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »