If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Simon Mitchell e la subacquea: storia di un amore

Reading Time: 4 minutes


.
E’ con piacere che pubblichiamo una lunga intervista, ricca di contenuti e spunti di riflessione, di Paolo Di Ruzza al professor Simon Mitchell, un noto medico neozelandese specializzato in medicina iperbarica ed anestesiologia, ex Vicepresidente della Undersea and Hyperbaric Medical Society (UHMS) ed ora Presidente del comitato dedicato alla subacquea.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Simon-for-US-Tech-500x500-1.jpgPer chi non conoscesse Simon Mitchell, oltre ad essere autore di numerose pubblicazioni scientifiche sulla medicina iperbarica e di articoli sulla subacquea, è anche un subacqueo tecnico di ottimo livello partecipando anche alla scoperta di alcuni relitti. Mitchell è co-autore di numerosi lavori, tra i quali ricordo “Deeper Into Diving” (con John Lippmann), “Diving and Hyperbaric Medicine” (un capitolo in Harrison’s Principles of Internal Medecin) e due capitoli nell’ultima edizione di “Physiology and Medicine of Diving” (Bennett and Elliott). Paolo Di Ruzza ha avuto modo di intervistarlo nel marzo 2021, trattando con lui diversi aspetti che riguardano la sicurezza dell’immersione. Al fine di renderli maggiormente digeribili sono stati suddivisi in diverse parti che pubblicheremo in articoli dedicati nelle prossime settimane, con la speranza che siano oggetto di attenzione e discussione fra di voi.

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Simon Mitchell, Paolo di Ruzza, Rapporto tra scienza e subacquea

Simon, una domanda d’obbligo … quando ti sei innamorato dell’immersione subacquea?
Sono stato molto fortunato a crescere in un piccolo posto, proprio vicino al mare a Wellington in Nuova Zelanda, dove c’è una bellissima costa rocciosa e non hai bisogno di risorse importanti per fare immersioni. La casa era molto vicino all’acqua, dovevamo camminare solo per cinque minuti per fare del bellissimo snorkeling. Mi sono innamorato della subacquea all’età di dieci anni e, da allora, letteralmente, ogni singola cosa della mia vita è stata guidata in qualche modo dal tentativo di alimentare il mio interesse per le immersioni. Di fatto, la mia carriera da medico è stata tutta incentrata nell’ambito della subacquea. Uno degli aspetti belli della subacquea è che, anche se hai iniziato da adolescente, quindi magari pensi che potresti annoiarti, puoi reinventarti molte volte: ho iniziato con lo snorkeling, poi la pesca in apnea, le immersioni subacquee, l’hockey subacqueo, la biologia marina, la medicina, poi l’esperienza militare, i rebreather, scattare fotografie, esplorare relitti o grotte (anche se sono più un subacqueo da relitti che uno da grotta). Il punto è che puoi fare tante cose nella subacquea: ad esempio, la fotografia è davvero un’ottima attività, perché non puoi mai dire di aver scattato la fotografia migliore, c’è sempre una fotografia migliore da fare. Quindi è una ricerca senza fine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Simon_Mitchell.jpg

Come sapete Simon Mitchell è un affermato medico iperbarico ed un subacqueo tecnico di ottimo livello. Considerato che uno scienziato come Haldane non si immergeva, quanto è importante praticare questa disciplina per comprendere le teorie decompressive?
In effetti questa è una bella domanda, per cui articolerò la risposta in due modi; distinguerò tra l’essere un medico subacqueo, che tratta i subacquei quando sono infortunati, ed essere uno scienziato. Dal punto di vista medico è davvero interessante perché ho colleghi medici di medicina subacquea che non sono subacquei. Puoi immaginare quanto sia difficile per loro quando, seduti in una stanza con subacquei tecnici,  io inizio il mio discorso con ” … immersioni ad 80 metri con Rebreather usando Trimix con 10/50 come diluente e set point di 1.3” …. un gergo per molti incomprensibile. È molto difficile per loro capire la terminologia. Per me è un grande vantaggio essere un subacqueo (in particolare un subacqueo tecnico) per trattare con i miei pazienti perché li capisco. Capisco le sfumature, quello che dicono, capisco tutti i termini tecnici e quindi, quando ho a che fare con i subacquei e rispondo alle loro domande, l’essere un subacqueo mi facilita perché so di cosa stanno parlando. Quindi, collegare questi campi penso sia abbastanza importante.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MARCO-SIENI-8.jpg

Dal lato scientifico, probabilmente è meno importante anche se penso che si possa essere scienziati autorevoli senza essere subacquei. In fondo, molto di ciò che facciamo nella scienza della subacquea è teoria fisica o teoria biologica e non è necessario quindi essere un subacqueo per capire. Naturalmente ci sono occasioni in cui essere un subacqueo mi aiuta, com in questo caso. Quando ci sono cose che i subacquei non capiscono, a volte controverse, in queste occasioni l’essere uno di loro  mi aiuta sicuramente a comunicare. Anche questo è un elemento di credibilità: i subacquei tendono ad ascoltare un pò di più i subacquei. Ugualmente penso di essere avvantaggiato quando espongo in forum come l’Eurotek o anche al Rebreather meeting di Ponza, Italia; sapere che sono un subacqueo aiuta i subacquei che mi ascoltano e penso sia più probabile che si ritrovino in ciò che sto dicendo.

In sintesi, ritengo sia abbastanza importante essere un medico subacqueo che tratta con i subacquei, ma questo vale meno per molti scienziati che in realtà non sono subacquei o non si immergono. In realtà non sono così tanti perché la maggior parte delle persone inizia perché è interessata alle immersioni, questo è ciò che li spinge lungo il percorso. Tornando alla domanda … hai ragione, Haldane non era un subacqueo. Questo è un perfetto esempio di come puoi essere uno scienziato autorevole senza essere effettivamente un subacqueo.

fine parte I – continua

 

Paolo Di Ruzza

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
.

PARTE I
PARTE II
PARTE III
PARTE IV
PARTE V
PARTE VI
PARTE VII
PARTE VIII
PARTE IX
PARTE X.

 

 

print
(Visited 460 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »