If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La marina statunitense del III millennio: presentato il Battle Force 2045

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XXI SECOLO

AREA: STATI UNITI
parole chiave: Battle Force 2045
.

Prima di voltare pagina ed entrare nell’era Biden (forse memore dei disastri navali dell’era Obama) la U.S. Navy ha voluto tracciare un bilancio, ribadendo e fissando le linee guida da seguire per poter far fronte alle crescenti tensioni e minacce internazionali che provengono, soprattutto, dall’Oceano Pacifico la cui origine deve farsi risalire a fattori esterni e segnatamente alla “espansionistica” politica estera cinese che vede la flotta di Pechino impegnata in prima linea.

Nello scorso dicembre il Dipartimento della Marina degli Stati Uniti ha presentato l’aggiornamento annuale del programma trentennale stilato per la modernizzazione ed il mantenimento della forza navale. Va premesso che negli ultimi quattro anni, il piano di recupero numerico e di efficienza dell’amministrazione Trump ha portato ad un equilibrato, ma anche accelerato, programma di costruzioni che ha di fatto saturato le capacità produttive della cantieristica statunitense, con l’obiettivo di portare la flotta a 355 navi (peraltro ancora sottodimensionata rispetto agli impegni).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è USS-zumwalt.jpg

La nave di superficie tecnologicamente più avanzata della Marina, la USS Zumwalt (DDG 1000), viaggia in formazione con la USS Independence (LCS 2) e la USS Bunker Hill (CG 52) nell’ultima tappa del suo viaggio di tre mesi verso il suo nuovo porto di San Diego. Photo credti U.S.Navy Sottufficiale di prima classe Ace Rheaume / rilasciato)

Il programma, aggiornato nei giorni scorsi, non si limita a mantenere gli impegni per la costruzione di nuove unità (di superficie, subacquee ed aeree) e a confermare gli interventi di modernizzazione già previsti ed utili al fine di estendere la vita operativa delle unità in servizio: la novità è l’enfasi posta sull’adozione di mezzi a controllo remoto.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è norquist_david_us-undersecretary-defense.pngNei primi giorni di dicembre 2020, il sottosegretario alla Marina, David Norquist, ha presentato al Congresso degli Stati Uniti, il nuovo programma della US NAVY, denominato Future Naval Force Structure, il cui slogan è  “mantenere la pace oggi e domani”. L’ambizioso  programma statunitense parte dal presupposto che gli Stati Uniti debbano mantenere il ruolo globale di “potenza navale dominante” e definisce le misure per raggiungere tale obiettivo, oggi messo in discussione dalla crescita cinese e dai programmi di ridimensionamento messi in atto dalle precedenti amministrazioni, in particolare da quella di “Obama”.

La proiezione e la credibilità degli Stati Uniti si basa oggi, in un’aggiornata visione dell’ordine globale, nella capacità di mantenere il dominio marittimo e la libertà di navigazione e di intervento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è The-USS-Winston-S.-Churchill-fires-a-5-inch-gun-during-exercises-in-the-Atlantic.jpg

USS Winston S. Churchill (DDG 81) esegue la manutenzione mensile della calibrazione pre-mira (PAC) sul cannone MK-45 Mod. 4 da 127/62. (photo credit Navy Petty Officer 3rd Class Louis Thompson Staats IV)

Norquist ha preso atto e sottolineato che per adeguare le proprie forze navali gli Stati Uniti devono necessariamente provvedere ad espandere l’industria nazionale sia in termini di costruzione sia di refitting e manutenzione, abbandonando quella politica minimalista che, per mantenere in vita la flotta, pensava di poter far leva sulle capacità di una base industriale che negli ultimi decenni si è sensibilmente contratta.

Il Dipartimento della Marina ha collaborato con l’Ufficio del Segretario alla Difesa e lo Stato Maggiore congiunto per elaborare il Future Naval Force Structure Study, che prevede l’approntamento ed il supporto di tre diverse flotte che dovrebbero essere in grado di fornire una risposta concreta alle esigenze attualmente prevedibili per l’anno fiscale 2045, una struttura organica che la U.S. Navy ha definito “Battle Force 2045“. Lo studio conta sulla rapida crescita di unità (di superficie, aeree e subacquee) a controllo remoto anche se si prevede di raggiungere il livello numerico delle “355 navi” entro il 2030, il programma derivante dallo stesso va ben oltre le navi stesse,  sviluppando le condizioni per mantenerne l’efficienza ed assicurando il ricambio e l’efficienza dello strumento navale. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è US-Navy-Constellation-class-frigate-rendering-1024x576.jpg

USS Constellation class, pittorico di una futura classe di fregate per la US Navy – U.S. Navy graphic

In particolare, la U.S. Navy pur consolidandosi attraverso assetti moderni, ma di concezione “tradizionali” (sottomarini d’attacco, portaerei a propulsione nucleare, gruppi aerei, forze con capacità expeditionary integrate, ed una accresciuta forza logistica), punta a migliorare la propria capacità e flessibilità di impiego con la nuova classe di grandi fregate Constellation; la loro polivalenza consentirebbe una migliore pianificazione con una più efficiente distribuzione dei ruoli delle forze di superficie, liberando risorse per missioni critiche ad alto rischio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è uss-mustin-1024x678.jpg

USS Mustin (DDG 89) in navigazione (photo credit Arthur Rosen / U.S. Navy).

Inoltre lo studio prende in considerazione (probabilmente anche come soluzione per alleggerire la pressione sulla cantieristica tradizionale, oltre che per far fronte alle note carenze di personale) unità di superficie a controllo remoto di notevoli dimensioni, capaci di aumentare  sia le capacità offensive  sia difensive della flotta a costi ridotti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è LUSV_20_Aug_2019.-1024x576.png

LUSV

L’ipotesi immediata è quella di impiego dei LUSV (Large Unmanned Surface Vehicle) per il supporto di fuoco, ma vengono in considerazione ulteriori possibilità di utilizzo, comprese funzioni di scoperta e controllo avanzato con particolari sensori integrabili nell’incremento di capacità di comando e controllo (C4 ed oltre) anche in questo caso in un’ottica di riduzione dei costi.

Gian Carlo Poddighe

articolo pubblicato originariamente su Italian Ship Lover

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 172 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »