If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La Turchia vara la prima fregata della classe Istanbul

Reading Time: 4 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: MARINE MILITARI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO

parole chiave: Marina turca, fregate, classe Istif, TCG Istanbul
.

Negli ultimi tempi, Turchia e Grecia si sono avvicinate più volte ad uno scontro militare a causa di controversie politiche mai risolte. Nonostante siano passati oltre 60 anni in cui i due Paesi hanno servito e servono nella stessa Alleanza esistono tuttora delle frizioni legate all’uso della piattaforma continentale, dello spazio aereo, e in certi casi in merito alle acque territoriali. Non ultima la contesa, che indirettamente ha toccato anche gli interessi  italiani,  sulle rispettive pretese nelle “dichiarate unilateralmente” zone economiche esclusive (Z.E.E.) intorno all’isola di Cipro.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è f-514-tcg-classe-ada.jpg

l’ultima corvetta classe Ada

Rinviando ad un futuro articolo i problemi politici e di diritto internazionale, affronteremo oggi lo sviluppo nell’ambito della Marina Turca di modernissime unità, che si inseriscono nell’ambizioso programma di Ankara di creare una marina moderna e decisamente di grandi capacità.

Il controllo delle rotte marittime
Le unità navali più adatte per compiti di interdizione e difesa tridimensionale sono le fregate, che consentono di svolgere azioni rapide e incisive nei teatri marittimi senza necessitare grandi capacità offensive. Non a caso in tutte le Marine stanno entrando in servizio nuove classi, sempre più performanti.

Il 23 gennaio 2021 la marina turca ha varato una nuova fregata, il TCG Istanbul, appartenente alla nuova classe Istif che rimpiazzerà le quattro unità classe Meko 200, ormai al termine della loro vita operativa.

Ankara sta portando avanti un ambizioso programma (MILGEM) che prevede la produzione di quattro corvette classe Ada e quattro fregate interamente costruite in Turchia. MILGEM risale all’inizio degli anni 2000 con lo scopo di realizzare unità navali per sostenere la sua politica estera più assertiva nel Mediterraneo orientale. Il programma è stato realizzato con il contributo di molte aziende nazionali, tra cui Aselsan, Roketsan e Havelsan, ed è sotto la responsabilità di STM con la partecipazione di molte società dei cantieri navali di Istanbul in coordinamento con il Comando delle forze navali turche.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Turkey_launches_its_first_Istanbul-class_F_515_frigate_built_for_Turkish_Navy_925_001.jpg

Cerimonia ufficiale del varo della prima unità classe Istanbul per la Marina turca (Picture source SSB)

La fregata Istanbul è stata costruita nell’ambito di un contratto firmato nel 2019, assegnato dall’Agenzia governativa per gli appalti a STM, una società dell’industria difesa controllata dal Governo. La fregata sarà utilizzata in compiti di difesa aerea avanzata, di pattugliamento e di sicurezza marittima. Si prevede che il TCG Istanbul F 515 sarà consegnato alla Marina Militare turca nel settembre 2023.

Sistemi di armamento
Le fregate della classe Istif saranno dotate di sistemi d’arma allo stato dell’arte con un cannone super rapido da 76 mm, due torrette CIWS (close-in weapon system) Gokdeniz prodotto da Aselsan, un sistema di lancio verticale MDAS a 16 celle per un totale di 64 missili terra-aria, due contenitori di lancio SSM per l’Atmaca/Harpoon, e due lanciatori binati per siluri da 324 mm, ed un missile cruise anti-nave a lungo raggio, sviluppato dal produttore di missili turco Roketsan. L’Atmaca, di progettazione e costruzione interamente nazionale, sostituirà gradualmente i missili Harpoon statunitensi. Inoltre, sarà dotato di un sistema di contromisure siluro HIZIR.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è istanbul-turchia-768x384-1.jpeg

Una fregata di tutto rispetto che ha avuto nel tempo visibili modifiche. Innanzitutto la forma del ponte, dell’albero e la presenza di nuove aperture lungo lo scafo che indicano la possibilità di portelli apribili sul ponte di coperta verso poppa. Sulle corvette classe Ada quell’area viene utilizzata per il rifornimento ed è lecito ritenere che potrebbe avere lo stesso scopo.

Visualizza immagine di origine

Anche la posizione delle antenne SATCOM sembra essere cambiata. Nei disegni del IDEF 2015 si trovavano verso la fine dell’albero mentre all’IDEF del 2017 apparivano spostati a proravia, anche se di pochi metri. Inoltre, appare cambiato il sistema di rilevamento elettro-ottico. Nel 2015 era tondo ed a forma sferica, come l’ASELFLIR 300D ma nell’ultima versione ha una forma rettangolare, cosa che fa pensare possa ospitare il sistema Denizgözü-AHTAPOT, sviluppato specificatamente per le piattaforme navali per le esigenze del Sistema Electro-Optical Diffuser (EOD) in sostituzione del sistema ASELFLIR-2018D, utilizzato sulle corvette classe Ada e sulle motovedette di classe Tuzla.

Secondo un’agenzia di stampa, le specifiche della classe Istif sono:

Dimensioni Lunghezza: 113,2 metri;
Larghezza: 14,4 metri;
Pescaggio: 4,05 metri
Dislocamento 3.000 tonnellate
Velocità velocità massima maggiore di 29 nodi
velocità economica 14 nodi
Autonomia alla velocità economica 5700 miglia nautiche
Propulsione principale CODAG, due motori diesel MTU 20V 4000 M93L (azionanti due alberi) ed una turbina a gas LM2500 (in configurazione CODAG)
Produzione di energia quattro generatori diesel
Componente volo due elicotteri S70 Seahawk (uno nell’hangar e uno sulla piattaforma)
dotazione  due gommoni a scafo rigido
Endurance minimo 15 giorni di autonomia operativa in mare senza rifornimenti
Armamento 1 x Mk-41 Vertical Launching System (VLS)
per
RIM-66 Standard Missile SM-2MR
RIM-162 Evolved Sea Sparrow Missile (ESSM)
RUM-139 VL-ASROC anti-submarine rocket

1 x Oto-Melara 76/62 SR (76 mm/62-caliber) Super Rapid Gun
2 x Aselsan STOP 25mm remote controlled, stabilized machine gun systems
con guida Laser / IR / TV / EO
8-16 x Rocketsan ATMACA SSM 
1 x Mk-49 missile launching system per 21 x RIM-116 Rolling Airframe Missiles (RAM)
2 x Mk-32 (12.75″/324mm) twin torpedo tubes
per 4 Mk-46 torpedos
Radar un radar di ricerca 3D (probabilmente lo Smart-S Mk2), due radar di controllo del tiro AKR-D, ed un radar di navigazione LPI 

In sintesi, una nave interessante che si colloca a pieno titolo tra le unità più moderne dell’Alleanza. 

.

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 320 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »