If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Maria la Bailadora e la battaglia di Lepanto

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Bailadora, Lepanto
,

Il 7 ottobre è l’anniversario della battaglia di Lepanto e per ricordare i tanti combattenti di quella che, comunque la si voglia considerare, fu una durissima battaglia, voglio raccontare la storia di una donna, Maria la Bailadora.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è lepanto-1024x543.jpg

Iniziamo con i fatti storici
Lo scontro navale di Lepanto avvenne nel corso della guerra di Cipro, tra le flotte musulmane dell’Impero ottomano e quelle cristiane della Lega Santa che riuniva le forze navali in gran parte della Repubblica di Venezia (la metà) e l’altra metà composta congiuntamente dalle galee dell’Impero spagnolo, dello Stato Pontificio, della Repubblica di Genova, dei Cavalieri di Malta, del Ducato di Savoia, del Granducato di Toscana del Ducato di Urbino, della Repubblica di Lucca, del Ducato di Ferrara e del Ducato di Mantova. La battaglia fu combattuta con estremo coraggio, fianco a fianco, dai soldati italiani e spagnoli, come spesso accadeva in quegli anni, con buona e cattiva fortuna ma di solito con successo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Batalla_de_lepanto_antonio_brugada-1024x684.jpg

Come dicevo, fu una dura battaglia di proporzioni così mortali che le navi della linea di entrambe le parti furono coinvolte in combattimenti attivi piuttosto che dirigere la battaglia da una distanza di sicurezza. La Lega Santa ebbe successo contro gli ottomani con la perdita di sole 16 navi alleate che rappresentavano l’8% della flotta rispetto alla perdita di 214 navi ottomane (76% della sua flotta). Senza la vittoria della Lega in quel giorno, forse, gli Ottomani avrebbero preso definitivamente possesso del Mediterraneo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è villa-del-principe-museo-genova-arazzi-lepanto-navigazione.jpg

Permettetemi ora di passare dalla storia alla leggenda, o meglio ad una figura certamente minore, forse leggendaria, il cui nome spesso ritorna nei racconti spagnoli della battaglia. Di tutte le relazioni ufficiali, o semiufficiali,  della battaglia di Lepanto, sia italiane che spagnole, di fatto esiste solo il prezioso rapporto del soldato Marco Antonio Arroyo, testimone oculare della battaglia, pubblicato nel 1576 a Milano (allora appartenente al Regno di Spagna) con il titolo di “Relazione della vicenda della flotta della Lega Santa” cita brevemente l’episodio di una donna spagnola, vestita da soldato, che si intrufolò nella flotta combattendo sulla Real di Spagna.  La presenza di una donna a bordo era un evento veramente eccezionale perchè Don Juan d’Austria aveva espressamente vietato di imbarcare di “donne e persone inutili“. Essendo una cronaca molto precisa della famosa battaglia navale, vale la pena riportare quello che descrisse in questa relazione considerata preziosa e veritiera.

 Ecco quello che scrisse:

 “… Ma una donna spagnola, Maria, chiamata Bailadora ( La Ballerina), che si è spogliata delle abitudine e della naturale paura femminile, ha combattuta con tanta energia e destrezza con un archibugio, che molti turchi persero la vita e affrontata da uno di loro, l’ha ucciso a coltellate.  Per questo Don Juan gli concesse un onore inconsueto e gli concesse che da allora in poi doveva prendere posto tra i soldati, come aveva dimostrato di essere, nel Tercio di Don Lope de Figueroa ».

Questo episodio fu quindi così importante per Marco Antonio Arroyo da dedicargli alcune righe nella raccolta di aneddoti che costituisce un capitolo del suo libro, di fatto sfidando la misoginia del tempo. Maria entrò così nella leggenda. Arrigo Petacco, nel suo libro L’ultima crociata, parlando delle regole morali stabilite da Pio V, evidenziò che una di queste sanciva il divieto di far salire a bordo della flotta cristiana “uomini imberbi, di paggi e di donne”, affinché non potessero “corrompere gli animi dei servitori della fede”; “[…] solo una certa Maria Bailadora, spagnola, riuscirà a seguire il suo amante travestita da archibugiere […]”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è maria_la_bailaora_susana_cordoba_1.jpg

Sebbene la realtà di un episodio curioso, anche se minimale, si fonda spesso con la fantasia, si racconta che Maria fosse una giovane zingara fuggita dalla Andalusia dove sua madre era stata bruciata come strega quando lei era ancora bambina. Cosa al tempo non rara visto che questo genere di cose fu ripreso nel tempo in molti romanzi ed anche nell’opera del Trovatore di Verdi.  Venire messe al rogo per superstizione o per infami motivi non era cosa rara nella Cattolicissima Spagna. Comunque, la leggenda dice che la bella zingarella arrivò in modo fortunoso a Napoli dove incontrò un soldato che rimane ammaliato dalla straordinaria sensualità del suo flamenco.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è flamenco.jpg

I due si innamorano e Maria, alla notizia della partenza del suo soldato, ne rimane sconvolta.  Ma è grazie alla sua abilità nella danza che riesce ad imbarcare sulla Real, dove si trova il suo amato, soldato del Tercio del Mare oceano, viene destinato proprio prima della partenza per la Battaglia. Il respiro romantico e il suo innegabile valore nello scontro, che la vide abile nel tiro con l’archibugio come con il coltello, furono poi immortalati da quel Marco Antonio Arroyo, che per oscuri motivi le rese omaggio fra tutti coloro che diedero la loro vita nella sanguinosa battaglia.

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 101 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »