Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Computer subacqueo, uno strumento superfluo, utile, indispensabile… o solo di moda?

Reading Time: 4 minutes

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: ODIERNO
AREA: TECNOLOGIA
parole chiave: sicurezza dell’immersione, computer subacquei, modelli
 

Eccoci nuovamente con Luca Cicali a parlare di computer subacquei … un articolo forse provocatorio ma pieno di verità. Buona lettura.

 

Nel mio ultimo articolo ho provato a fare una panoramica sui più importanti e conosciuti modelli decompressivi esistenti, ideati e sviluppati con l’intento di generare tabelle decompressive sempre più affidabili e sicure.

Abbiamo visto che, malgrado la lista fosse molto ridotta rispetto a ciò che la ricerca in materia ha prodotto, da Haldane ai giorni nostri, ci sono modelli decompressivi veramente per tutti gusti. E malgrado essi siano stati sviluppati in base a schematizzazioni ed assunzioni a volte radicalmente diverse tra di loro, i risultati che forniscono sono convergenti verso tempi di non decompressione (la famosa curva di sicurezza) e profili di decompressione molto simili. Anzi, via via che la ricerca ha progredito, le differenze tra i risultati forniti dai vari modelli si sono via via assottigliate, convergendo verso profili sempre più simili, attendibili e sicuri, specialmente per immersioni entro i quaranta metri di profondità.

I modelli decompressivi, ovviamente, sono anche alla base degli algoritmi ai quali obbedisce il programma software implementato nei computer subacquei. Ma nel passare dalle tabelle al computer subacqueo, la varietà dei modelli adottati scende sensibilmente, e a ben vedere alcuni di essi sono varianti o personalizzazioni di uno stesso modello di base. Tuttavia, diversamente da quanto fatto in tutti i precedenti articoli, e anche per dare soddisfazione a molti che mi chiedono una simile svolta almeno in una occasione, vorrei rinunciare a scendere nei dettagli tecnici di questo argomento per analizzare invece aspetti più personali, in particolare l’atteggiamento che noi subacquei abbiamo nei confronti di questo strumento che a partire dagli anni 90 ha rivoluzionato il modo di andare sott’acqua.

Ipotizziamo dunque di far parte di un gruppo di appassionati di immersioni ricreative in vena di autocoscienza, che si riuniscono e si pongono domande sull’argomento, come in un esperimento finalizzato a conoscersi meglio.

Ecco la prima domanda: quanti di noi hanno scelto il proprio computer subacqueo in base all’algoritmo decompressivo utilizzato?
Ci si guarda in faccia un po’ stralunati, girandosi intorno alla ricerca di qualcuno che si faccia avanti. Proviamo allora ad abbassare il tiro. Quanti di noi conoscono le differenze tra i vari modelli decompressivi utilizzabili nei computer subacquei? Ancora poco o nulla…. Scendiamo ancora un pò: sappiamo quale algoritmo utilizza in nostro computer? Ora si alza qualche mano… Cambiamo dunque registro, passando dall’oggettivo al soggettivo. La nuova domanda è: sono soddisfatto del mio computer subacqueo? E qui finalmente le risposte non si fanno attendere. I soddisfatti si dilungheranno sui colori dello schermo, la facilità d’uso, la durata della batteria, la grandezza del display, la quantità di profili memorizzabili, l’interfaccia con il PC.

I delusi invece si concentreranno probabilmente su due particolari:
• il mio computer è un modello troppo vecchio;
• il mio computer è troppo conservativo.

Cosa voglio dire con questo esempio un po’ strampalato?
Che forse, come tanti altri casi della vita, siamo pronti ad emettere giudizi inappellabili e mostrare certezze granitiche su macchine complesse malgrado siamo a corto di informazioni, basandoci quindi su elementi meno rilevanti, perché più facilmente dominabili, (estetica, comodità, moda), oppure facili pregiudizi o un pizzico di supponenza. Il giudizio più tecnico tipicamente è “il mio computer è troppo conservativo”, ma rispetto a quale riferimento ideale?.

Anche volendo approfondire, la reale disponibilità di dettagli tecnici e implementativi degli algoritmi impiegati nei computer subacquei è molto limitata, per ovvie ragioni di proprietà intellettuale. E poi siamo probabilmente vittime di una abitudine diffusa e ingannevole: fare di un caso una statistica. Dobbiamo fare esercizio di umiltà e riconoscere di avere il giudizio molto facile, molto più di quanto potrebbe permettersi un vero esperto in materia.

Cerchiamo dunque di aggiustare il tiro, non tanto per svelare in modo iperdettagliato le differenze tra un computer e l’altro, che come abbiamo detto tendono ad essere molto limitate, ma per cercare di precisare quale è l’atteggiamento migliore che dovremmo adottare nei confronti di questa macchina, e quanto grande sia il beneficio in termini di sicurezza che l’introduzione dei computer subacquei ha portato.

Per oggi mi fermo qua … per farvi riflettere su quello che ho preannunciato ma, nel prossimo articolo andremo più a fondo, cercando di capire in base a quale principio guida possiamo elaborare una strategia decompressiva in tempo reale migliore di quella di un computer. Parleremo di ratio deco e tanto altro … non mancate.

Luca Cicali

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print
(Visited 543 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. Luca CIcali Luca CIcali
    14/05/2019    

    Commento il mio stesso articolo rassicurando i lettori circa l’ultima frase: sicuramente abbiamo l’opportunità di elaborare una strategia decompressiva ALTERNATIVA a quella di un computer, ma migliore. Sinceramente non lo credo. Anche perchè stabilire quale tra due strategie decompressive è migliore è un esercizio un pò più complicato di quanto sembri….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »