Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

La Marina pontificia del VIII secolo – parte II

tempo di lettura: 5 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: VIII SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Arabi, Bizantini, Stato pontificio
.

La Tuscia dal Macra alla riva destra del Tevere
In quel periodo le terre toscane comprendono non solo Pisa e Fiorenza, ma anche Orvieto, Perugia, Viterbo, Cere, e anche il Porto romano, che sorge alla destra del Tevere. La qual regione si divide quindi in tre parti principali, conosciute come le Tre Tuscie; romana, longobarda e ducale.

Le due prime di queste tre parti sono sotto il dominio pontificio: esso già dipendeva per primitiva dedizione spontanea la Tuscia romana come parte del ducato omonimo, ove si annoverano queste città etrusche: Cere, Porto, Civitavecchia, Bieda, Barberano, Sutri, Nepi, Gallese, Orta, Bomarzo, Amelia, Todi, Perugia, Narni ed Otricoli. Egualmente per donazione imperiale spetta a Roma: la Tuscia tolta ai Longobardi (dai quali prende il nome), con le città d’Orvieto, Castelfelice, Bagnorea, Ferento, Viterbo, Vitorchiano, Maria, Toscanella, Populonia, Soana, e Rosella. Rimane quindi la Tuscia ducale, governata dai duchi a nome di Carlo Magno, che comprende Luni, Pisa, Lucca, Firenze, Volterra, Pistoia, Cortona, Siena, Arezzo e Chiosi. Nel seguito quindi, parleremo di Tuscia intendendola nel suo significato altomedievale, che comprende le tre parti appena menzionate.

Nell’VIII secolo, le città marittime della Tuscia hanno due nemici, i Bizantini ormai alla fine del loro periodo d’oro, ed i Musulmani all’inizio della loro ascesa. I primi, ormai fuori dalle istituzioni romane, covano un forte rancore nei confronti delle città tirreniche e compiono gravi incursioni e imprese piratesche. Populonia, città della Tuscia longobarda, nell’809 viene completamente depredata prima da un contingente greco (almeno stando agli Annales Regni Francorum) e poi distrutta da una flotta saracena che aveva appena colpito anche la Corsica.

I Bizantini assaltano anche Comacchio nell’Adriatico, ma vengono respinti dopo aver causato vari danni. Ciononostante, continuano a percorrere Tirreno e Adriatico attaccando molti vascelli. Tanto più che quasi sempre trovano ospitalità e favore dai Longobardi, coi quali sono uniti dall’avversione verso il Re (e poi Imperatore) e il Papa.

Questo è dimostrato anche dal fatto che i Bizantini stabiliscono una proficua compravendita di schiavi con i Longobardi. Non solo i nati schiavi ma anche i prigionieri di guerra, di debiti, di pena o che si vendono spontaneamente vivono senza libertà, senza diritti civili o politici; sono cose e possedimenti dei padroni, i quali hanno autorità di venderli e donarli, e di esercitare sopra di loro un imperio quasi assoluto, che porta a crudelissimi abusi.

Le righe dedicate dal Guglielmotti alla schiavitù meritano una citazione:
La religione cristiana trovò uomini tra catene, e livide mani rilegate e rilegatrici: fece sentire la parola di fraterna carità, disciolse i ceppi. Ma non fu tanto sollecito il beneficio né tanto universale, che nell’ottavo secolo non rimanesse alcun vestigio di quel morbo inveterato e pertinace, come oggidì non resta in certe colonie, e accendeva l’ire fraterne tra i repubblicani della gran Confederazione americana.

I Bizantini quindi approdano alle marine toscane, raggiungono i Longobardi e da loro comprano gli schiavi, rivendendoli a un prezzo molto maggiore in altri mercati. Attorno all’anno 777, comprano molte famiglie di gente libera. Tra guerre e condizioni metereologiche avverse, cresciuta la carestia e la fame, molte persone non hanno mezzi sufficienti a sostenersi e si vendono di propria sponte con moglie e figli ai Bizantini. Questi ultimi, affamati d’oro, li rivendono ai Saraceni, e passano quindi la loro vita come schiavi in Africa o in Spagna, soggetti alle peggiori vessazioni e costretti ai lavori più duri.

Il pontefice Adriano I, venuto a sapere dell’oltraggioso comportamento posto in essere da Costantinopoli, cerca di rimediare. Il suo obiettivo è recuperare gli schiavi, arrestare i pirati e distruggere le navi di questi ultimi. Come d’uso prima dell’istituzione di una marina professionale, Adriano I si rivolge a un feudatario, Allone, comandandogli di costruire e metter in acqua un numero di legni sufficiente ad eseguire i suoi ordini.

Per quanto sia difficile ricostruire la gerarchia istituzionale dell’VIII secolo, il Muratori asserisce che Allone è il governatore di Lucca, ma non comanda su tutta la Tuscia ducale, visto che ci sono altri due duchi, nello stesso periodo, a Chiusi (Reginaldo) e a Firenze (Guindibrando). Ad ogni modo, è certo che Allone sia sottoposto (almeno in questo caso) all’autorità del Pontefice; purtroppo non sappiamo se questo sia dovuto a una concessione speciale di Carlo o a un diritto di primazia ormai acquisito. Allone però non riesce a risolvere la situazione. E dove questi fallisce hanno successo i Civitavecchiesi, che catturano i pirati bizantini e bruciano tutte le loro navi.

I possedimenti bizantini in Italia si riducono progressivamente nel corso dell’VIII secolo, ma anche il predominio longobardo è destinato ad avere vita breve. Molti schiavi cristiani sono stati venduti dai Greci ai Musulmani in Spagna, contro i quali sta combattendo Carlo Magno. E’ proprio il sovrano carolingio a trovarne parecchi, e liberarli, durante la sua spedizione in Spagna. Questi sono particolarmente adirati sia con i Greci che con Adriano stesso, che non è ancora riuscito a mettere in sicurezza le coste.

Per questo Carlo Magno scrive al Pontefice, chiedendogli di risolvere il problema. Purtroppo, come molti altri documenti antichi, questa missiva è andata perduta. Rimane invece la risposta del Papa al sovrano carolingio (Hadriani Papae, Epist. LXV):

Quanto al traffico degli schiavi molto ne duole che venga attribuito ai nostri Romani, quasi che essi stessi li avessero venduti alla gente malnata dei Saracini. Dio non voglia che siffatta iniquità avvenga per volontà nostra o per colpa loro, siccome non avvenne giammai. I Greci nelle spiagge dei Longobardi praticano, ed avendo fatta alleanza ad uso di trafficanti, comprano e vendono insieme alle altre cose anche gli schiavi. Noi pertanto, volendo impedire il male ci siamo rivolti al duca Allone perché, fatti armare molti bastimenti desse sopra ai Greci, occupasse le navi loro, e lo facesse abbruciare: ma colui non volle piegarsi al nostro comando. Non avendo noi del nostro navigli o nocchieri, siamo stati troppo piccoli per troncare il corso alle ribalderie di costoro. Nondimeno, chiamando l’altissimo Iddio io testimonianza delle nostre parole e del nostro cordoglio, dichiariamo aver procuralo a lutto nostro potere di impedire il malifìcio. E presso al nostro porto di Civitavecchia abbiamo fatto catturare le navi dei Greci, e gli uomini loro sostenere per qualche tempo nel carcere, ed i bastimenti consumare alle fiamme.

Alla fine del VIII secolo dunque, la marina pontificia, che marina ancora non è, muove i primi passi in funzione anti-saracena e per combattere il traffico di schiavi alimentato da Longobardi e Bizantini. Nel IX secolo, pur essendo ancora in fase embrionale, si troverà ad affrontare sfide molto impegnative come il sacco di Roma e la battaglia di Ostia.

Gabriele Campagnano

immagine del Dromone dall’articolo originale Storia della Marina Pontificia nell’VIII Secolo – Zhistorica (zweilawyer.com)
,

Bibliografia:
L. MURATORI, Annali d’Italia, volume X, 1751;
A. FRANGIPANI, Istoria dell’antichissima città di Civita Vecchia, 1761;
A. GUGLIELMOTTI, Storia della Marina Pontificia, v. 1-2 (Storia della marina pontificia nel Medio Evo, dal 728 al 1499), 1871;
C. ZACCARIA, L’epigrafia dei porti (Atti della XVII° Rencontre sur l’épigraphie du monde romain)- Antichità Altoadriatiche LXXIX (79), 2014;
L. DE MARIA; R. TURCHETTI, Rotte e porti del Mediterraneo dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente. Continuità e innovazioni tecnologiche e funzionali, 2005
.
.

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE
.

PARTE I PARTE II

 

 

Loading

(Visited 539 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
19 visitatori online
19 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 45 alle 03:29 pm
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x