Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

La guerra dei sommergibili dell’Asse nel Mediterraneo nell’estate del 1943 di Francesco Mattesini

tempo di lettura: 6 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Sommergibili dell’Asse, 1943
.

Pubblichiamo le conclusioni all’interessantissimo saggio di Francesco Mattesini sull’attività dei sommergibili italiani e tedeschi nel Mediterraneo dalla fine delle operazioni dell’Asse in Tunisia alla conquista della Sicilia da parte degli anglo-americani. Come sempre, per maggiori dettagli, seguite il link al saggio posto in riferimento. Buona lettura

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-05-08-180530.png

Nel periodo tra la metà di maggio e il 6 Settembre 1943, a differenza dei risultati praticamente nulli conseguiti nelle operazioni dai sommergibili italiani, gli U-boote tedeschi continuarono a costituire una minaccia subacquea che gli Alleati non potevano ignorare. Ed è per questo motivo che avevano trasformato il Mediterraneo in un mare particolarmente sorvegliato, rafforzando ed estendendo i loro pattugliamenti con navi di superficie e con un considerevole numero di aerei particolarmente addestrati alla guerra contro i sommergibili. Inoltre, trasformarono le zone di avvicinamento allo Stretto di Gibilterra in una vera trappola, tanto da indurre la SKL 1 a sospendere il trasferimento di altre unità subacquee, in attesa della fine dell’estate con le giornate più corte, in modo da sfruttare durante il transito il vantaggio dell’oscurità. Ma anche questa misura praticamente non portava a grandi vantaggi poiché ogni nave o aereo adibito alla caccia ai sommergibili possedeva i più moderni apparati radar.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-05-08-180341.pngIn tema di confronto, nel periodo preso in considerazione, tra il 18 maggio e l’11 settembre 1943; occorre dire che i sommergibili italiani riuscirono ad arrivare a segno una sola volta, silurando, con l’Alagi del tenente di vascello Sergio Puccini, lincrociatore britannico Cleopatra, ma perdendo nello stesso tempo 12 sommergibili. Invece gli U-boote tedeschi affondarono con il siluro quattordici navi, incluso un cacciatorpediniere e una LST per 71.082 tonnellate, e danneggiarono altre nove navi per 56.151 tonnellate, inclusa una LST. Affondarono con il cannone anche una decina di motovelieri. Andarono perduti nel Mediterraneo tra il 21 maggio e l’11 settembre nove U-boote. 


Questo articolo ti interessa? Su OCEAN4FUTURE, il portale del Mare e della Marittimità, troverai numerosi articoli di storia navale e marittima per conoscere eventi del passato che difficilmente potrai trovare sui libri di scuola. Se hai suggerimenti o domande puoi lasciarci un commento in calce all’articolo oppure scriverci alla nostra mail: infoocean4future@gmail.com

Per spiegare la causa dei successi dei sommergibili tedeschi bisogna tener conto che gli U-boote avevano caratteristiche decisamente superiori a quelle dei battelli italiani, e che venivano continuamente migliorati e forniti strumenti d’attacco e di difesa molto migliori a quelle dei loro alleati. Comandati da uomini freddi e calcolatori, di grande esperienza bellica e astuzia, e diciamolo francamente molto coraggiosi, la cui età era generalmente al disotto dei trent’anni, e se si trattava di sottotenente di vascelli anche al disotto dei venticinque anni, gli U-boote che venivano trasferiti in Mediterraneo, erano di costruzione recentissima, del tipo medio VIIC. Essi disponevano di grande autonomia e di perfezionate apparecchiature tecniche di rilevamento e di lancio. A prora avevano quattro tubi lanciasiluri da 533 mm, a poppa soltanto uno. La maggiore velocità subacquea e di superficie e la possibilità di scoprire con l’ecogoniometro il nemico anche in immersione a grande distanza, permetteva ai sommergibili tedeschi di seguire e aggirare i bersagli per poi attaccarli durante il giorno e la notte dalla posizione più favorevole. Essi potevano poi lanciare i siluri quasi a colpo sicuro, grazie ad una centrale di tiro che elaborava meccanicamente i dati balistici per le camere di lancio. Quella di prora era attrezzate per impiegare contemporaneamente più siluri, che oltre ad essere di grande precisione e potenza distruttiva, avevano anche il vantaggio del funzionamento elettrico e quindi non lasciavano scie troppo visibili alla superficie.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-05-08-180626.png

Ma da quell’estate 1943 fu impiegato un nuovo rivoluzionario tipo di siluro, a funzionamento acustico che arrivava sulle navi seguendo il rumore delle loro eliche. E per questo motivo, che i siluri acustici colpivano sempre a poppa. Se scoperti i maneggevoli U-boote potevano immergersi con grande rapidità (non più di 30 secondi) e raggiungere nella fase di disimpegno notevoli profondità. Di costruzione più semplice e di dimensioni più ridotte rispetto a quelli italiani, specialmente quelli di grande crociera, i sommergibili tedeschi tipo VII erano infine meno soggetti al logorio di quanto non lo fossero quelli italiani, e nello stesso tempo potevano sopportare più agevolmente il tormento del mare mosso e le concussioni delle bombe di profondità. Importante differenza fra le due flotte subacquee dell’Asse era pure il modo di concepire le tattiche d’impiego. Infatti, mentre la flotta sottomarina tedesca era stata creata per la guerra al commercio ed ebbe quindi anche nel Mediterraneo quale compito più appropriato l’attacco senza restrizione al traffico mercantile, i sommergibili italiani in questo mare furono impegnati principalmente quali unità ausiliarie della Flotta di superficie, in schieramenti statici, per assolvere compiti esplorativi e per cercare di ostacolare il passaggio alla Flotta britannica e ai convogli avversari.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Screenshot-2024-05-08-180811.png

Il risultato fu che anche nel corso del 1943 mentre si stava preparando da parte degli anglo-americani lo sbarco e la conquista della Sicilia, una notevole forza distruttiva venne impegnata per lunghi periodi in un’attesa passiva, anziché impiegarla alla ricerca dei bersagli. Questo comportamento, non certamente voluto dai Comandi e dai Comandanti di Sommergibili, andava a scapito anche dell’attività di addestramento, come fu ampiamente dimostrato dai mancati successi, a cui si contrapponevano forti perdite, come accadde nel breve periodo della campagna della Sicilia. Ben differentemente si comportarono i sommergibili tedeschi, che andando in mare in continuazione poterono quindi realizzare risultati di grande prestigio, soprattutto operando sotto costa e davanti alle entrate dei porti nemici, eseguendo una tattica indubbiamente rischiosa, che portava a perdite, ma che era anche altamente redditizia. La stessa tattica era usata dai sommergibili britannici che nel corso della guerra nel Mediterraneo affondarono e danneggiarono molte navi da guerra italiane e fecero letteralmente a pezzi il naviglio mercantile italiano e tedesco. Uno dei segreti dei loro successi consistette nei lanci multipli, senza risparmiare i siluri. Generalmente le salve dei piccoli sommergibili del tipo “U” erano di quattro siluri di prora, mentre i sommergibili del tipo maggiore tipo “T” e “S” era di sei siluri di prora. Con questo sistema, dispendioso ma efficace, impiegato in immersione contro qualsiasi tipo di nave e diretto da un’efficientissima centrale di lancio, anche quando il sommergibile lanciava senza controllare al periscopio, almeno un siluro arrivava quasi sempre a colpire il bersaglio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è HMS_Nigeria-WIKIMEDIA-COMMONS.jpg

HMS NIGERIA in navigazione presso l’US Navy Yard, South Carolina fu colpito e danneggiato dal regio sommergibile Axum, comandato dal TV Renato Ferrini
HMS Nigeria.jpg – Wikimedia Commons

La salva dei sommergibili italiani era generalmente singola o binata, e salvo in alcuni occasioni, contro navi considerate importanti, era impiegata la salva dei quattro siluri di prora. Come quella dell’Axum del tenente di vascello Renato Ferrini che il 12 agosto 1942, riuscì a colpire a nord di Biserta tre navi del grande convoglio dell’Operazione britannicaPedestal”, diretto a Malta, affondando l’incrociatore contraereo Cairo, colpendo e danneggiando l’incrociatore Nigeria e la grande petroliera Ohio. Un’ora dopo la stessa salva da quattro siluri fu impiegata dal sommergibile Alagi del tenente di vascello Sergio Puccini, che riuscì a colpire e danneggiare con un siluro l’incrociatore Kenya, mentre un secondo siluro passò sotto lo scafo della nave senza esplodere 2

Francesco Mattesini 
.

le immagini sono tratte dal saggio in riferimento – in anteprima il regio sommergibile Alagi il giorno del suo varo a Monfalcone Alagi at Monfalcone.jpg – Wikimedia Commons
.

Note
1. Seekriegsleitung o SKL era una sezione del personale di comando superiore della Kaiserliche Marine e della Kriegsmarine della Germania durante le guerre mondiali.
2. Francesco Mattesini, La battaglia aeronavale di mezzo agosto. Il contrasto delle forze italo-tedesche all’operazione britannica “Pedestal”, 10 – 15 Agosto 194, Ristampa Edizioni, Santa Fina di Cittaducale (RI), Agosto 2019, pagine 677
.

Riferimento

LA GUERRA DEI SOMMERGIBILI DELL’ASSE NEL MEDITERRANEO NELL’ESTATE DEL 1943 L’attività dei sommergibili italiani e tedeschi nel Mediterraneo della fine delle operazioni dell’Asse in Tunisia alla conquista della Sicilia da parte degli anglo-americani | Francesco Mattesini – Academia.edu

.


Ti è piaciuto questo articolo? Pensa se puoi fare una piccola donazione per sostenere il nostro progetto. Sostieni OCEAN4FUTURE, il portale del Mare e della Marittimità. La donazione può essere singola o puoi decidere di renderla automatica ogni mese. Per donare in sicurezza, Clicca sul link DONAZIONE oppure scrivici alla mail:
infoocean4future@gmail.com
.
PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
.
Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

Loading

(Visited 138 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
3 visitatori online
3 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 20 alle 12:08 am
Mese in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Anno in corso: 120 alle 20-06--2024 08:56 pm
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x