If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Recensioni: Dolce acqua dolce di Monica Benassi

Reading Time: 4 minutes



livello elementare
.
ARGOMENTO: RECENSIONI
PERIODO: XX-XXI SECOLO
AREA: LETTERATURA
parole chiave: romanzo, subacquea, vita personale
.

Ho ricevuto recentemente l’ultimo romanzo scritto da Monica Benassi, Dolce acqua dolce. Un libro molto ben scritto che narra la vita di una donna che, dopo anni di desiderio, realizza finalmente il sogno di immergersi, raggiungendo i più alti livelli di addestramento. Un cammino certamente faticoso e non privo di difficoltà e pericoli che da un lato regala emozioni e soddisfazioni uniche, dall’altro alcune amarezze. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 38797489_10216633510101199_8043518445897121792_o1.jpg

Il romanzo si legge in un pomeriggio, grazie alla capacità dell’autrice di scrivere in un raro, di questi tempi, italiano corretto, piacevole e avvincente. E’ una storia dei nostri tempi che si dipana negli anni attraverso le varie fasi dell’addestramento alla subacquea della protagonista.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è dolce-acqua-dolce-benassi-707x1024.jpg

Dalle prime immersioni Mar Rosso, viene a contatto con il mondo della subacquea ricreativa, con tutti i suoi pregi e difetti. Incontra personaggi curiosi, a volte eticamente scorretti, che ruotano intorno ai villaggi turistici, salvatori ma a volte carnefici per coloro che si avvicinano a questo tipo di sport. Niente a che vedere con la subacquea con cui si era formato il padre, subacqueo di altri tempi, che in un certo modo per anni e per tante ragioni l’aveva frenata verso questa attività.

A Zanzibar incontra il primo istruttore che la indirizza sulla strada giusta. L’atmosfera meno frenetica le permette di concentrarsi e comportarsi come una sportiva, anzi, come richiesto per un militare, si dedica solo allo studio e alla pratica dell’immersione, senza gite né serate mondane, ligia ai dettami agonistici. Forse nelle sue immersioni tra coralli e pesci esotici cerca qualcosa di diverso, complice un rapporto conflittuale con il marito, che l’ambiente acquatico le dona. Prima del ritorno alla realtà quotidiana l’istruttore le consiglia di proseguire, coltivando anche a casa l’amore per l’immersione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è photo_2020-05-11_03-09-06-768x1024.jpg

Al rientro incontra un istruttore che la accompagna in questo cammino facendole apprezzare anche il freddo ed inospitale lago presso cui vive. Da allora la pigrizia lascia spazio all’entusiasmo; sente una fretta pressante di crescere ed una profonda tristezza quando, per fiere o altri motivi, non trova nessuno con cui potersi immergere la domenica. Quella che molti subacquei definiscono una malattia, quella carenza di azoto che spinge molti praticanti a dedicarsi a questa attività non con poche rinunce. Nella sua affannosa ricerca, che la porta ad iscriversi a tanti circoli, scopre internet e i forum, e le si apre un nuovo mondo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è photo_2020-05-11_04-00-18-768x1024.jpg

Conosce molta gente, subacquei più esperti, niente affatto gelosi di condividere il loro sapere. Tra di loro c’è una coppia di sportivi detentori di record che la prendono sotto le proprie ali, inserendola in squadra ed introducendola all’agognata subacquea tecnica, per poter fare assistenza come profondista alle loro imprese. Accantona quindi il progetto di riparare dighe, e si dedica all’apprendimento di tutti gli aspetti: dalla patente nautica alla miscelazione dei gas. Ma il suo carattere forte e orgoglioso la porta ad una brusca rottura, scontrandosi con un mondo in cui pregiudizi maschilisti, invidie e piccolezze umane la portano a chiudere i contatti con i gruppi locali.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è casati.png

Entra in altri team, dove continua a crescere e seguire progetti, fino a quando la morte di alcuni amici non la convincono che forse l’eccesso di sicurezza dimostrato in alcuni incidenti, potrebbe colpire anche lei. A questo si somma la nascita del primo nipote. Ma non ha tempo di pensare al futuro, un problema fisico indipendente dalle immersioni la ferma ad un passo dalla realizzazione del suo record personale. In realtà si ha la consapevolezza che lo abbia già raggiunto e che la vita, mia cara dolce acqua dolce, continui. Perché “la solitudine e la pace. Qualche anfratto, qualche figlio di Nettuno che saluta dolcemente e se va. L’assordante silenzio che pochi sanno ascoltare”. Questo è il mondo che la protagonista ha cercato … e forse non solo lei.

Una bella strenna per Natale che raccomando per tutti i subacquei e non, sui valori importanti della vita. 

 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MONICA-BENASSI-SCRITTRICE.jpgClasse 1965, dopo aver frequentato prima l’università di lingue e in seguito quella di lettere, presa dalla passione per l’equitazione collabora e scrive per una rivista di settore. Quando la subacquea la travolge, inizia a scrivere sulle sue immersioni, raccolte nei suoi  loogbook dai quali ha preso spunto per questo romanzo. Ha partecipata a contest letterari con brevi racconti poi pubblicati in raccolte di autori vari. Nel frattempo, nell’ambito subacqueo, ha collaborato con le didattiche per la stesura dei manuali e predisposto articoli per portali di settore, avviando una collaborazione pluriennale con la rivista Deep. 

 

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

.

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 78 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share