If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La nave romana di Albenga di Andrea Mucedola

,
livello elementare
.

ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA DELLE ACQUE
PERIODO: I SECOLO a.C.
AREA: MAR MEDITERRANEO – MAR LIGURE
parole chiave: nave di Albenga
.

relitto-nave-romana

Spesso i ritrovamenti in mare sono dovuti a casualità; quello della Nave Romana di Albenga fu dovuto alla pesca fortuita di tre anfore  da parte di un  pescatore della zona, Antonio Bignone che, pescando a strascico, nel 1925 le recuperò per caso nelle sue reti. 

albenga

recupero delle anfore

A quell’epoca era impensabile operare un recupero ad una profondità di circa 40 metri per cui il primo intervento di scavo archeologico sul relitto fu tentato dopo un quarto di secolo, nel secondo dopo guerra. Era il 1950 quando  la Società  Sorima, del commendatore Giovanni Quaglia, reduce dal recupero dell’oro dell’Egypt, effettuò il primo recupero di anfore (dal 8 al 20 febbraio 1950) sotto la guida di Nino Lamboglia, un pioniere dell’archeologia subacquea mediterranea e fondatore del celebre Istituto Internazionale di Studi Liguri. Si trattava di una nave da carico del tipo corbita, a vela che, intorno al I secolo a.C., trasportava un carico di anfore vinarie probabilmente dalla regione della Campania verso la Gallia Narbonense.

I marinai conoscono bene le insidie del mar Ligure che ancor oggi mietono vittime tra i pescatori che incautamente vengono colti nelle improvvise tempeste sspinte dai venti freddi di Maestrale. Una tempesta la aveva colta durante il suo trasferimento costiero ed era affondata con il suo ingente carico. Questo tipo di nave era il più grande tra le navi onerarie romane, con una lunghezza di oltre 40 metri, una larghezza di 10 metri ed una capacità di carico stimata tra le 11000 e le 13000 anfore tipo Dressel 1.

Si stima che potesse avere una stazza lorda che poteva raggiungere le 600 tonnellate. Il relitto giaceva ad una profondità di circa 40 metri ed i palombari  dell’«Artiglio», in poco meno di un mese, effettuarono il recupero di ben 728 anfore e molto vasellame. Sulla nave furono ritrovati anche gli elmi dei soldati imbarcati a protezione del carico in caso di attacco da parte dei pirati. Le anfore in origine contenevano prevalentemente vino ma anche …. delle nocciole.

LA BENNA

la famigerata benna dell’Artiglio

Interessante fu la scoperta  che le anfore erano state impermeabilizzate con uno spesso strato di resina o pece ed erano tappate ermeticamente con sugheri di sette centimetri di diametro infilati nella parte più stretta del collo e poi sigillati con malta di calce. Le anfore ritrovate erano del tipo  “Dressel 1B”, dal nome dello studioso tedesco Henrich Dressel, che nel 1891 elaborò la famosa tavola riassuntiva dei 45 tipi diversi di anfore rinvenute a Roma presso il Castro Pretorio. Molte delle anfore recuperate presentavano danni nella parte superiore, probabilmente causati dalle reti a strascico ma anche dalla famigerata benna dell’Artiglio. Fatto che fu in seguito sottolineato dal Lamboglia andando in aperto contrasto con le tecniche di recupero all’epoca adottate per i recuperi in mare che utilizzavano appunto la benna.

Col senno del poi lo scavo dell’«Artiglio» fu considerato un esempio negativo di scavo archeologico. Ci si rese conto che, al di là dei reperti singoli, i relitti assumevano una significatività maggiore quando potevano fornire informazioni non solo sul loro carico ma mezzi, strutture, tecnologie presenti a bordo delle navi. 

LABOGLIA

I materiali recuperati furono subito esposti al pubblico in locali messi a disposizione dal Comune di Albenga. Tra le lezioni apprese, si incominciò a comprendere la tecnica di stivaggio delle anfore a bordo delle onerarie, distinguendo quelle appartenenti al carico da quelli in dotazione per i servizi di  bordo.

I precedenti

NEMI

una delle navi di Nemi

.
Precedentemente il Ministro della Pubblica Istruzione e quello della Marina avevano progettato lo scavo ed il recupero  degli scafi del lago di Nemi che erano stati in passato già devastati. Gli studi furono affidati al tenente colonnello del Genio Navale ingegnere Vittorio Malfatti. Malfatti, dopo aver eseguito un rilievo generale del lago, concluse che l’unica via attuabile per il recupero degli scafi fosse l’abbassamento del livello delle acque del lago, così da di porre in secco le due imbarcazioni. L’opportunità finalmente si concretizzò dopo il discorso effettuato da Mussolini il 9 aprile 1927 quando annunciò la volontà di portare alla luce le due navi. Guido Ucelli, Consigliere Delegato e Direttore Generale della Società costruzioni meccaniche Riva di Milano, che produceva pompe e turbine idrauliche, ed altri imprenditori si offrirono gratuitamente al Governo italiano per l’operazione che venne condotta con grande rigore tecnico e scientifico e fornì informazioni importantissime sulla tecnica navale romana. Il resoconto del recupero, i rilievi, le indagini, le analisi furono poi pubblicati da Ucelli e da altri studiosi nel volume Le navi di Nemi, pubblicato in diverse edizioni dal Poligrafico e zecca dello Stato (1940). Un bagaglio di esperienze inestimabile che pose le basi per le ricerche successive.

Dopo il recupero delle navi di Nemi, i lavori effettuati sulla nave di Albenga furono il primo vero tentativo di scavo di un relitto antico in mare  effettuato in Italia. Nel 1957, con la creazione del Centro Sperimentale di Archeologia Sottomarina di Albenga, ci si rese conto che la campagna di scavo doveva essere condotta attraverso metodi di rilevamento più accurati e, nel 1958-59 venne applicato, sul relitto di Spargi (arcipelago della Maddalena), per la prima volta un sistema di quadri di rilievo in tubi rigidi formanti una rete di copertura del relitto. Le maglie di cm. 150 x 150 furono fotografate ed il fotomontaggio dell’insieme dei quadri consentì una visione di insieme mai ottenuta precedentemente. Il successo dell’operazione di scavo suggerì un metodo più scientifico per  le successive ricerche sull’oneraria di Albenga.

Nel 1961 i tecnici della Sovrintendenza posero sulla nave di Albenga una rete composta da ben 192 quadrati. I dati raccolti  consentirono di comprendere che il carico era disposto su una lunghezza di circa 26 metri su una larghezza di 7,50. Lo scavo successivo, lateralmente sulla parte centrale verso poppa, permise “di accertare che vi era stato un rapido insabbiamento del fondale dopo il naufragio e un riempimento di fango, proveniente dal vicino fiume Centa che fino agli inizi del Trecento sboccava di rimpetto al  relitto”.

Nello scavo, prossimo  alla zona poppiera, vennero ritrovatati  anche frammenti di tegole e di un embrice integro. Ma fu negli scavi successivi, effettuati nel  1970 e 1971, che si ottenne una scoperta straordinaria: gli strati di anfore impilate fa di loro, erano come minimo quattro. Vennero portate alla luce tre ordinate (larghe circa 14 cm. ed alte cm. 12) distanti tra di loro una decina di centimetri, resti del fasciame esterno (spesso 9 cm.) e di quello interno (spesso 5 cm.). Inoltre, fu ritrovata una lamina di piombo di protezione contro le teredini con chiodature in rame che la fissavano al fasciame esterno. L’insieme diede la possibilità di ricostruire la sezione dello scafo.

SBC_8812_Lanil_ft04

Venne anche trovata ceramica  a vernice nera impilata negli spazi vuoti tra le anfore, tra i diversi elementi lignei della nave. Un sistema geniale di mantenere quegli elementi ceramici, tutto sommato fragili, fermi tra le anfore. Tra i quadri 119 e 120 fu scoperto anche l’albero centrale della nave (del diametro di cinquanta centimetri).

images

il Museo di Albenga

Dai risultati ottenuti nelle diverse campagne emerse che la nave onoraria aveva dimensioni maggiori di quanto previsto, con una larghezza di circa dieci metri ed una lunghezza di cinquanta metri. Il carico utile poteva essere stato di circa diecimila anfore e il dislocamento 450 tonnellate. Un gigante del mare per l’epoca. Tra i materiali del carico furono recuperati otto elmi bronzei, forse a disposizione dell’equipaggio in caso di attacco da parte dei tanti pirati che all’epoca imperversavano in quelle acque. 

Curiosi furono anche  i ritrovamenti di un corno di piombo, lungo 26 cm, che si suppone fosse stato collocato a prua oppure nella parte superiore della cabina della nave con funzione scaramantica, e di un crogiolo realizzato con un minerale duro e quarzoso che  doveva essere utilizzato per fondere il piombo in caso di  urgenti saldature e riparazioni a bordo.  In sintesi un relitto che fornì un insieme di informazioni importantissime sulla navigazione romana. Se visiterete Albenga non mancate di visitare il Museo Navale di Albenga dove potrete vedere molti dei reperti raccolti dal relitto.

ALBENGA 2

Il sito
La nave di Albenga può essere considerata ancora oggi uno dei più grandi relitti di navi onerarie romane del Mediterraneo del I secolo a.C. Dal 2014 il sito subacqueo è finalmente visitabile ma solo durante aperture straordinarie stabilite dal Ministero dei Beni culturali. E’ obbligatoria la prenotazione. Per maggiori informazioni potete contattare la Guardia Costiera o i diving locali.

Potete contattare anche Corrado Ambrosi del Centro di Formazione istruttori PADI Marina Diving al telefono +39/3356611106 oppure inviando una email al marinadiving@marinadiving.com

Attenzione
Le discese e le risalite avvengono rigorosamente seguendo cime appositamente collocate per i subacquei. I diving locali e autorizzati possono sostare in superficie ed attendere che i subacquei effettuino le loro esplorazioni. Le anfore ricoprono ancora un’area lunga 40 metri e larga 16. Le anfore visibili sono numerosissime, molte ancora intatte e le stesse sono diventate la tana di gronghi e murene.

Nell’attesa non ci resta che visitarlo virtualmente con questo video di InfoRmare, Associazione Sportiva Dilettantistica e di Promozione Sociale per la pratica, la promozione, lo sviluppo e la diffusione dell’attività legate all’ambiente marino … buona visione


PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE


BIBLIOGRAFIA
GUIDO UCELLI, Le navi di Nemi. Roma, 1940 | E.75
CORRADO RICCI, Gloriose imprese archeologiche : il Foro d’Augusto a Roma, le navi di Nemi, Pompei ed Ercolano. – Bergamo, 1927 | D.1985
GUIDO UCELLI, Il contributo dato dalla impresa di Nemi alla conoscenza della scienza e della tecnica di Roma. Milano, 1943 | MISC D.799
GUIDO PO, Il contributo della Marina al ricupero delle navi di Nemi. Roma, 1940 | MISC D.795
G.C. SPEZIALE, Delle navi di Nemi e dell’archeologia navale. Roma, 1930 | MISC D.790
NINO LAMBOGLIA, Diario di scavo a bordo dell’« Artiglio,,, in Riv. lng. e / nt., N.S., A.V., n. 1, 1950, pp. 1-8;
NINO LAMBOGLIA, La Nave Romana di Albenga, in Riv. di St. Lig., A. XVIII, n. 3-4, 1952, pp. 131-213;
NINO LAMBOGLIA, ouilles à Albenga, in Bulletin Officiel du Club Alpin-Sous-marin, n. 8, Rapport du Premier Congres Internationale d’Archéologie Sous-marine, 1956, p. 18 e segg.;
NINO  LAMBOGLIA,  Scavi  sottomarini del 1960 ad Albenga. in Riv. lng. e lnt., A. XV, 1960, n. 1-3, p. 73; NINO LAMBOGLIA, Il rilevamento totale della Nave Romana di Albenga, in Riv. lng. e 1nt., A. XVI, 1961,n. 3-4, pp. 106-108;
NINO LAMBOGLIA, Il rilevamento della Nave Romana di Albenga , in Riv. di St. Lig., XXVII, n. 1-4, 1961, pp. 213-239;
NINO LAMBOGLIA, Il primo saggio di scavo sulla Nave Romana di Albenga , in Riv. Ing. e lnt., N.S., XVII, 1962, pp. 73-75;
NINO LAMOGLIA, Il rilievo totale della Nave Romana di Albenga , in Atti del IIl Congresso Internazionale di Archeologia Sottomarina (Barcellona 1961), Bordighera, 1971, pp. 167-175;
NINO LAMBOGLIA, L’ottava e la nona campagna di scavi sottomarini (1970-1971) sulla Nave Romana di Albenga , in Riv. lng. e lnt., N.S., A. XXV_I. 1971, n, 1-4, PP·. 71-7;
FRANCISCA PALLARÉS, Dalla Nave Romana di Albenga a quelle d1 Porto Venere e Diano, Rivista di attualità economiche e culturali  dell’ Istituto  Banca rio San Paolo di Torino, A. 5, n. 1,

print

(Visited 743 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share