If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Reportage: Shi Cheng, l’incredibile città sommersa del leone

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA DELLE ACQUE
PERIODO: XVII SECOLO
AREA: CINA
parole chiave: Shi Cheng

 

Qiandao-lake-13[2]

Shi Cheng si trova sul fondo di un lago artificiale nella provincia costiera dello Zhejiang, nel sudest del Paese. Shi Cheng fu un antico centro politico ed economico nella provincia occidentale di  Zhejiang, chiamata del leone a causa dei cinque monti che la circondavano. La città aveva una dimensione di 62 campi da calcio e fu un tempo fulcro politico ed economico della regione. Costruita ai piedi delle montagne, secondo un’antica a mappa possedeva ben cinque porte, invece delle tradizionali quattro, ognuna protetta da una imponente torre. Inoltre, comprendeva sei strade di pietra, finemente colmate da pietra di pietra e ciottoli, utilizzate per collegare ogni angolo della città. Le antiche strade erano decorate da archi commemorativi che furono mantenuti ben conservati prima di essere immersi dalle acque nel 1959 quando il governo decise di costruire una stazione idroelettrica, creando cosi un lago artificiale di grandi dimensioni. Oggigiorno migliaia di piccole isole punteggiano la superficie del lago i cui nomi ricordano le forme di animali osservabili quando viste dall’alto.

A Chinese city, forgotten after it was flooded when the government built a dam that turned the valley it was in into a lake, has resurfaced as an underwater adventure park for tourists. The ancient city of Shi Cheng was also known as the Lion City because it was located in the province of Zhejiang, where it was surrounded by the five Lion Mountains. Founded over 1,300 years ago, it vanished from view 53 years ago when the Chinese government decided they needed a new hydroelectric power station. A dam was built to create a man-made lake, and as the water rose, the city was left at the bottom of this new found body of water. Depending on where on the lake bottom it is, the city is between 85 and 131 feet underwater. And there it remained forgotten until Qiu Feng, a local official in charge of tourism, introduced the idea of using Shi Cheng as a destination for diving clubs. For the first try it was a voyage of discovery, and Qui said: "We were lucky. As soon as we dived into the lake, we found the outside wall of the town and even picked up a brick to prove it." It was later discovered that the entire town was intact, including wooden beams and stairs. Now the city had attracted interest from archaeologists and a film crew has been on site to record the preservation of the lost ruins.

Shi Cheng  rimase dimenticata per quarant’anni, fino al 2001 quando Qiu Feng, un funzionario locale responsabile del turismo locale, discusse  la possibilità di creare una nuova forma di intrattenimento sul lago Qiandao con un club di immersione, chiedendo ai subacquei di immergersi nelle acque per ricercare la città. I risultati non si fecero attendere. “Durante i miei otto anni di esperienza di immersione, la visione di questa città scomparsa è stata la più bella mai avuta sott’acqua ” sembra abbia dichiarato Qiu Jinyong, responsabile del diving.  Eccitato dalla scoperta, Qiu riportò immediatamente la scoperta al governo locale che intraprese delle ricerche subacquee.

Nel 2001 gli archeologi scoprirono le rovine di questa antica città sommersa i cui imponenti resti furono costruiti oltre 1.800 anni fa e che restarono indisturbati ad una profondità compresa tra i 26 ei 40 metri per quasi quarant’anni. Quello che sorprese gli scopritori fu che la maggior parte delle sculture in pietra erano ancora in condizioni incontaminate. All’interno dell’antica città di Shi Cheng, i subacquei hanno addirittura trovato travi di legno, scale e muri in mattoni di numerose case ancora in piedi. Le pareti circostanti di alcune case più grandi erano intatte. Incredibilmente, all’interno delle case, le travi intagliate mostrano ancora la loro colorazione originale.

shingchen 3

Nel 2002 fu effettuata un’esplorazione subacquea congiunta utilizzando dei robot subacquei, con la rilevazione sonar delle strutture. Nel 2005, il team di esplorazione ha identificato, oltre Shi Cheng, altre quattro città scomparse, He Cheng, Weipi, Gangkou e Chayuan. Gli studiosi  pensano che ve ne siano altre. Da antiche mappe esisterebbero altre 22 città, 1.377 villaggi, quasi 50.000 ettari di terreno agricolo e migliaia di case residenziali che furono inondati nei lavori della centrale.

shi cheng 00

Nel novembre 2009, Wu Lixin, un fotografo subacqueo professionale cinese, per conto della rivista “Geografia Nazionale Cinese(CNG), iniziò un lungo ed accurato lavoro di documentazione delle rovine della antica città. Il 7 gennaio 2011, il sito della città sommersa di Shi Cheng fu posto ufficialmente sotto la protezione della Provincia di Zhejiang. Ma l’area riserva sempre nuove sorprese. Oltre alla scoperta di altri agglomerati urbani, tra l’altro gia’ noti nella topografia antica ma non ancora identificati, gli archeologi hanno identificato ben 265 archi riccamente elaborati e  ben conservati.

Shi-Cheng-5

Una risorsa per il futuro
La scoperta delle città sommerse nel loro incredibile stato di conservazione hanno ispirato numerosi dibattiti a Chun’an, dove si trova il lago Qiandao, per poter identificare soluzioni percorribili da un punto di vista turistico.

shi cheng 2

Sono state proposte varie soluzioni ma poche sono risultate fattibili; alcuni hanno suggerito di autorizzare i turisti ad immergersi nei siti antichi, ma l’idea fu immediatamente rifiutata a causa dei pericoli legati alle immersioni che si dovrebbero effettuare ad una profondità oltre i 20 metri  dove la visibilità potrebbe essere ridotta  dal fango che copre il fondo del lago comportando un rischio potenziale per la sicurezza.

Un’altra soluzione proposta fu di spostare le antiche strutture fuori dall’acqua e ripristinare le antiche città in terra, come effettuato in alcuni progetti di protezione del patrimonio culturale in Egitto quando, alcuni siti archeologici di Assuan, come il tempio di File, vennero spostati per non essere sommersi dall’acqua del bacino che si sarebbe creato con la diga. L’ipotesi fu però scartata considerando che nelle vicinanze non ci sono terreni di dimensioni sufficienti per ospitare le città originarie.

Inoltre, gli archeologi considerarono il  pericolo che edifici in legno, ancora ben conservati sotto la superficie in quelle acque dolci e con scarsa visibilità, dopo essere rimossi dall’acqua, potrebbero decomporsi inesorabilmente. Un lavoro di conservazione di così tanto  materiale avrebbe avuto probabilmente un costo improponibile per le risorse locali. Si pensò quindi di organizzare delle visite subacquee, investendo ben 40 milioni di yuan (6,35 milioni di dollari) per costruire il primo sottomarino per visite turistiche nelle acque interne della Cina.

Il battello subacqueo, dotato di 48 posti, era teoricamente in grado di immergersi fino a 50 metri sotto la superficie. Un idea brillante ma che si rivelò anch’essa non percorribile; dal suo completamento, avvenuto nel 2004, il sottomarino non fece mai un immersione in quanto il suo impiego fu proibito dal governo centrale, non esistendo di fatto alcuna regolamentazione sulla gestione dei sottomarini civili.

A Chinese city, forgotten after it was flooded when the government built a dam that turned the valley it was in into a lake, has resurfaced as an underwater adventure park for tourists. The ancient city of Shi Cheng was also known as the Lion City because it was located in the province of Zhejiang, where it was surrounded by the five Lion Mountains. Founded over 1,300 years ago, it vanished from view 53 years ago when the Chinese government decided they needed a new hydroelectric power station. A dam was built to create a man-made lake, and as the water rose, the city was left at the bottom of this new found body of water. Depending on where on the lake bottom it is, the city is between 85 and 131 feet underwater. And there it remained forgotten until Qiu Feng, a local official in charge of tourism, introduced the idea of using Shi Cheng as a destination for diving clubs. For the first try it was a voyage of discovery, and Qui said: "We were lucky. As soon as we dived into the lake, we found the outside wall of the town and even picked up a brick to prove it." It was later discovered that the entire town was intact, including wooden beams and stairs. Now the city had attracted interest from archaeologists and a film crew has been on site to record the preservation of the lost ruins.

Un progetto ambizioso
Una nuova soluzione, che sembrerebbe ora essere percorribile,  è la costruzione di un tunnel  galleggiante che, una volta completato, potrà essere sommerso sott’acqua. Dall’esterno, apparirà come un grande tubo ovale con all’interno una strada al centro e due binari ferroviari. Un progetto decisamente avvenieristico affidato con una cooperazione tecnica di progettazione sino-italiana sancita da un trattato, firmato nel 2004, tra l’Istituto di Meccanica dell’Accademia Cinese delle Scienze (CAS) e un consorzio italiano “Ponte di Archimede” con il coinvolgimento del Politecnico di Milano e dell’Università Federico II di Napoli; questa sinergia ha fatto si che il SIJLAB (Sino Italian Joint Laboratori Archimedes Bridge) sembra abbia finalmente aperto la strada non solo per la futura costruzione di questo tunnel ma per un progetto forse ancora più ambizioso: la costruzione di un ponte sommerso da realizzarsi nello Stretto di Jintang, (arcipelago di Zhoushan), a sud di Shanghai con una lunghezza di 3.200 metri e,  forse, di un analogo tunnel subacqueo a bassissimo impatto ambientale nello stretto di Messina.

tunnelIl progetto è meno costoso, dal punto di vista costruttivo, di altre soluzioni e produce meno inquinanti. Nel luglio 2003, l’Istituto di Meccanica della CAS propose i progetti per il ponte al governo di Chun’an e fu firmato l’accordo di cooperazione. Attualmente, il modello di simulazione della struttura ha superato i test in laboratorio ed il prossimo passo è di testarla in un ambiente idrico simile a quello del lago Qiandao. La costruzione esecutiva di questo ponte, chiamato di Archimede in relazione al principio omonimo da cui prende spunto, è uno sforzo mondiale.

Attualmente, sette paesi stanno lavorando su questa tecnologia innovativa, tra cui Norvegia, Italia, Giappone, Cina, Svizzera, Brasile e Stati Uniti. Se il ponte nel lago Qiandao verrà completato con successo, sarà il primo ponte di Archimede costruito al mondo ma, soprattutto, darà la possibilità a tutti di fare un viaggio nel passato stando comodamente all’asciutto ed in perfetta sicurezza.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 349 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share