Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Sconcerto per l’attacco ad Odessa, dopo meno di 24 ore dalla firma del trattato per il grano

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR NERO
parole chiave: Kalibr, attacco missilistico, blocco del grano , sicurezza marittima

 

Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra? Quamdiu etiam furor iste tuus nos eludet? Quem ad finem sese effrenata iactabit audacia?” ovvero «Fino a quando dunque, Catilina, abuserai della nostra pazienza? Quanto a lungo ancora codesta tua follia si prenderà gioco di noi? Fino a che punto si spingerà [la tua] sfrenata audacia?». Iniziò così il celeberrimo incipit della prima delle orazioni, dette Catilinarie, di Marco Tullio Cicerone. Parafrasando il famoso detto potremmo chiederci fino a quando la Russia continuerà con questi comportamenti irrazionali che non  offrono speranze per il futuro.

Se Putin, come dice, vuole salvaguardare i valori in dissoluzione in un Occidente decadente, questa è la strada più sbagliata e pericolosa, soprattutto per la Russia. Non farà che esacerbare situazioni di opposizione che non fanno prevedere nulla di buono.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è odessa-grano.jpg

Il blocco del trasporto del grano, in atto dall’inizio dell’invasione russa del 24 febbraio, ha bloccato decine di milioni di tonnellate di cereali diretti ai Paesi del Medio Oriente e dell’Africa. Il mondo aveva appena fatto un respiro di sollievo per l’accordo internazionale firmato a Istanbul per consentire il trasporto sicuro di grano e altri prodotti alimentari necessari per alleviare il rischio di una crisi alimentare globale che è avvenuto un assurdo attacco a Odessa. Un’azione gravissima che di fatto viola i termini dell’accordo mediato dalle Nazioni Unite che prevedeva che entrambi i Paesi si sarebbero astenuti dall’attaccare le strutture portuali o le navi civili utilizzate per il trasporto di grano. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è istambul-firma-accordo-russo-turco.jpg

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu (a sinistra) e il ministro della Difesa turco Hulusi Akar (a destra) si stringono la mano durante la cerimonia di firma al Palazzo Dolmabahce di Istanbul, in Turchia, il 22 luglio 2022.

L’accordo del 22 luglio, fortemente sostenuto con un’azione diplomatica da Ankara, ha lo scopo di evitare la carestia tra decine di milioni di persone nei Paesi più poveri, rifornendoli di cereali, olio di girasole e fertilizzanti per ovvie esigenze umanitarie, in parte anche a prezzi calmierati. Secondo l’accordo, controfirmato dai Russi, gli Ucraini avrebbero guidato le navi attraverso canali sicuri attraversando i campi minati verso tre porti, dove sarebbero state caricate di grano. Alti funzionari delle Nazioni Unite, avevano affermato che l’accordo sarebbe stato pienamente operativo in poche settimane e avrebbe ripristinato le spedizioni di grano ai livelli prebellici di 5 milioni di tonnellate al mese. Poco prima della firma pubblica dell’accordo, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu avevano anche firmato privatamente un memorandum d’intesa per affrontare le interruzioni del commercio di cibo e fertilizzanti russi. Guterres aveva salutato l’accordo come un “accordo per il mondo“, che certo non era stato facile per cui era “stata una lunga strada“.

Va sottolineato che, al di là degli aspetti umanitari, se l’accordo non avesse un seguito, la mancanza di questi prodotti primari causerebbe un aumento dell’instabilità nei Paesi più poveri che si allargherebbe pericolosamente verso il resto del mondo. Non solo verso l’Occidente, che dovrebbe affrontare un’ondata di migrazione incalcolabile, ma anche verso gli altri mercati, compresa la Cina.

Una politica quella russa che ricorda un altro detto, questa volta biblico, “muoia Sansone con tutti i Filistei”. Qualcuno potrebbe dire che le azioni russe sono la logica conseguenza del modo con cui l’Occidente sta affrontando questa gravissima crisi geopolitica, supportando attivamente l’Ucraina con armi moderne e contrastando la Russia con forti sanzioni diplomatiche. Di fatto Putin e il gruppo dirigente russo stanno dimostrando di non avere intenzioni di risolvere questo pasticciaccio ai confini dell’Europa. Si sono lanciati in una tragica avventura in cui stanno morendo tanti giovani russi e ucraini e, alla fine, sarà difficile capire chi sarà il vincitore. Le minacce di uso di armi nucleari da parte di Mosca potrebbe essere l’ultimo atto, ma lo sarebbe anche per la Russia. E Putin lo sa benissimo. Forzare la mano creando effetti collaterali come lo scoppio di instabilità sociali è per Mosca una soluzione sicuramente meno impattante, soprattutto se abbinata ad armi strategiche come il gas. Tutto per allungare i tempi e trovare una exit strategy che non faccia perdere la faccia a Putin.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è odessa-1.jpg

L’attacco ad Odessa è un evento irrazionale che non trova nessuna giustificazione. Per la sua gravità politica è stato immediatamente condannato dal segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, ricordando che il 22 luglio 2022 tutte le parti si erano di fatto impegnate a garantire il movimento sicuro delle spedizioni di grano ucraine e non si riesce a comprendere la logica per cui, dopo meno di ventiquattro ore, i Russi abbiano lanciato un attacco missilistico contro il principale porto ucraino di esportazione di grano. L’attacco è stato effettuato con gli ormai noti missili Kalibr, missili cruise di fabbricazione russa lanciabili da navi di superficie e sottomarini in funzione anti-nave, anti-sommergibile e da attacco terrestre, sviluppati dal Design Bureau Novator, che sono stati lanciati da delle infrastrutture in Crimea (non è noto se da unità navali in porto o in mare).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è odessa.jpgIl battesimo del fuoco per i missili Kalibr avvenne il 7 ottobre 2015, quando unità della Flottiglia del Caspio lanciarono 26 missili da crociera del sistema Kalibr-NK 3M14T contro obiettivi terrestri appartenenti all’ISIS e a gruppi ad essa affini dislocati in Siria, dando di fatto l’avvio all’intervento russo nella guerra civile siriana. Da allora sono stati impiegati in molte operazioni compresa la guerra in Ucraina contro infrastrutture strategiche (fortificazioni, depositi di armi e carburanti, impianti di produzione e manutenzione di armamenti) e di trasporto (aeroporti, ponti ferroviari, stazioni di elettrificazione ferroviaria). Questa volta i missili, sempre secondo le fonti ucraine, “non hanno causato danni significativi“. Sebbene intercettati, ad Odessa sono stati colpiti un deposito di grano ed un centro di movimentazione ferroviario. Nello stesso giorno altri missili hanno colpito un aeroporto militare e una stazione ferroviaria dietro le linee del fronte. Andriy Raikovych, capo della regione di Kirovohrad del Paese, ha affermato che gli attacchi hanno provocato almeno tre morti e 13 feriti.

Le reazioni di condanna sono unanimi. Il ministro della difesa turca, generale Hulusai Akar, ha dichiarato: “The Russians told us that they had absolutely nothing to do with this attack, and that they were examining the issue very closely and in detail. The fact that such an incident took place right after the agreement we made yesterday regarding the grain shipment really worried us.

Sapremo forse qualcosa di più nelle prossime ore ma il vaso dell’accordo così faticosamente firmato è già pericolosamente incrinato.  

Andrea Mucedola

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

 

print
(Visited 147 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »