Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Scoperta sulla Terra la testimonianza di una tempesta solare storica

tempo di lettura: 5 minuti

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ASTRONOMIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA:DIDATTICA
parole chiave: tempeste solari

 

In altri articoli abbiamo parlato delle tempeste solari che si verificano quando si verifica nella nostra stella un’emissione di materia su larga scala. Spesso le tempeste causano un’espulsione della massa coronale con un associato bagliore solare nonché un’accelerazione di particelle cariche nell’atmosfera solare a velocità molto elevate. Le particelle più importanti sono protoni che possono essere accelerati a grandi frazioni della velocità della luce. A queste velocità, possono attraversare i 150 milioni di km dal Sole alla Terra in meno di 10 minuti. Quando raggiungono la Terra, i protoni entrano nella magnetosfera e vengono guidate lungo le linee del campo magnetico penetrando nell’atmosfera vicino ai poli nord e sud magnetici.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 800px-Aurora_-2003-tempesta-solare.jpg

i fenomeni dell’aurora sono particolarmente evidenti durante le tempeste solari – Immagine composita che mostra le aurore sul nord Europa, scattata da DMSP il 30 ottobre 2003

Questi fenomeni possono essere di diverse intensità e persistere per periodi di tempo che vanno da ore a giorni, causando impatti più o meno visibili sulla Terra. Non sono fenomeni da trascurare in quanto quando i protoni entrano in collisione con i satelliti possono causare danni importanti ai circuiti elettronici. Ma questi inconvenienti possono avere un impatto anche sull’Uomo. Durante le tempeste di radiazioni solari più estreme, i passeggeri e l’equipaggio di aerei ad alta quota ad alte latitudini possono essere anche loro esposti al rischio di radiazioni con danni al DNA.

Inoltre, quando i protoni entrano in collisione con l’atmosfera la ionizzano creando così elettroni liberi che creano uno strato ai livelli più bassi della ionosfera che può assorbire le onde radio ad alta frequenza (HF) rendendo quindi le comunicazione radio difficili se non impossibili come durante le “tempeste di Halloween” del 2003 quando le comunicazioni satellitari furono colpite, agli aerei fu consigliato di evitare le alte altitudini vicino alle regioni polari e si verificò un’interruzione di corrente di un’ora in Svezia. Ma non solo, la tempesta danneggiò gravemente i sistemi GPS utilizzati per il rilevamento e la navigazione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è halloween-solar-storm-2003.jpg

la tempesta solare di Halloween, 2003 da (PDF) Nonlinear time series analysis of complex systems using an e-science web framework (researchgate.net)

Numerosi veicoli spaziali tra cui il satellite SOHO, furono anch’essi danneggiati o subirono tempi di inattività a causa dell’insorgere di diversi problemi. Per motivi di sicurezza, gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) dovettero rifugiarsi all’interno nelle aree più schermate per proteggersi dall’aumento dei livelli di radiazioni. Una delle tempeste solari di quel periodo fu paragonata per intensità all’evento Carrington del 1859.

Tracce nel ghiaccio
Una recente notizia è stata la scoperta dei resti di un’antica tempesta solare che colpì la Terra 9.200 anni fa lasciando tracce permanenti nel ghiaccio nelle profondità della Groenlandia e dell’Antartide. L’analisi dei carotaggi effettuati nei ghiacci profondi ha portato alla scoperta di un’antica tempesta solare, considerata tra le più forti mai rilevate. Gli scienziati ritengono che se avesse colpito oggi la Terra avrebbe paralizzato tutti i moderni sistemi di comunicazione.

Ma forse la cosa più sorprendente emersa è che quella tempesta avvenne durante un minimo solare, ovvero un periodo durante il ciclo di 11 anni del Sole in cui le esplosioni solari sono in genere molto meno comuni. La notizia è stata pubblicata l’11 gennaio scorso sulla rivista Nature Communications. Si tratterebbe di una eccezione, poco piacevole, al normale andamento del Sole perché di fatto allargherebbe la possibilità di avere tempeste solari anche in quei periodi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1280px-Aurora_Australis_From_ISS-1024x682.jpg

Aurora durante una tempesta geomagnetica molto probabilmente causata da un’espulsione di massa coronale dal Sole il 24 maggio 2010, scattata dalla Stazione Spaziale Internazionale – ISS – Public Domain 

Gli autori dello studio stavano ricercando la presenza di alcune particelle, note come radionuclidi cosmogenici, degli isotopi radioattivi che si creano quando particelle solari cariche entrano in collisione con elementi nell’atmosfera terrestre. Queste particelle radioattive possono essere ritrovate nei registri naturali come gli anelli degli alberi e, nel caso specifico, nei carotaggi di ghiaccio. Nel loro studio, i ricercatori hanno analizzato diversi strati di ghiaccio antico, prelevati in Antartide ed in Groenlandia. I carotaggi di entrambe le località hanno mostrato un notevole picco di radionuclidi (berillio-10 e cloro-36) circa 9.200 anni fa, una prova sine qua non che una potente tempesta solare colpì la Terra in quel momento.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è solar-storm--1024x574.jpg

Relazione tra il ciclo solare di 11 anni e il verificarsi degli eventi di tempeste solari avvenute 9125 anni BP e nel 774/5 d.C. – da Cosmogenic radionuclides reveal an extreme solar particle storm near a solar minimum 9125 years BP | Nature Communications

Secondo i dati raccolti, la tempesta solare fu particolarmente potente, forse alla pari della più potente mai rilevata, avvenuta durante un massimo solare tra gli anni 775 a.C. e 774 a.C. ma … avvenne durante un minimo solare ovvero quando l’attività magnetica sul Sole avrebbe dovuto essere bassa.

Fu un caso oppure esiste qualche regola ancora non conosciuta, oltre al ciclo solare di 11 anni, che ci possa aiutare a determinare la ricorrenza di queste tempeste? Certo una tempesta di una tale intensità potrebbe paralizzare il nostro mondo odierno, tutte le comunicazioni, incluso internet sarebbero bloccate, inclusi ospedali, aeroporti, sistemi civili e militari. E’ quindi necessario capire cosa non sappiamo e predisporre eventuali azioni da adottare preventivamente e in caso di emergenza.

 

in anteprima: Il 31 agosto 2012 un lungo filamento di materiale che si era librato nella corona, esplose nello spazio. L’espulsione di massa coronale (CME) viaggiò ad oltre 900 miglia al secondo e, quando arrivò alla magnetosfera terrestre, provocò l’apparizione dell’aurora nei cieli terrestri – immagine cropped – Fonte Osservatorio sulla Dinamica Solare – Centro di volo spaziale Goddard della NASA
Magnificent CME Erupts on the Sun – August 31.jpg – Wikimedia Commons

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 233 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
14 visitatori online
14 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 31 alle 05:47 pm
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x