If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Professione ricercatrice scientifica subacquea

Reading Time: 4 minutes

.

livello elementare
.
ARGOMENTO: PROFESSIONI DEL MARE
PERIODO: XXI SECOLO

AREA: RICERCA
parole chiave: Biologia, DNA, ricerca

Cosa c’è dietro ad un articolo scientifico?
Già perché spesso, soprattutto sui social, arrivano solo fotografie in mare e l’articolo pubblicato, cioè il primo e l’ultimo dei passaggi. Ma cosa c’è in mezzo? Oggi ho voglia di raccontarvelo perché penso che sia importante, come in ogni viaggio, anche e soprattutto comprendere il percorso che si fa per raggiungere un obiettivo. Dietro ad ognuno dei miei articoli scientifici ci sono tanto tanto lavoro e tanti sacrifici. Lavoro di laboratorio in cui difficilmente i risultati delle analisi molecolari arrivano senza intoppi alla prima prova. Quindi tentativi, variabili da testare, parametri da modificare per ottimizzare un protocollo o per aumentare la resa (settimane compulsive fatte di dodici ore continuative in laboratorio al giorno).

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è giulia-furfaro-1024x1024.jpg

professione ricercatrice

Tra un’analisi e l’altra, ci sono ore di osservazione allo stereomicroscopio. Studiare e descrivere l’anatomia interna di organismi che si aggirano intorno al centimetro di lunghezza (da vivi!) è una cosa che richiede una certa manualità e calma. Le pinzette (le più fini esistenti) a certi ingrandimenti sono come tronchi con cui dovete maneggiare e pulire dentini piccolissimi o strutture e tessuti fragili e sottilissimi. Decine e decine di fotografie vengono fatte ad ogni passaggio e disegni a matita che descrivono i complicati apparati riproduttori.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mariottini-Furfaro-e-Trainito-1024x572.jpg

Paolo Mariottini, Giulia Furfaro e Egidio Trainito, uniti dalla passione per la ricerca scientifica in mare

Anche qui non sempre va tutto liscio: a volte capita che una struttura sembri pulitissima ma una invisibile pellicola trasparente sia rimasta sopra e al microscopio elettronico vi appaia l’immagine di un qualcosa che ricorda quello che vi aspettavate di vedere ma coperta da una specie di lenzuolo che rende impossibile visualizzarne le strutture caratteristiche. Ovviamente tutto da rifare da capo e campione perso. Oppure capita che un colpo di vento proprio mentre spostavate da una provetta all’altra la piccolissima piastra mascellare, faccia sparire come per magia l’oggetto della vostra attenzione della settimana precedente. Anche in quel caso tutto da ricominciare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è laboratorio-biologia-furfaro-675x1024.jpg

laboratorio e documentazione

Una volta superati o aggirati i vari ostacoli, iniziate finalmente ad avere i primi risultati che normalmente vi scombinano tutta l’idea che avevate della situazione ma che vi ridanno la giusta adrenalina per andare avanti ancora più convinti e desiderosi di capire! Dalla fase in acqua a cercare bestioline siete passati a quella di laboratorio e ne siete usciti provati e stanchi ma contenti … ora vi ritrovate davanti al computer a scontrarvi con analisi sulle sequenze di DNA e quindi statistica, probabilità, e il tentativo di mettere insieme i dati bibliografici che avevate ottenuto studiandovi articoli su articoli (come farei senza di te Egidio Trainito ) ed i risultati che il DNA vi comunica.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è furfaro-lab-1024x1024.jpg

mare e laboratorio … a volte il tempo non basta mai … ma le soddisfazioni non hanno prezzo

E finalmente prende forma la storia ed iniziamo a scrivere. A questo punto si lavora per mesi in genere sulla scrittura dell’articolo e sulla formattazione a seconda della rivista a cui vogliamo provare a mandarlo. Finalmente lo spediamo. Da li in poi siamo nelle mani delle riviste che se lo terranno (se non ve lo rifiutano subito) per mesi, rinviandovelo con le correzioni di esperti del settore che quasi sempre vi aiutano a migliorare di molto il lavoro ma che a volte danno sfogo a tutta la loro creatività suggerendovi di implementarlo con analisi che loro stessi spesso non utilizzano. Ecco, grosso modo nel mezzo c’è questo. Per fare un articolo e pubblicarlo ci vogliono in media dai sei mesi ai due anni a seconda della complessità dell’articolo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è furfaro-3-1024x1024.jpg

Giulia e Michele Solca condividono la loro passione nella vita non solo da scienziati ma da marito e moglie

A questo nel mio caso vanno aggiunti i viaggi tutte le settimane in treno Milano-Lecce (10 ore) il lunedì e in aereo il venerdì per tornare a Milano da Brindisi … tutte le settimane perché se non dovessi vedere almeno per due giorni i miei amori (Michele Solca e Twiggy) penso che non riuscirei ad avere le energie necessarie ad affrontare tutte le fatiche e portare avanti il lavoro. Altra fonte di energia, oltre all’ambiente lavorativo in cui ho la fortuna di lavorare (Università del Salento), di sicuro sono tutti gli stimoli che Guido Scubalandia e il suo mitico team mi danno in ogni occasione. Professionalita e grinta nonostante il periodo difficile in cui siamo tutti.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è furfaro-sub-1024x683.jpg

Ecco … così ora sapete anche voi cosa c’è dietro ad una pubblicazione scientifica. Fatica, sacrifici, delusioni … ma anche tanta infinita passione e Amore per il Mare, per gli organismi incredibili che lo abitano e, soprattutto, per lo sviluppo della conoscenza.

Giulia Furfaro

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 122 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

18 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »