If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Petroliera britannica sequestrata ad Hormuz … continua il braccio di ferro tra Iran e Occidente

Reading Time: 4 minutes

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO INDIANO
parole chiave: sicurezza marittima

Stena Impero

La cattura della petroliera britannica Stena Impero arriva all’indomani dell’annuncio, sempre dei Pasdaran, del sequestro della petroliera emiratina Riah, accusata di contrabbando di petrolio. Questo evento segue l’allungamento del mese di fermo della petroliera iraniana Grace I che, come ricorderete fu bloccata  dagli Britannici a Gibilterra per violazione dell’embargo petrolifero dell’Unione Europea verso la Siria. La Grace I ha avuto infatti un allungamento del fermo per un altro mese dopo due settimane dal blocco. 

Mesdar

La Stena Impero è stata sequestrata dagli Iraniani in quanto avrebbe speronato una  imbarcazione da pesca senza poi prestare soccorso. La nave si trova ora Bandar Abbas con l’equipaggio di 23 persone. Le modalità non sono chiare. Sembrerebbe che alcune imbarcazioni dei Guardiani della Rivoluzione si siano avvicinate alle 04 PM locali alla petroliera con il supporto di un elicottero e ne abbiano preso il controllo, costringendola poi a dirigere verso il porto iraniano. Ma non è finita, anche la petroliera inglese battente bandiera liberiana Mesdar ha subito per poche ore lo stesso trattamento da parte di dieci imbarcazioni dei pasdaran per poter poi essere lasciata andare. Londra ha ordinato alle navi di non transitare nell’area,

Stiamo tornando alla guerra delle petroliere che comportò tanti disagi al mondo intero nel secolo scorso?
Nel frattempo gli attori sono cambiati e si rischia pericolosamente di scivolare in una guerra che causerebbe danni economici a tutti. Il monito del Presidente Donald Trump, seguito da quello del Presidente francese Macron, non si limita ad aspetti diplomatici, Sembra che il guanto di velluto sia stato sostituito da guanti di ferro.

Questa situazione  è avvolta da notizie non confermata inerenti l’abbattimento di un presunto drone iraniano abbattuto, asserito dai Statunitensi e smentito fermamente dalla Repubblica islamica. “Non abbiamo perso alcun drone nello stretto di Hormuz né altrove. Temo che la USS Boxer abbia abbattuto un loro drone per sbaglio!”, è stata la risposta del viceministro degli Esteri Abbas Araghchi. 
Nonostante le affermazioni deliranti e senza fondamento di Trump, tutti i droni nel Golfo Persico e nello stretto di Hormuz, compreso quello a cui fa riferimento il presidente americano, sono rientrati in sicurezza alle loro basi”, ha comunicato il generale Abolfazl Shekarchi, portavoce delle forze armate di Teheran. A conferma le Guardie della Rivoluzione iraniana hanno pubblicato immagini del drone prima e dopo il momento del presunto abbattimento.

Il 20 luglio un drone militare statunitense del valore di $ 100 milioni era stato abbattuto da Teheran perché, secondo il presidente iraniano Hassan Rouhani, aveva violato il loro spazio aereo. Il Presidente Trump rinunciò saggiamente all’effettuazione di attacchi di rappresaglia contro obiettivi iraniani ma firmò un ordine esecutivo contro il leader supremo dell’Iran, Ali Khamenei, ed i suoi associati con nuove severe sanzioni finanziarie.

 

.
In estrema sintesi, secondo fonti ufficiali iraniane, il presidente americano Donald Trump sta cercando di buttare benzina sul fuoco per creare tensioni in una guerra psicologica che non conosce sosta per forzare la mano al Governo iraniano sul nucleare. Per fortuna la  diplomazia continua ed il ministro degli Esteri della Repubblica islamica Mohammad Javad Zarif ha incontrato il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. Ricordo che Zarif fu l’architetto dell’accordo del 2015 consistente  il rafforzamento dei controlli sul programma nucleare in cambio del ritiro delle sanzioni. Un’idea subito apprezzata dalla Cina, secondo cui l’Iran mostra di “cercare una compromesso”. La preoccupazione mondiale è comunque crescente. Il blocco dello stretto  causerebbe danni insostenibili per le economie dei Paesi più industrializzati e, a catena, a tutti.  Anche il ministro degli Esteri italiano Enzo Moavero Milanesi ha sottolineato l’importanza di abbassare le tensioni: “Siamo attenti a un rischio di aumento della situazione di crisi perché è un’area a noi estremamente vicina che tocca direttamente interessi non solo di tipo politico e strategico, ma interessi anche economici e commerciali”.

Continueremo a seguire.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 102 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »