If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Nuovo attacco a Hormuz … la questione si complica

Reading Time: 5 minutes

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO INDIANO
parole chiave: petroliere, choke point, Hormuz, USA, Iran 

 

Ci risiamo, dopo meno di un mese dai precedenti danneggiamenti al traffico mercantile nei pressi di Fujaira, dopo la recente scoperta di mine navali artigianali in possesso degli Houtis filo iraniani ad Aden, ecco un nuovo grave incidente nello stretto più importante del mondo: Hormuz. Ieri mattina il United Kingdom Maritime Trade Operations center (UKMTO), gestito dalla Royal Navy britannica, ha dato il primo allarme, raccolto anche dalla V flotta statunitense in Bahrain.

La situazione di tensione nello stretto di Hormuz sta peggiorando. Avevamo parlato giorni fa dei danneggiamenti a quattro unità in transito. Sembrava tutto sopito ma stamattina si sono verificati una serie di esplosioni ed incendi a bordo di altre unità in transito. Il governo britannico ha immediatamente denunciato l’alto rischio per il transito giudicando assolutamente inaccettabili i presunti attacchi alle due petroliere nel Golfo di Oman. Gli eventi marittimi sembra siano avvenuti a circa 25 miglia dalla costa iraniana.

Le reazioni sono state discordanti: da un lato le accuse di Stati Uniti e Arabia Saudita che accusano l’Iran e dall’altra la Russia che ha ammonito la comunità internazionale a non accusare senza prove l’Iran, ribadendo che questi tragici eventi non dovrebbero essere usati per aggravare ulteriormente la situazione. In attesa di una nuova riunione del consiglio di sicurezza dell’ONU, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che il mondo non può permettersi un nuovo scontro nella regione del Golfo Persico ed ha condannato fermamente qualsiasi attacco contro il traffico mercantile. Si è mossa anche l’Unione Europea che ha chiesto la “massima restrizione” per evitare un’escalation regionale. I mercati non si sono fatti attendere ed il greggio Brent ha guadagnato quasi il quattro per cento dopo l’attacco con un valore di oltre 62 dollari al barile, secondo i primi dati di mercato.

Ma cosa sta succedendo?
Le notizie sono ancora confuse e limitate. Sembrerebbe che la V flotta USA abbia ricevuto due allarmi distinti, uno alle 6.12  e un altro alle 07 del mattino del giorno 13 giugno 2019. Le due navi in transito nello stretto di Hormuz verso l’Oceano Indiano per ragioni non chiare hanno subito delle esplosioni ed hanno preso fuoco.
 
La portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha detto “il governo degli Stati Uniti sta fornendo assistenza e continuerà ad occuparsi della situazione“. La confusione è tale che non è ancora nemmeno chiaro chi abbia salvato i quarantaquattro marinai. Le uniche cose certe sono le immagini drammatiche degli incendi scoppiati sul MT Front Altair giovedì mattina (13 giugno 2019).

le esplosioni successive a causa dell’incendio hanno costretto all’abbandono nave dell’Altair

Le cause sono sconosciute ma la compagnia petrolifera che ha noleggiato la Front Altair, che batte bandiera delle Isole Marshall, ha riferito che si sospetta che la nave sia stata colpita da un siluro. I rapporti riferiscono che la nave, che era in transito dal Qatar a Taiwan con un carico di 75.000 tonnellate di nafta del valore di 30 milioni di dollari USA, ha subito tre esplosioni ed ha poi preso fuoco dopo un “attacco di superficie”. Questo termine è molto grave per cui se fosse confermato si tratterebbe di un’azione condotta da una imbarcazione o un mezzo aereo che ha deliberatamente sparato contro la nave. Il suo equipaggio, di 23 persone, composto da undici russi, un georgiano e undici filippini, è stato prelevato da una nave in transito, la Hyundai Dubai e forse trasbordato sul USS Bainbridge della Quinta flotta americana di base in Bahrein. Ma l’incertezza rimane, almeno fino a quando non sarà rilasciato un comunicato ufficiale.

La seconda nave, il Kokuka Courageous, che batte bandiera panamense, sembra abbia subito un’esplosione dopo un “attacco esterno”…  un broker commerciale ha comunicato che potrebbe essere stata causata da una mina magnetica riportando “danni allo scafo al di sopra della linea di galleggiamento della nave sul lato di dritta“.

Kokuka corageous

Danni al di sopra della linea di galleggiamento non fanno pensare all’impiego di una mina navale, che avrebbe verosimilmente danneggiato lungo o sotto la linea di galleggiamento. Lo stesso si può dire per un siluro … se quanto affermato fosse vero, un danno al di sopra della linea di galleggiamento potrebbe essere stato causato solo da un razzo. Forse sarà possibile avere qualche informazione maggiore dai ventuno membri dell’equipaggio del Kokuka Corageous che sono stati poi prelevati da una nave costiera, l’Ace

Conseguenze
Dopo l’incidente di oggi e gli attacchi di sabotaggio contro altre petroliere lo scorso mese, l’agenzia marittima Frontline di Oslo ha ordinato alle navi norvegesi nella regione di aumentare i livelli di allerta e mantenersi informati sugli sviluppi della situazione. Anche se non è ancora chiaro che cosa abbia causato l’esplosione di oggi a bordo della Front Altair, l’agenzia ha consigliato alle navi norvegesi di evitare le acque iraniane. Intanto, questi sospetti attacchi alle porte dello stretto di Hormuz – da cui ricordo passa quasi un terzo del petrolio commerciato via mare – hanno fatto schizzare il prezzo del greggio, con aumenti sopra il 3,5%.

Cui prodest?
Sicuramente a chi non vuole trovare una soluzione politica al nucleare di Teheran oppure vuole creare instabilità nel choke point più importante del mondo. Appare sicuramente strano che sia conciso nel giorno in cui il ministro del commercio giapponese Hiroshige Seko è in visita in Iran per discutere sulle esportazioni di petrolio. Ma anche nel giorno in cui Shintzu Abe è in Iran per cercare una soluzione ad un problema che va a danneggiare soprattutto il Giappone.  Non dobbiamo dimenticare che il Paese del Sol Levante, nonostante la crisi internazionale,  mantiene ancora buone relazioni bilaterali con l’Iran, da cui prima delle sanzioni importava il 5% del suo petrolio. 

Chi può averlo fatto?
Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha accusato l’Iran di un attacco alle due petroliere, sulla base di non chiare valutazioni intelligence. 

La valutazione del Governo degli Stati Uniti è che la Repubblica islamica dell’Iran è responsabile degli attacchi che si sono verificati nel Golfo di Oman oggi”, ha detto Pompeo ai giornalisti del Dipartimento di Stato americano, sottolineando che “Questa valutazione si basa sull’intelligence, sulle armi utilizzate, sul livello di esperienza necessario per eseguire l’operazione, sui recenti attacchi iraniani simili alle spedizioni e sul fatto che nessun gruppo che opera nell’area ha le risorse e la competenza per agire con tale alto grado di sofisticazione. ” Naturalmente il ministro degli esteri iraniano Javad Zarif ha immediatamente negato ogni coinvolgimento nell’accaduto. 

Gioco politico di pressione o nuovi venti di guerra nel Golfo?

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 184 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »