Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Benvenuti in primavera di Paolo Giannetti

Reading Time: 4 minutes

.
livello elementare
.

ARGOMENTO: NAUTICA
PERIODO: na 
AREA: na
parole chiave: equinozio, luna, anno siderale, anno gregoriano 

Ieri sera, esattamente alle 22:58 ora italiana del 20 marzo 2019, siamo entrati ufficialmente nella stagione dei fiori e della rinascita. E’ l’equinozio di marzo ovvero siamo finalmente in primavera! La parola equinozio deriva dal latino aequa-nox, ossia “notte uguale” per ricordarci che è uno dei due giorni dell’anno in cui le ore di luce sono uguali a quelle di buio. Da adesso in poi aumenteranno ogni giorno fino al solstizio di giugno.

Ma perché ieri e non oggi, 21 marzo, così come siamo stati abituati a ricordare quale data di inizio di questa stagione?
L’ anticipo è dovuto all’uso del calendario gregoriano che fu introdotto nel 1582 da Papa Gregorio XIII per correggere il precedente calendario romano. È un calendario che non rappresenta esattamente l’anno siderale, ossia il periodo orbitale della Terra intorno al Sole, che è pari a 365 giorni, 6 ore, 9 minuti e 10 secondi (365,25 giorni) ma considera solo 365 giorni esatti.

Come ricorderete questo “arrotondamento per intero” determinerebbe un ritardo di sei ore all’anno se non intervenisse l’anno bisestile che, introducendo il 29 febbraio ogni quattro anni, “risincronizza” l’anno siderale e il calendario gregoriano. La presenza dei giorni bisestili nel calendario causa però, tra un riallineamento e quello successivo, un progressivo spostamento di un giorno di tutti i fenomeni celesti. Osservando i calendari secolari si nota che l’equinozio di marzo può cadere tra il 20 e 21 marzo ma, dal 2000 al 2020, è successo solo due volte (per l’esattezza nel 2003 e nel 2007) che la primavera sia “entrata” il 21 marzo. Vi dirò di più, ritornerà a cadere il 21 solo nel 2102 e, giusto per complicarci la vita, nel 2044 cadrà per la prima volta il 19 Marzo.
.

L’Equinozio di marzo (dovremmo chiamarlo così anziché “equinozio di primavera” dato che nell’emisfero Sud sta di fatto iniziando l’autunno) è quel momento dell’anno in cui i raggi del sole colpiscono perpendicolarmente l’equatore e le ore di luce e buio sono equivalenti in tutte le parti della Terra. Da oggi le giornate continueranno ad allungarsi (nell’emisfero Nord) e ad accorciarsi (nell’emisfero Sud) fino al prossimo Solstizio del 21 Giugno. Tutto questo per effetto del moto di rivoluzione e dell’inclinazione dell’asse terrestre che determinano il susseguirsi delle stagioni: primavera, estate, autunno e inverno. Con il nostro satellite che raggiungerà il punto della sua orbita ellittica più vicino alla Terra avremo ancora una volta una Superluna, in particolare la “Superluna del Verme“, che apparirà più grande (14%) e più luminosa (49%) delle lune piene normali proprio a causa della sua vicinanza alla Terra.

Viene chiamata Superluna del verme perché “in questo periodo dell’anno, il suolo inizia ad ammorbidirsi al punto da far riapparire i lombrichi, che invitano il ritorno dei pettirossi e degli uccelli migratori, un vero segno della primavera”, riporta l’Almanacco dell’Agricoltore.

Gli indigeni americani le affidavano altri nomi legati alla natura ed al cambiamento delle stagioni. Ad esempio le tribù più settentrionali degli Stati Uniti la conoscevano come la Luna Piena del Corvo, perché il fastidioso gracchiare dei corvi segnava la fine dell’inverno, oppure come la Luna Piena della Crosta quando la copertura nevosa si incrostava sciogliendosi di giorno e, con l’abbassarsi della temperatura, si congelava nuovamente di notte. Oppure anche come la Luna Piena della Linfa, che segnava il momento in cui incidere gli alberi degli aceri per estrarne la linfa.

la ruota per il calcolo della Pasqua dall’Almanacco perpetuo di Rutilio Benincasa, XVIII secolo

Vale la pena di ricordare che il giorno dell’Equinozio di Primavera è alla base del calcolo del giorno della Pasqua di Resurrezione. Il primo Concilio di Nicea (anno 325 d.C.) stabilì che la solennità della Pasqua sarebbe stata celebrata nella domenica seguente il primo Plenilunio di primavera e quindi, variando da un anno all’altro, e nel corso dei secoli, in una data tra il 22 marzo e il 25 aprile (inclusi).

Una curiosità
L’Equinozio del 20 marzo 2019 è caduto tre ore prima del Plenilunio (avvenuto stanotte 21 di Marzo alle 02:43). Questo sarà il Primo Plenilunio di Primavera! Questo in contrasto con quanto stabilito dal Concilio di Nicea perché domenica prossima 24 marzo … NON sarà Pasqua. 

Buon Equinozio, Buona Primavera e Buona Luna Piena

Paolo Giannetti

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 225 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »