If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Quanti relitti antichi nel Mediterraneo?

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA MARINA
PERIODO: NA
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: rotte marittime, relitti
.

Il Mar Mediterraneo nasconde ancora molti segreti. Solcato da navi da oltre 8000 anni conserva negli abissi ancora molti artefatti di antiche Ivan Lucherini affronta il problema con questo articolo pubblicato sul numero 17 di Scuba Zone – 8.10.2014

ancora

Nel 1992 uno studio dell’Università di Oxford pose le basi per la creazione di un corpus che censisse i relitti antichi affondati nei bacini del Mediterraneo e del Mar Nero in qualsiasi modo segnalati. Quel lavoro, a firma di A.J. Parker, raggruppò le schede dei siti di interesse archeologico riferite ai relitti di epoca antica con la descrizione di giacitura, della profondità, dello stato di conservazione. Fu pubblicato in una corposa monografia dal titolo “Ancient Shipwrecks of the Mediterranean and the Roman Provinces” per la collana BAR International Series 580. L’edizione dello studio del Parker comprende 1.189 schede di segnalazione di relitti in un arco cronologico di circa 37 secoli dal 2.200 a.C. al 1500 d.C..

Occorre precisare tuttavia che per motivi di tutela del proprio interessantissimo patrimonio sommerso, la Grecia non ha mai divulgato le notizie afferenti all’argomento in questione. Di conseguenza la quantità di relitti censiti dal compendio del Parker ne soffre ovviamente la mancanza. Nel computo totale dei 1.189 relitti, le schede di 363 di questi non dichiarano la profondità di giacitura del relitto. Degli altri 826 si può osservare come esista una significativa sproporzione fra quelli ritrovati entro i 50 metri di fondo e quelli oltre.

HerodotusT Il Mediterraneo e il mar Nero insieme, coprono una superficie di oltre 3 milioni di chilometri quadrati. Di questi circa 300 mila, grosso modo il 10% del totale della superficie marina dei citati bacini, hanno una profondità entro i 50 metri mentre gli adiacenti 300 mila chilometri quadrati hanno profondità comprese fra i 50 e i 150 metri. Nella porzione di Mediterraneo con profondità fino ai 50 metri sono segnalati 753 relitti mentre nei restanti areali con profondità da 50 a 150 metri ne sono segnalati solo 73. Una enorme disparità percentuale. A cosa è dovuta questa differenza di numeri su superfici omogenee?In passato la navigazione era prevalentemente costiera soprattutto se ci riferiamo agli ultimi due millenni precedenti la nascita di Cristo. Nonostante questo, pare difficile credere che meno di 100 naufragi in 37 secoli siano accaduti in una porzione di mare ampia quanto quella che ha profondità fino a 50 metri. In realtà il lavoro del Parker ci aiuta a comprendere questa disparità, attraverso l’interpretazione di un grafico che riporta nelle ascisse lo scorrere del tempo a partire dal 1950 e fino al 1990 mentre sull’asse delle ordinate il numero di ritrovamenti e segnalazioni dei relitti sommersi.
anticitera-nave-638x425

 

La curva prodotta da questo grafico evidenzia come lo sviluppo della subacquea ricreativa abbia fatto impennare le segnalazioni nel corso degli anni. Si passa dai 20 relitti circa segnalati nel 1950 agli 80 circa del 1960, per impennarsi ai circa 250 del 1970. ai quasi 700 del 1980 alle poco meno che 1.200 segnalazioni del 1990. E’ grazie all’invenzione del comandante Cousteau e la diffusione dell’erogatore, fra i subacquei ricreativi, che sono stati scoperti e segnalati la maggior parte dei relitti presenti nel Mediterraneo. Fino al 1990 la configurazione classica con cui si scendeva sott’acqua era con mono o bi-bombola, octopus o doppio erogatore, miscela respiratoria aria o qualche volta nitrox.  Per quanto riguardava i profili decompressivi ci si avvaleva delle tabelle, spesso derivanti dalle US Navy o dalle DCIEM; solo alla fine degli anni ’80 si diffuse l’uso dei primi computer subacquei con programmi decompressivi impostati su algoritmi haldaniani a più comparti tissutali. Dopo un primo periodo di forte crescita dei praticanti in cui non era stata nemmeno presa in considerazione, la sicurezza del subacqueo fu affidata convenzionalmente, oltre che al buddy system, al rispetto dei limiti di profondità, fissati convenzionalmente dalle didattiche in 40 metri e al rispetto della curva di sicurezza, senza quindi prevedere nella programmazione tappe decompressive oltre la classica sosta di sicurezza a tre metri per tre minuti, spostata poi a cinque metri sempre per tre minuti. Queste procedure ovviamente non permettevano immersioni prolungate oltre le profondità intorno o superiori ai 40 metri. Se si voleva superare questa barriera si doveva per forza di cose prevedere delle soste decompressive. Una procedura di programmazione che non era contemplata dalle linee didattiche delle principali organizzazioni di divulgazione della disciplina, presenti sul mercato. Ma poiché è dato noto quanto l’uomo tenda gioiosamente all’evoluzione, questi limiti presto furono abbattuti. Alcuni appassionati iniziarono a studiare e sperimentare le tecniche di immersioni derivate dalla subacquea commerciale. Uso di miscele sintetiche diverse dalla solita aria, uso di diversi programmi decompressivi, utilizzo di bombole di fase per miscele diverse da respirare durante la fase di risalita. Era nata la cosi detta subacquea tecnica, che era essa stessa ricreativa, ma che impiegava dei protocolli abbastanza impegnativi, sia tecnicamente che fisicamente, tali da modificare appunto la sua definizione in subacquea tecnica. I subacquei che hanno qualche lustro di esperienza ricorderanno le esposizioni dell’Eudi di Genova di alcuni anni fa quando apparvero manichini allestiti simili ad alberi di Natale con collari di erogatori, bombole da ogni parte, manometri e strumenti vari da sembrare un emporio su due gambe. Venne poi il tempo della semplificazione e della razionalizzazione delle configurazioni che rese più semplice questo tipo di esperienza. Le esplorazioni dei sistemi carsici di Wakulla Springs in Florida, generarono quella filosofia del “farlo al meglio” a cui molte didattiche si sono adeguate nel tempo, adottando e modificando il pensiero Hogartiano come sintesi di procedure condivisa. yassiada2

Con l’abbattimento dei limiti di profondità della subacquea ricreativa, per l’archeologia subacquea, si sono aperti nuovi mondi da esplorare oltre i fatidici 40 metri. Negli anni si sono costituiti gruppi di esplorazione subacquea e sono di conseguenza aumentati in misura esponenziale i ritrovamenti di relitti antichi in tutti i mari del mondo. Ad ogni modo risulta difficile rispondere in termini numerici alla domanda posta dal titolo. Se applicassimo una semplice proporzione potremmo dire che oltre 600/700 relitti sono nascosti ai nostri occhi a profondità superiori ai 50 e fino ai 150 metri. Queste profondità sono ora diventate alla nostra portata ma non certo per farci una prospezione alla ricerca di siti di interesse archeologico. Quello che sicuramente solletica la curiosità degli archeologi subacquei è la consapevolezza che fra quei siti ci sono sicuramente relitti molto antichi risalenti alle epoche pre-romane e quindi levantini, greci, siciliani, etruschi, sardi e corsi. Per riuscire ad individuare quei siti ci viene in soccorso la tecnologia. Le esperienze della Aurora Trust, fondazione no-profit che ha coadiuvato nel Lazio il progetto Archeomar, contribuendo a ritrovare i resti di cinque naufragi all’isola di Ventotene e quattro a Ponza; le collaborazioni con la Soprintendenza del Mare in Sicilia, con i quattro relitti di Panarea, hanno dimostrato che una ricerca mirata può portare a risultati straordinari. La mappatura e il censimento delle evidenze archeologiche sommerse oltre che a favorire la conoscenza ed implementare gli studi specifici, offrono la possibilità di valorizzazione dei territori anche dal punto di vista turistico. Sono i subacquei che ora hanno la possibilità di occuparsi di questo.

Gruppi preparati e guidati da esperti archeologi potrebbero “adottare” un relitto aiutando i deboli budget delle Soprintendenze ad indagare i resti che giacciono sul fondo, effettuare misurazioni, fotografie, filmati e campionamenti, porre in opera telecamere a circuito chiuso che abbiano lo scopo di facilitare la tutela e la conoscenza del bene. Ora che la subacquea tecnica si propone alla platea di praticanti in termini di approccio e di apprendimento più “facili” di un tempo ci aspettiamo di vedere crescere ancora esponenzialmente il numero dei siti di interesse archeologico segnalati nei nostri mari. Con la collaborazione di tutti i soggetti interessati.

Ivan Lucherini

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE
 
print
(Visited 1.131 times, 4 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »