Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Final Conference SAVEMEDCOASTS, Roma, 2018

Reading Time: 4 minutes


livello elementare

ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA E CLIMATOLOGIA
PERIODO: ODIERNO
AREA: MEDITERRANEO
parole chiave: clima, Mediterraneo

Come promesso, abbiamo partecipato alla conferenza finale di questo importante progetto. L’evento ha visto la partecipazione dei partner di progetto, di scienziati e ricercatori internazionali, creando di fatto un momento importante per uno scambio di informazioni sulla valutazione dei rischi costieri causati dall’innalzamento del livello del mare, indotto dai noti cambiamenti climatici e dalla subsidenza del suolo.

Durante il lavori mattinali sono state presentate:

• le motivazioni scientifiche e le fasi principali del progetto che seguono le linee guida internazionali per la protezione delle coste e delle popolazioni residenti;

• le proiezioni di innalzamento del livello del mare lungo la costa mediterranea, fino all’anno 2100 (a tal riguardo sono stati allestiti dei poster illustrativi per aree di analisi);

• alcuni studi su scenari di allagamento costiero che si ritengono plausibili e attesi in Italia e Grecia, anche a seguito di tempeste e tsunami;

• la valutazione degli impatti socio-economici dovuti alle alluvioni previste, utile per l’adozione di misure per prevenire e mitigare il fenomeno.

L’attesa conferenza finale si è tenuta a Roma nel prestigioso Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), in via di vigna murata 605. All’appuntamento, importante occasione internazionale per un punto della situazione e scambio di informazioni sulla valutazione dei rischi costieri causati dall’innalzamento del livello marino, hanno partecipato Augusto Neri, direttore del Dipartimento Vulcani dell’INGV, i partner del progetto, AUTH – Università Aristotele di Salonicco, CGIAM – Centro di geomorfologia integrata per l’Area del Mediterraneo, CMCC – Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, gli stakeholder (ISOTECH – Environmental Research and Consultancy, Cipro; PEDIN – Regional Union of Municipalities of Ionian Islands, Grecia), la Guardia Costiera italiana e numerosi ricercatori e giornalisti.

Il dottor Marco Anzidei, primo ricercatore INGV e coordinatore del progetto, ha evidenziato la presenza dell’officer della Dg-Echo, Dr. Liassides Panayiotis che, nella sessione pomeridiana, ha espresso il suo vivo apprezzamento per le attività ed i risultati ottenuti, che rappresentano la volontà di fornire uno servizio per tutte le popolazioni costiere del Mediterraneo che, in un futuro purtroppo non molto lontano, potranno subire i malevoli effetti dell’innalzamento dei mari.

Come ricorderete il progetto “Sea level rise scenarios along the Mediterranean coasts”, SAVEMEDCOASTS, Scenari di aumento del livello marino lungo le coste del Mediterraneo, è stato finanziato dalla Direzione generale per la protezione civile italiana e tramite gli aiuti umanitari dell’Unione Europea (Dg-Echo) per il 2017-2018. Il fenomeno è di particolare gravità perché coinvolge tutti. Le conseguenze di questi future inondazioni   causeranno la migrazione di centinaia di migliaia se non milioni di persone verso terre interne causando emergenze alimentari, sanitarie e politiche di cui possiamo solo immaginare gli effetti sociali ed economici. Arcipelaghi scompariranno per sempre, vaste pianure costiere saranno invase dal mare e la salinità delle acque impedirà qualunque tipo di coltivazione, aumenteranno le malattie causate dagli insetti che potranno trasmettersi anche alle regioni vicine. Secondo alcuni rapporti scientifici, è stato stimato che in media il pianeta avrà un innalzamento del livello del mare di circa due metri entro il 2100. In realtà l’innalzamento del livello del mare in alcune località sarà più alto della media globale a causa di fattori locali tra cui la subsidenza (considerata da SAVEMEDCOASTS), gli effetti delle grandi correnti oceaniche, l’erosione e le variazioni dell’altezza del terreno costiero e gli effetti di fenomeni meteorologici estremi come uragani e tempeste.


Anche nel nostro Mediterraneo avverranno fenomeni simili andando a colpire città d’arte e importanti poli marittimi industriali. Le soluzioni ci sono ma i costi sono altissimi e richiedono una visione politica lungimirante. Il domani, è il caso di dirlo, è alle porte e bisogna incominciare a muoverci ora.

Il dottor Anzidei nel suo intervento finale ha sottolineato altresì che l’obiettivo dell’incontro finale è stato quello di presentare lo stato dell’arte del progetto: «In particolare, le motivazioni scientifiche e le fasi principali di SAVEMEDCOASTS che seguono le linee guida internazionali per la gestione integrata della fascia costiera e delle popolazioni residenti, le proiezioni di aumento del livello del mare lungo le coste mediterranee fino al 2100, le valutazioni degli impatti socio-economici dovuti alle inondazioni attese e legate ai cambiamenti climatici (utili all’adozione di misure di prevenzione e di mitigazione del fenomeno) e alcuni casi di studio sugli scenari attesi di inondazione costiera in Italia, Grecia, Francia ed Egitto, dovuti anche a tempeste e tsunami».

Va ribadito, ha concluso Anzidei, che: «Sulla base degli scenari climatici dell’IPCC (Intergovernmental panel on climate change) e dei dati geospaziali analizzati da SAVEMEDCOASTS e condivisi attraverso un Web-GIS accessibile dal sito Web del progetto, sono state realizzate mappe ad alta risoluzione in grado di descrivere gli scenari attesi per aree specifiche che includono anche siti censiti dall’Unesco». Dati essenziali per intraprendere da parte delle Istituzioni delle misure mirate sia per la salvaguardia delle infrastrutture umane sia per l’ambiente circostante e la sua biodiversità.

In sintesi, un contributo importante al quale dovrebbero seguire nuovi studi, con un proseguo del progetto SAVEMEDCOASTS al fine di monitorare e affinare le ricerche effettuate.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 98 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »