If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La circolazione oceanica e il ciclo del carbonio dopo la grande glaciazione di Janne Repschläger, A. Schmittner, J. Lippold, L. Skinner and J. Muglia

Reading Time: 6 minutes

.
livello medio

ARGOMENTO: OCEANOGRAFIA
PERIODO: 18000 ANNI FA
AREA: na
parole chiave: ultima grande glaciazione, Olocene, workshop OC3 inerente la circolazione oceanica e il ciclo del carbonio dopo la grande glaciazione
.

Nel settembre 2018 si svolse a Cambridge, Gran Bretagna, il terzo workshop OC3 inerente “la circolazione oceanica e il ciclo del carbonio dopo la grande glaciazione” ovvero prima dell’Olocene. Le allora condizioni paleo climatiche sono così interessanti che ci possono essere di aiuto per capire dove stiamo andando dal punto di vista climatologico. Questa sintesi dei lavori del convegno fa un punto di situazione sugli studi più recenti.



Ocean circulation and carbon cycling during the last deglaciation: global synthesis
di Janne Repschläger, A. Schmittner, J. Lippold, L. Skinner and J. Muglia

La transizione del clima terrestre, dal gelido Last Glacial Maximum (LGM) al più caldo Olocene, non è ancora stata completamente compresa, sebbene sia stata presunto un aumento delle temperature associato a quello dell’anidride carbonica (CO2) atmosferica,  fattore che agisce da importante motore del riscaldamento globale. Sebbene il cambiamento della circolazione oceanica durante la fase interglaciale sia stato collegato ai tassi di aumento di CO2, l’esatto meccanismo rimane però ancora poco chiaro. Per quanto sopra quantificare i cambiamenti nella circolazione oceanica e nel meccanismo di conservazione del carbonio è un’equazione non compresa.

L’obiettivo generale del gruppo di lavoro PAGES Ocean Circulation and Carbon Cycling (OC3) è di compilare dati globali sugli isotopi del carbonio foraminiferale (δ13C) e dell’ossigeno (δ18O) e confrontarli con le simulazioni dei modelli per comprendere meglio i cambiamenti nella circolazione oceanica e il ciclo del carbonio durante l’ultima deglaciazione.

Il focus group dell’Investigating Past Ocean Dynamics (IPODS) di INQUA lavora allo stesso obiettivo scientifico, sintetizzando dati di proxy di circolazione oceanica complementari globali come il radiocarbonio (Δ14C), εNd e Pa / Th.

Questo importante seminario congiunto IPODS-OC3 ha lo scopo di fare un punto di situazione sui progressi ottenuti attraverso i dati regionali e globali e la loro combinazione effettuando simulazioni di modelli complessi. Il seminario ha riunito quaranta scienziati internazionali (paleoceanografi e modellisti del mare) per discutere potenziali sovrapposizioni tra le risultanze di diverse comunità di scienziati e identificare potenziali obiettivi comuni.

Durante il primo giorno di attività, i leader dei gruppi regionali di sintesi OC3 hanno riferito sulle attività correnti e sui progressi effettuati nei diversi bacini oceanici (Nord e Sud Atlantico e Oceano Indiano). Inoltre, sono stati presentati dei poster su dataset regionali e su nuovi approcci di modellazione. I dati di δ13C e δ18O sono stati discussi in relazione all’importanza della distribuzione della circolazione dell’acqua profonda e intermedia nelle diverse regioni oceaniche per lo stoccaggio di CO2 e il rilascio di CO2 post glaciale.

Isotopi di carbonio stabili (δ13C) sono misurati di routine su gusci di foraminiferi fossili bentonici (abissi profondi) e planctonici (vicino alla superficie) e sono stati usati a lungo come proxy per studiare sia il ciclo del carbonio che la circolazione oceanica profonda in passato. Il δ13C è determinato dallo scambio di gas aria-mare, nonché da processi biologici, che rendono difficili interpretazioni univoche. Inoltre, non è stata intrapresa una valutazione globale di come le diverse specie di foraminiferi rappresentino la colonna d’acqua in modo affidabile. Queste difficoltà potrebbero aver portato a molte misurazioni non pubblicate e non dichiarate. Fortunatamente, negli ultimi anni sono stati sviluppati modelli basati su processi, tra cui δ13C, ed è stato compilato un nuovo dataset globale di misure di colonna d’acqua δ13C. I dati downcore rivelano cambiamenti nella circolazione oceanica e nel ciclo del carbonio e saranno utili per il confronto con altri dati paleo (ad esempio da carote di ghiaccio o speleotemi) e simulazioni di modelli transitori. Il focus della compilazione downcore sarà sull’ultimo ciclo glaciale e in particolare sull’ultima deglaciazione. Nell’immagine: Distribuzione osservata di δ 13 C nella colonna d’acqua (in alto, Schmittner et al., 2013) e nei sedimenti di superficie (tardo Olocene) (secondo dall’alto), nei sedimenti LGM (terzo dall’alto) e LGM- Differenza di LH (in basso). Da Schmittner (2012; PAGES News). da http://people.oregonstate.edu/~schmita2/Projects/OC3/

Il focus della discussione è stato sui nuovi strumenti software di visualizzazione e modelli di età, compresi gli approcci PARIS (Claire Waelbroeck), HMM-Match (Lorraine Lisiecki) ed il software per la visualizzazione dell’età, PaleoDataView (Stefan Mulitza). Le discussioni sono state condotte per valutare le differenze dei diversi approcci, le gli errori del modello di età e le incertezze nelle correzioni del model age del bacino idrico.

I model age sono un’importante fattore nei database di OC3 e IPOD. Essendo tutti i core del database IPODS inclusi anche nel database OC3 (Fig. 1), sono stati utilizzati gli stessi modelli per la sintesi globale al fine di consentire il confronto diretto di diversi record proxy dagli stessi core.

Il secondo giorno della conferenza è stato assegnato al gruppo di lavoro IPODS. Sono state fornite dai leader dei gruppi di lavoro delle sintesi generale delle attuali conoscenze in εNd, Pa / Th e Δ14C, seguite dalle presentazioni di recenti studi di compilazione (Pietrowski, Blaser, Ng et al., 2018). L’ultimo giorno del workshop è stato dedicato ai piani futuri di OC3 e IPODS. I partecipanti hanno incoraggiato l’OC3 a procedere nello sviluppo del database e creare una strategia per il perfezionamento della sintesi dei dati, compreso lo sviluppo di linee guida per il controllo di qualità e la generazione coerente dei model age.

È infatti ritenuto necessario un maggior lavoro per generare modelli di età coerenti e garantire la qualità dei dati. Un piano di lavoro dettagliato per il prossimo anno include il rilascio della struttura finale del database con i dataset regionali di sintesi già pubblicati, e la pubblicazione dei dati dell’Oceano Atlantico nel 2019, con un lavoro di sintesi nell’estate 2019.

CONCLUSIONI
In estrema sintesi, si ritiene che i cambiamenti nella quantità di carbonio immagazzinata negli oceani abbiano svolto un ruolo importante nelle variazioni passate di CO2 atmosferica e del clima. La circolazione profonda controlla lo stoccaggio e la ridistribuzione di calore e carbonio dell’oceano. I cambiamenti climatici a loro volta influenzano i processi fisici (miscelazione, risalita) e biologici (produttività del plancton) negli oceani. Le recenti simulazioni di modelli implicano che una combinazione di questi processi potrebbe spiegare le variazioni di CO2 glaciale-interglaciale.

Nuovi dati paleologici rivelano, con un dettaglio senza precedenti, la transizione della circolazione della CO2 atmosferica e del clima dall’ultimo massimo glaciale, avvenuta circa 21.000 anni fa, al presente; questa transizione ebbe diversi rapidi cambiamenti. Nonostante il lavoro effettuato, i dati dell’oceano profondo sono ancora estremamente limitati e dovranno essere approfonditi.

La chairmanship del OC3 è passata da Andreas Schmittner a Janne Repschläger. Juan Muglia entrerà a far parte del comitato direttivo nella funzione di database manager. Il seminario ha aggiunto slancio alle attività di IPODS e OC3, con la stesura di un documento di revisione εNd, la creazione di un database comune comprendente δ13C, δ18O, εNd, Pa / Th e Δ14C, e l’esplorazione di piani comuni per il futuro.


Affiliazioni

1 Max-Planck Institute for Chemistry, Climate Geochemistry, Mainz, Germania

2 College of Earth, Ocean and Atmospheric Sciences, Oregon State University, Corvallis, USA

3 Institute of Earth Sciences, Heidelberg University, Germania

4 Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Cambridge,

CONTATTO UK Janne Repschläger: J.Repschlaeger@mpic.de REFERENZE Ng HC et al. (2018) Nat Commun 9: 2947 Zhao N et al. (2018) Paleoceanogr Paleoclimatol 33: 128-151

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 194 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
astronomia e astrofisica
Astronomia e Astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »