Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

Vediamo che tempo fa o farà

Diamo un’occhiata al tempo meteorologico

Meteo facile per tutti: vediamo che tempo fa o farà prossimamente con un insieme di link per aggiornarvi in tempo reale sulle condizioni meteorologiche locali e marine 

  Address: OCEAN4FUTURE

Analisi delle fonti: quante informazioni sulla storia marittima può contenere una singola lettera?

tempo di lettura: 3 minuti

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVII SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO – MAR LIGURE
parole chiave: fonti, forte di Taggia
.

Per rispondere a questa domanda vi propongo una lettera in cui il Podestà di Taggia (borgo della Riviera Ligure di Ponente) racconta un episodio avvenuto l’11 marzo 1611. La lettera, che vedete nell’immagine sottostante,  è conservata nell’Archivio di Stato di Genova, fondo Archivio Segreto, filza n. 1666.

pagina dall’Archivio di Stato di Genova, fondo Archivio Segreto, n. 1666

Il podestà descrive una “nave […] longa, con remi voganti sotto coperta”. Si tratta di una nave galera, ossia di un veliero armato a nave dotato anche della propulsione remica, con i rematori collocati sottocoperta. Un tipo di nave come quella rappresentata nell’immagine che ritrae una nave galera a due ponti barbaresca, l’ammiraglia della flotta corsara di Tripoli, impegnata in combattimento nel 1709.

Il podestà racconta che la nave abbia cercato di catturare due “barche” (la barca era un bastimento tondo a tre alberi con vele latine), una francese e una genovese, mettendo in mare il suo “caicco” (la lancia). Il fuoco dei “moschettoni” della barca francese ha respinto il caicco, permettendo ai due battelli mercantili di trovare rifugio sotto la protezione dei cannoni del forte di Taggia.

Che informazioni ci da questo tipo di fonte? Procediamo con ordine.
Il podestà non da notizie sull’identificazione della nave, questo vuol dire che non inalberava bandiera, perché altrimenti il podestà avrebbe indicato quantomeno lo stato di appartenenza. Tuttavia sappiamo che i marinai scampati all’attacco hanno raccontato fosse “nave di cattiva gente”, ossia corsara: barbaresca? Non lo sappiamo, ma è una possibilità (anche perché sappiamo che i barbareschi utilizzavano navi galere). L’attacco contro le due barche segue un modulo operativo ricorrente nella corsa e nella pirateria (anche in quella attuale): nave madre e unità cacciatrice. Si tratta dell’utilizzo di un bastimento leggero (il caicco in questo caso) per attaccare il mercantile, con l’unità madre, la nave, che si mantiene a distanza (perché non ha la manovrabilità e la possibilità di muoversi sottocosta necessarie per abbordare natanti più piccoli).

Torre di Taggia. Nel 1563 la popolazione di Taggia e di Bussana si accollò l’onere della costruzione di una torre, probabilmente costruita su un precedente impianto romano del II secolo, di cui tuttavia sono andati perduti i ruderi e la lapide. foto di Sara Campora


Perché le due barche riescono a scampare all’attacco?

Perché esse navigano armate (autoprotezione) e sottocosta, e quindi possono velocemente trovare rifugio sotto la protezione dei cannoni del forte di Taggia. Ecco uno dei motivi per cui nel Mar Mediterraneo la stragrande maggioranza della rotte si sviluppava sottocosta; navigare sottocosta aumentava le possibilità di sfuggire ad un attacco corsaro. In ultimo: il podestà dice di aver fatto porre “le guardie” al forte, perché la presenza della nave galera corsara aveva generato uno stato di allarme nel borgo. In altre parole il podestà aveva  mobilitato la milizia territoriale locale per guarnire il forte. I presidi locali non erano infatti affidati all’esercito regolare (composto da soldati professionisti) ma alla milizia territoriale (soldati non professionisti, che a turno servivano gratuitamente per difendere la propria comunità) ed ai bombardieri (artiglieri stipendiati dalla comunità del borgo). Interessante considerando che la torre  difensiva di Taggia era stata costruita nel 1563 grazie ai contributi degli abitanti di Taggia e di Bussana. Ora, la notizia contenuta nella lettere ci dice che la milizia non presidiava permanentemente il forte ma lo facevano i bombardieri. I miliziani montavano la guardia solitamente di notte, e di giorno solo in emergenza, quando c’erano situazioni di pericolo o quando si percepivano possibili attacchi dal mare.

Una notizia nuova che scaturisce da queste poche righe facendoci conoscere informazioni inaspettate della vita del tempo.

Prof. Emiliano Beri

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 268 times, 1 visits today)
Share
0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

 

Attenzione: È importante ricordare che gli articoli da noi pubblicati riflettono le opinioni e le prospettive degli autori o delle fonti citate, ma non necessariamente quelle di questo portale. E’ convinzione che la diversità di opinioni è ciò che rende il dibattito e la discussione più interessanti, aiutandoci a comprendere tutti gli aspetti della Marittimità

Chi c'é online

29 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia Contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
sviluppi tecnologici
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

I più letti in assoluto

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
29 visitatori online
29 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 45 alle 03:29 pm
Mese in corso: 65 alle 12-05--2024 04:06 pm
Anno in corso: 118 alle 06-04--2024 04:33 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x