If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Relitti: Dopo 77 anni, ritrovata la portaerei USS Hornet sul fondo dell’oceano nei pressi delle Isole Salomone

.
livello elementare 

.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: Relitto, Guadalcanal, Midway, Doolittle, R/V Petrel

 

Raccontiamo oggi la storia della portaerei USS Hornet ritrovata dopo oltre 70 anni sul fondo dell’oceano nei pressi delle Isole Salomone.

relitto della USS Juneau, nel grande cimitero delle Salomon

La terza e ultima portaerei della classe Yorktown, la USS Hornet, fu ordinata dalla marina statunitense il 30 marzo 1939. La costruzione iniziò a Newport News Shipbuilding Company in settembre prima dello scoppio della seconda guerra mondiale in Europa. In quel momento la posizione scelta dagli Stati Uniti era di rimanere neutrali. Varata il 14 dicembre 1940, fu completata l’anno seguente ed il 20 ottobre 1941, l’Hornet fu consegnata alla US Navy. Il primo comando della portaerei fu assegnato al Captain Marc A. Mitscher. Nelle cinque settimane successive, la portaerei iniziò l’addestramento basico al largo della baia di Chesapeake

la USS Hornet in navigazione

Dopo l’attacco giapponese a Pearl Harbour il 7 dicembre 1941, l’USS Hornet tornò a Norfolk, Virginia, per essere ammodernata. Di fatto, nel gennaio 1942 il suo armamento antiaereo venne sostanzialmente aggiornato e fu deciso di mantenerla in Atlantico, per effettuare delle prove di decollo dei bombardieri B-25 Mitchell. I test si dimostrarono efficaci ed il 4 marzo l’Hornet lasciò Norfolk per San Francisco, California. Dopo aver attraversato il Canale di Panama, arrivò alla Stazione Aeronavale Navale di Alameda, il 20 marzo 1942 dove imbarcò sedici B-25 delle Forze aeree dell’esercito americano..

foto di un bombardiere B-25 Mitchell 

The Doolittle Raid
Il comandante della nave, Mitscher, salpò il 2 aprile 1942 ed informò l’equipaggio che era stato pianificato un attacco aereo, guidato dal tenente colonnello Jimmie Doolittle, per attaccare direttamente il territorio giapponese. L’Hornet si unì quindi alla Task Force 16 comandata dal vice ammiraglio William Halsey, che era imbarcato sulla USS Enterprise. La missione prevedeva che gli aerei della Enterprise avrebbero fornito la copertura aerea durante l’attacco dei bombardieri della Hornet nel cuore del Giappone.

Il 18 aprile, la forza americana fu avvistata dalla nave  giapponese Nitto Maru che fu intercettata rapidamente dalla USS Nashville. Temendo di aver perso il fattore sorpresa  e  che la nave Nitto Maru avesse fatto in tempo ad avvisare le altre forze nipponiche della forza navale americana, Halsey decie di anticipare i tempi e, a circa 170 miglia dal punto di lancio previsto degli aerei, ordinò il decollo dei bombardieri. Doolittle partì per primo alle 8:20 del mattino. Dopo aver raggiunto il Giappone, i bombardieri statunitensi colpirono con successo i loro obiettivi ma, non avendo sufficiente carburante, si diressero verso la Cina.

USS Hornet:
Tonnellaggio: 26,932 tons

Lunghezza: 827 ft., 5 in.
larghezza: 114 ft.
pescaggio: 28 ft.
Propulsione: 4 turbine a vapore Parsons, 9 caldaie Babcock & Wilcox 
4 assi
Velocità massima: 32.5 nodi
autonomia: 14,400 miglia nautiche a 15 nodi
equipaggio: 2,919
Armamento
8 × 5 in. Cannoni binati, 20 × 1.1 in., 32 × 20 mm mitragliere antiaeree
90 aerei

Nel frattempo, dopo il decollo degli aerei, la Divisione navale si diresse verso Pearl Harbour e, dopo una breve sosta tecnica alle Hawaii, il 30 aprile procedettero verso sud in sostegno della USS Yorktown e della USS Lexington nella Battaglia del Mar dei Coralli. Incapaci di raggiungere la zona in tempo, dirottarono verso Nauru e Banaba prima di tornare a Pearl Harbour il 26 maggio. La sosta in porto fu breve ed il Comandante in Capo della flotta del Pacifico, l’ammiraglio Chester W. Nimitz, ordinò che sia l’Hornet che l’Enterprise dirigessero verso Midway. Sotto la guida del contrammiraglio Raymond Spruance, le due portaerei si riunirono al USS Yorktown.

Una scia di fumo vista da un aereo giapponese “Val”, un bombardiere di tipo 99 che aveva colpito la torre dell’Hornet. Si notano i colpi sulla superficie dell’acqua adiacente alla nave. (Comando di storia navale e patrimonio US NAVY)

.Con l’inizio della battaglia di Midway, il 4 giugno 1942, le portaerei statunitensi lanciarono attacchi aerei con gli aerosiluranti Douglass TBD Devastator contro le quattro portaerei della Prima Flotta aerea del Vice Ammiraglio Chuichi Nagumo. Le perdite furono ingenti e lo squadrone VT-8 dell’Hornet perse tutti i suoi quindici aerei. Nel corso del combattimento, i bombardieri della Yorktown e dell’Enterprise riuscirono però ad affondare tutte e quattro le navi giapponesi. Nel pomeriggio, gli aerei della Hornet attaccarono le navi giapponesi di supporto ma con scarsi risultati.

 Devastator sulla USS Enterprise. Il Douglas TBD Devastator fu un bombardiere-aerosilurante imbarcato monomotore ad ala bassa sviluppato dall’azienda statunitense Douglas Aircraft Company negli anni trenta. Entrato in servizio nel 1937 fu in quel periodo il più moderno aerosilurante in dotazione all’USN.

Due giorni dopo, affondarono l’incrociatore pesante Mikuma e danneggiarono in maniera grave il Mogami. Ritornato in porto, Hornet dovette subire due mesi di revisioni che compresero un potenziamento delle difese antiaeree e l’installazione di un nuovo radar.

Il 17 agosto, l’Hornet salpò da Pearl Harbour per le Isole Salomone. Arrivando in zona, la portaerei sostenne le operazioni alleate e alla fine di settembre fu per un breve tempo l’unica portaerei operativa nel Pacifico dopo la perdita della USS Wasp ed i gravi danni subiti dalla USS Saratoga e dall’USS Enterprise. Insieme all’USS Enterprise il 24 ottobre, Hornet si diresse per intercettare la forza giapponese che si avvicinava a Guadalcanal. Nel corso della Battaglia delle isole Santa Cruz, gli aerei dell’Hornet inflissero gravi danni al trasportatore Shokaku e all’incrociatore pesante Chikuma.

Durante lo scontro l’USS Hornet fu però colpito da tre bombe e due siluri. I danni furono ingenti e la situazione apparve subito drammatica, necessitando parecchie ore per porre gli incendi sotto controllo. Nel tentativo di salvare la portaerei, incapace di manovrare, fu ordinato all’incrociatore USS Northampton di rimorchiarla. Una situazione critica in cui le due navi, spostandosi alla velocità ridotta di 5 nodi, furono nuovamente attaccate da aerei giapponesi e l’Hornet colpito da un altro siluro. Il comandante, Captain Charles P. Mason, vista la situazione, ordinò l’abbandono nave, mentre la grande nave, in preda ad incendi e continue esplosioni, era ormai abbandonata alla deriva. Due cacciatorpedinieri, USS Anderson e USS Mustin, furono quindi inviati per affondarla definitivamente. Le navi spararono oltre 400 proiettili da cinque pollici e nove siluri ma la Hornet continuò a restare a galla. La situazione fu risolta dopo la mezzanotte quando fu colpita da quattro siluri dei cacciatorpediniere giapponesi Makigumo e Akigumo che erano arrivati nella zona, ignari della situazione.

Una bomba sganciata da un bombardiere Val nipponico colpisce il ponte della USS Enterprise,  24 August 1942 

La grande portaerei, dopo essere stata in attività solo un anno e sette giorni, affondò nelle profondità dell’Oceano con oltre 100 perdite umane. Le navi di superficie statunitensi furono costrette a ritirarsi dall’area di battaglia dopo la perdita della portaerei USS Hornet, con la USS Enterprise gravemente danneggiata. Le portaerei giapponesi si ritirarono a loro volta a causa delle pesanti perdite nelle forze aeree e dei danni significativi alle loro infrastrutture.

Anche se il Giappone ottenne una apparente vittoria tattica,  di fatto la vittoria gli costò cara, in termine di uomini e mezzi, e costituì nel lungo termine un vantaggio strategico per gli Americani. 

International Harvester Aircraft tug. Photo: Navigea

Il ritrovamento
E’ il caso di dirlo, continuano i successi della nave da ricerca R/V Petrel nel Pacifico meridionale, un area che fu tutt’altro che pacifica durante la seconda guerra mondiale. La nave da ricerca ha finalmente ritrovato, nel gennaio 2019, il relitto della portaerei USS Hornet. Un nuovo importante successo per la Petrel che, ricorderete in un altro nostro articolo, aveva ritrovato nel 2017 la USS Indianapolis.

cannone da 5 inch della USS Hornet. Photo: Navigea; R/V Petrel

La Petrel ha setacciato 140 miglia quadrate di oceano, in un progetto finanziato dal co-fondatore della Microsoft, Paul Allen, che aveva una passione per la storia marittima ed aveva equipaggiato la nave da ricerca con strumenti all’avanguardia per la ricerca e identificazione di relitti in acque profonde.

un operatore del R/V Petrel guida l’AUV nell’esplorazione del relitto (R/V Petrel)

Inizialmente i ricercatori avevano raccolto informazioni negli archivi della Marina statunitense, studiando i rapporti di operazione delle altre navi che erano state coinvolte nella battaglia. Per verifica, avevano esaminato anche i documenti contenuti negli archivi navali giapponesi delle navi che diedero il colpo di grazia alla Hornet.

La R/V Petrel fu quindi inviata su una posizione presunta ed incominciò la sua ricerca con i sonar in dotazione agli AUV. Dopo circa un’ora e mezza di viaggio per raggiungere il fondo, il  mezzo ebbe il suo primo rilevamento del fondale. L’analisi dei dati sonar mostrò miglia e miglia di fondali desolatamente vuoti … fino a quando furono avvistati i primi detriti.

La scansione sonar mostrò qualcosa che sembrava simile ad una grande nave e le successive ispezioni video dimostrarono senza ombra di dubbio che era stata ritrovata la grande portaerei. La nave giace a più di 17.000 piedi (5400 metri) di profondità vicino alle Isole Salomone. Sono visibili i suoi potenti cannoni, la struttura  ed i resti degli aerei. Una finestra su quel tragico avvenimento di 77 anni fa. Nel buio spettrale degli abissi tutto sembra essere fossilizzato a quel giorno. Immagini forti che in questo video ci raccontano questa terribile tragedia del mare.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 3.088 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share