Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Conclusa a Panama l’ottava conferenza Our Ocean 2023: finalmente buone notizie

Reading Time: 5 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: OCEANI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: accordi internazionali
parole chiave: conferenza OUR OCEAN 2023, Panama

 

Un oceano in salute avvantaggia allo stesso modo la natura e l’essere umano; è fondamentale per la sopravvivenza della Terra e dei suoi abitanti, regolando il clima e fornendo prosperità e mezzi di sussistenza a miliardi di persone. Per poter sopravvivere necessita però di un impegno da parte di tutti per la conservazione e preservazione degli habitat oceanici. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è scioglimento-ghiacci-oceani-1024x576.png

Di fatto la salute degli oceani si sta deteriorando a causa dell’impatto causato dalle emissioni di gas serra che contribuiscono in maniera significativa al riscaldamento degli oceani, all’innalzamento dei livelli del mare ed all’acidificazione degli oceani. Non ultimo è necessario fermare l’inquinamento antropico ed il flusso di plastiche che continuano ad accumularsi nelle nostre acque sotto diverse forme. Tutti argomenti che abbiamo trattato molte volte e non ci stanchiamo di ripetere.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plastic-ocean.jpeg

Un lungo cammino  forse arrivato ad una pietra miliare
Nella risoluzione ONU 72/249 del 24 dicembre 2017, l’Assemblea generale aveva deciso di convocare una Conferenza intergovernativa, sotto l’egida delle Nazioni Unite, per elaborare il prima possibile il testo di uno strumento internazionale giuridicamente vincolante ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS), nello specifico sulla conservazione e l’uso sostenibile della diversità biologica marina delle aree al di fuori della giurisdizione nazionale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è indian-ocean-sperm-whales-shutterstock-wildestanimal.jpg

Il 5 marzo 2023 è stata una data storica. Al termine dell’ottava conferenza mondiale di Our Ocean, tenuta a Panama, sono stati firmati 341 accordi di impegno per un importo stimato di 19.978 milioni di dollari per la salvaguardia degli oceani.

Impegni che sembrano essere finalmente concreti da parte delle Nazioni e sono stati sottolineati poche ore dopo la conclusione dell’accordo da António Manuel de Oliveira Guterres, Segretario generale delle Nazioni Unite, con una dichiarazione trionfale: “Questa azione è una vittoria per il multilateralismo e per gli sforzi globali per contrastare le tendenze distruttive che affliggono la salute degli oceani, ora e per le generazioni a venire”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è plastic_in_the_ocean_infographic_final-1024x455.jpg

Già denominato “Trattato sull’alto mare“, il quadro giuridico che è stato approvato a Panama collocherebbe il 30% degli oceani del mondo in aree protette, destinando più denaro alla conservazione marina e regolamentando l’accesso e l’uso delle risorse genetiche marine.

Un passo avanti per poter affrontare in maniera condivisa la triplice crisi del nostro pianeta causata  dal cambiamento climatico, dalla perdita di biodiversità e dall’inquinamento. Questo trattato è in linea con gli obiettivi relativi agli oceani dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e del Quadro globale per la biodiversità di Kunming-Montreal che si propone di proteggere un terzo della biodiversità mondiale – terrestre e marina – entro il 2030, approvato alla  conferenza delle Nazioni Unite di Montreal lo scorso dicembre 2022.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è oceano-1024x576.jpgDi particolare importanza l’accordo raggiunto dai delegati della Conferenza intergovernativa sulla biodiversità marina delle aree al di fuori della giurisdizione nazionale, Marine Biodiversity of Areas Beyond National Jurisdiction (BBNJ), che sembra finalmente mettere un punto ad una questione iniziata nel 2004 e sempre rinviata.

Queste aree oceaniche, poste al di fuori delle giurisdizioni nazionali previste da UNCLOS, occupano il 61% degli oceani. Questo comporta che nell’incertezza, molti Paesi, tra l’altro tra i più industrializzati, da tempo stanno cercando più o meno legalmente di attingere alle risorse minerarie e biologiche di quelle aree: una depredazione incontrollata che se perseguita distruggerebbe gli oceani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è livorno--1024x669.jpg

Gutierrez ha sottolineato come questa decisione si basi sull’eredità della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS), significando un passo avanti ottenuto da tutte le parti che hanno dimostrato una giusta flessibilità e perseveranza. L’ambasciatrice Rena Lee, di Singapore, chairwoman della conferenza, ringraziando il sostegno critico delle organizzazioni non governative, della società civile, delle istituzioni accademiche e della comunità scientifica ha aggiunto con viva emozione che “la nave ha raggiunto il porto“.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Overfishing.jpg

Le delegazioni nazionali partecipanti hanno dedicato i due giorni di sessioni per concordare le numerose azioni volte a proteggere gli oceani dall’inquinamento marino, dalla crisi climatica e dall’acidificazione, per di garantire a tutti una gestione responsabile delle risorse marine, nonché una crescita economia sostenibile per tutti.

In breve, le sei linee d’azione su cui si è concentrata questa ottava conferenza sono state: Aree marine protette, sicurezza marina, economia blu, pesca sostenibile, cambiamento climatico e inquinamento marino.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è el-nino-2015-ocean-temperature-anomaly-pacific-ocean-1024x679.png

Cosa ci potremmo aspettare?
In attesa del verbale finale, basandoci sulle notizie trapelate, questo nuovo accordo dovrebbe garantire la protezione della biodiversità marina prevedendo:
– una rete globale e integrata di aree marine protette (AMP) che sosterrebbe la connettività ecologica, aiutando a preservare le specie animali e vegetali e gli ecosistemi. La restrizione delle attività umane in determinate aree ecologicamente o biologicamente significative è un sistema comprovato per prevenire il degrado ambientale. Un insieme di Hope Spot identificati scientificamente come fondamentali per la salute dell’oceano, gestiti da localmente e supportati, si spera, economicamente e scientificamente dall’ONU.

– Adozione di standard comuni per la valutazione dell’impatto ambientale con linee guida delle migliori pratiche (best practices) per una maggiore coerenza, certezza del diritto e l’attuazione di misure per proteggere l’ambiente marino.

–  L’equa condivisione dei benefici delle risorse genetiche marine, facilitando collaborazioni di ricerca tra scienziati, industria e Stati e fornendo procedure per l’accesso e la condivisione dei benefici di queste risorse.

– Non ultimo, favorire lo sviluppo ed il trasferimento delle capacità tecnologiche per una conservazione efficace della biodiversità. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è ocean-DSC_8988-1focused.png

Naturalmente l’attuazione dell’accordo richiederà accordi istituzionali adeguati, necessari per guidare, consigliare e valutare in modo indipendente i processi di VIA e AMP, supportati da un fondo globale per sostenere l’attuazione delle misure incluse nell’accordo.

Il lavoro non è quindi finito, anzi possiamo dire che è appena iniziato. In un mondo in cui i fantasmi del secolo scorso sono riapparsi minacciosi, il timore che questi bei propositi siano facilmente dimenticati purtroppo esiste  e gli oceani non possono più aspettare.

 

 

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 74 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

21 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »