Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

che tempo che fa

Per sapere che tempo fa

Per sapere che tempo fa clicca sull'immagine
dati costantemente aggiornati

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

  Address: OCEAN4FUTURE

OCEAN4FUTURE 2023: iniziando l’ottavo anno

tempo di lettura: 6 minuti

-.

livello elementare

.

ARGOMENTO: OCEAN4FUTURE
PERIODO: 2022
AREA: RESOCONTO
parole chiave:  OCEAN4FUTURE
.

Eccoci al consueto appuntamento di inizio anno in cui vi diamo un resoconto sulle attività del nostro portale.

Resoconto anno 2022
La nostra libreria ha ormai superato i duemilatrecento articoli pubblicati, tutti stampabili ed impiegabili ad uso didattico. Dal punto di vista gestionale abbiamo mantenuto lo spazio su disco presso il nostro provider di 40 Gb, necessario per l’altissimo volume di scambi ed evitare spiacevoli blocchi del sistema. Questo comporta un costo di gestione notevole che, fino ad oggi, continua ad essere onorato in gran parte dalla Redazione in quanto le donazioni sono purtroppo non sufficienti.

Sebbene si sia cercato di ottimizzare le uscite, alcune spese sono necessarie e non cancellabili, in particolare quelle relative alla sicurezza del sito (purtroppo lamentiamo circa 60 attacchi di spam giornalieri accompagnati da eventi più seri che talvolta hanno bloccato per qualche ora il sito). Un fastidio comune ai siti che hanno una grande diffusione e molti follower.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è O4F-2022.jpg

Ancora una volta il numero di accessi al portale (da un milione e 625.253 nei primi otto mesi del 2015 agli oltre 35 milioni del 2022) ha confermato la validità del nostro progetto educativo, inteso a condividere le nostre conoscenze dell’Universo Oceano.

Considerando che OCEAN4FUTURE non ha ancora la possibilità di pubblicizzarsi, non essendo di fatto una testata giornalistica (anche se ci stiamo lavorando grazie alla consulenza di giornalisti professionisti), la sua diffusione è ancora legata alla segnalazione delle uscite giornaliere sui social media, con l’intento di innescare un’importante passaparola tra i sempre più numerosi lettori.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è MUCEDOLA-SUB-2.jpg

Photo credit @Andrea Mucedola

Dal punto di vista statistico, si segnala l’importante continua crescita dei lettori negli Stati Uniti che si è assestata circa a 8% di quella italiana, seguita da quelli della Francia, Russia, India, Germania e Gran Bretagna, anche loro in costante aumento. In estrema sintesi, la diffusione al di là dei confini italiani si è assestata intorno al 16 per cento degli accessi totali. Questo interesse ha comportato un aumento dei collaboratori stranieri che sempre di più condividono liberamente le loro conoscenze sia con articoli che con materiale che ci viene inviato o segnalato. 

Perché oltre 60 persone si adoperano alla diffusione della cultura del mare?
La risposta è molto semplice; noi crediamo nell’importanza di rivalutare la marittimità e quindi la ocean literacy, intesa come comprensione del ruolo del mare sulla nostra vita, un fattore troppo spesso sottovalutato da una mentalità legata maggiormente al territorio. Una visione ristretta da molti punti di vista. Partendo dagli aspetti economici, la maggior parte dei commerci avvengono ancora per mare. Senza lo sfruttamento degli spazi marittimi le civiltà costiere non si sarebbero mai sviluppate e sarebbe venuto a mancare il motore principale del progresso umano. Il mare è stato per secoli veicolo di prosperità ma anche di scambio e arricchimento culturale.

Al di là di questi aspetti sociali, il mare è fondamentale per gli equilibri fisici del pianeta. Senza la sua funzione di termoregolazione le condizioni climatiche sarebbero tali da rendere inospitale per la nostra specie la sopravvivenza sul pianeta. Argomenti che abbiamo trattato spesso nei nostri articoli per sottolineare l’importanza di approcci condivisi e sostenibili per superare un trend negativo che ci potrebbe portare all’estinzione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è francesco-pacienza-1.jpg

Photo credit @ Francesco Pacienza

Lezioni acquisite
Nel 2022, abbiamo continuato a pubblicare articoli in quasi tutte le discipline connesse al mare. Curiosamente, basandoci sui benchmark, i lettori sembrano più interessati alla scienze ed alla storia piuttosto che alle emergenze ambientali che, in realtà, ci colpiscono direttamente. Ciononostante parlare di storia ci da la possibilità di affrontare temi che vanno oltre l’evento specifico e che hanno indotto, in alcuni ambienti, ad interessanti riflessioni.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è il-sognatore-1024x768.jpg

Photo credit @Andrea Mucedola

Didattica a distanza
Perseguendo le politiche del periodo COVID, abbiamo continuato a pubblicare articoli di ricerca/saggistica a scopo didattico. Con grande piacere i nostri articoli sono stati usati da docenti di scuole di ogni ordine e grado nella didattica a distanza come materiale di ricerca e siamo stati citati come riferimento in alcune tesi, significando che il nostro impegno di supporto agli studenti per la produzione dei loro elaborati è un dato di fatto. L’alleggerimento delle restrizioni causate dalla pandemia ci ha permesso di riallacciare rapporti importanti con Associazioni e Università. Importante la collaborazione con la Rivista marittima, l’Ufficio Storico della Marina militare italiana ed il CESMAR, per quanto concerne argomenti di geopolitica e storia.

Nel 2023, vogliamo allargare ancora di più le possibilità, interessando maggiormente i mass media e le Istituzioni. Ricordo che per prenotare le nostre conferenze potete inviare una mail a infoocean4future.org specificando l’argomento di interesse ed il periodo desiderato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è livorno-signed-1-1024x669.jpg

Photo credit @Andrea Mucedola

Perché c’è bisogno di parlare di ambiente marino 
I risultati del COP 27 sono stati deludenti. Non si è parlato compiutamente degli Oceani e le posizioni internazionali sono sempre state vaghe per gli stessi interessi nazionali da noi evidenziati nei nostri articoli passati. Interessante la posizione di WWF internazionale che ha riconosciuto l’importanza di collaborare con altri attori del mondo economico e politico per armonizzare gli sforzi comuni. La sicurezza marittima influisce sul regime dei mari e quindi sulla loro protezione.

Dopo un periodo sempre più caldo, le temperature dei mari hanno continuato a salire (avere in novembre 21 gradi a 30 metri di profondità in Sardegna fa pensare). Gli oceani hanno continuato ad immagazzinare calore e restituito fenomeni estremi che hanno incominciato ad interessare anche il Mare Mediterraneo. Tutto ciò lo ripagheremo sempre di più in futuro. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è from-the-blue-1024x608.jpg

Photo credit @Andrea Mucedola

Sebbene OCEAN4FUTURE abbia continuato la pubblicazione di articoli per condividere la cultura del mare, le migliaia di lettori che ci leggono quotidianamente sembrano essere più interessati al passato che al futuro.

Una curiosità
Stranamente, l’educazione ambientale sembra non essere di particolare interesse se non quando accade qualche evento catastrofico. L’attenzione sembra invece essere più rivolta alle scienze storiche ed all’attualità geopolitica. Per questo motivo, accogliendo le richieste dei lettori, abbiamo da tempo dedicato un giorno della settimana, il mercoledì, alla Geopolitica, con una particolare attenzione a quei fattori che influiscono sulla sicurezza marittima e la domenica alla Storia navale romana

In particolare, secondo i benchmark, gli articoli di storia navale e marittima hanno suscitato una grande attenzione tra i più giovani. Sebbene, come disse Gramsci, la Storia sia maestra  di vita, spesso non ha alunni, aggiungerei diligenti, perché a questi vengono inculcate nozioni assolute che negano la “verità storica” per affermare quella “del momento”, riducendo la capacità di analisi e valutazione degli studenti.

Un fenomeno che purtroppo colpisce ogni disciplina. Il discorso sarebbe lungo e sarebbe compito della scuola pubblica di instillare nelle menti dei giovani la discussione al fine di analizzare i dubbi di cui parlavo all’inizio, per poi risolverli con una didattica orientata ad una crescita interiore e sociale.

Un esempio pratico è l’educazione ambientale. E’ inutile dire ai giovani di non sporcare una spiaggia senza spiegargli il perché e, soprattutto, fargli capire che la sommatoria di questi comportamenti errati possono minare la nostra sopravvivenza. Non raramente abbiamo assistito ad “istruttori”, primi responsabili della formazione dei neo subacquei, accendersi una sigaretta dopo l’immersione per poi buttarla, spesso fumata a metà, in mare. Una triste indicazione che cattive abitudini di incivile educazione possono essere pericolosamente instillate nei più giovani favorendo futuri comportamenti sbagliati. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è gerbera-macro-signed-1024x681.jpg

Photo credit Andrea Mucedola

Questo è il motivo per cui è necessario parlare di ambiente, di scienze e di storia ma anche di attualità per aiutare a far crescere, al di là di ogni ideologia o interesse politico, le future generazioni. 

Grazie della vostra attenzione e a presto per un 2023 sempre più ricco di soddisfazioni, per il mare dal mare con il mare.

Andrea Mucedola
direttore Ocean4future
infoocean4future@gmail.com

immagine in anteprima photo credit @ Francesco Pacienza

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, pur rispettando la netiquette, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

Loading

(Visited 209 times, 1 visits today)
Share
5 1 vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
vedi tutti i commenti

Translate:

Legenda

Legenda

livello elementare
articoli di facile lettura

livello medio
articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile
articoli di interesse specialistico

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Miti e leggende del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia contemporanea
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video
Wellness - Benessere
 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
1 visitatori online
1 ospiti, 0 membri
Complessivo: 742 alle 21-09--2018 06:47 pm
Numero max di visitatori odierni: 16 alle 12:24 am
Mese in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Anno in corso: 53 alle 07-02--2024 03:01 am
Share
Translate »
0
Cosa ne pensate?x