Ocean for Future

Ultima Clock Widget

  • :
  • :

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Allarme mine navali in mar Nero?

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: SICUREZZA MARITTIMA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: MAR NERO
parole chiave: mine navali, diritto internazionale

 

Storicamente, le mine navali hanno sempre costituito una grave minaccia per il traffico marittimo sia per le unità militari che civili. Sebbene il loro impiego sia concentrato in determinate aree, che devono essere dichiarate per salvaguardare il traffico neutrale, le esperienze di questi ultimi tre decenni hanno dimostrato che i belligeranti non si sono mai fatti molti problemi per l’impiego di queste armi.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Explosion_of_WWII_mine_in_the_Baltic_Sea_in_May_2015.jpg

Stiamo vivendo con ansia la guerra in Ucraina attraverso le drammatiche immagini che mostrano la violenza di questi primi cinque giorni di guerra. Poco si dice che il conflitto ha avuto qualche episodio navale, non molto divulgato in quanto inerente per lo più lo sbarco delle forze anfibie russe di invasione e gli scontri tra unità minori ucraine e non precisate unità avversarie. Le notizie sono quindi frammentate e, in momenti di palese disinformazione, è sempre meglio tacere per evitare valutazioni non corrette. Una notizia di pochi giorni fa, di particolare gravità, è stata l’affondamento di un mercantile estone, sembrerebbe dirottato in un’area con presenza di mine.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è anadolu-agency-mina-mar-nero-.jpg

Un mare adatto all’impiego delle mine
Il Mar Nero è un mare ”chiuso” collegato con il Mediterraneo dallo stretto del Bosforo e quello dei Dardanelli, ovvero gli stretti del Mar Nero regolamentati dalla Convenzione di Montreux del 1936, secondo la quale la Turchia ne ha il completo controllo e, in caso di conflitto, ha il diritto di regolamentare il transito delle navi da guerra, riservandosi, nel caso, il blocco delle unità militari appartenenti ai Paesi coinvolti nel conflitto. In realtà, l’articolo 19 del trattato, permette alle unità appartenenti a potenze belligeranti che hanno base in tale bacino di tornarvi. Questo è il caso delle navi russe dislocate in Mediterraneo che hanno potuto tornare alla loro base, indipendentemente se appartenenti alla base di Tartus (Siria) o alla flotta del Mar Baltico. In passato le flotte belligeranti, durante la prima e la seconda guerra mondiale, posarono un numero considerevole di mine nelle acque costiere del Mar Nero, in particolare nella parte nord-occidentale della Crimea.

Come abbiamo appreso nelle ultime settimane, le rotte ed i porti nel settore nord-occidentale del Mar Nero sono economicamente importante, in particolare per il grande flusso di esportazioni di materie strategiche da e verso importanti porti come Odessa (Ucraina), Constanza (Romania), Varna e Burgas (Bulgaria). Un flusso che interessa anche le foci dei principali fiumi come il Danubio, il Dnepr, il Dnestr ed il Bug meridionale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è The-bathymetric-map-of-the-Black-Sea.png

Da un punto di vista delle batimetrie, le profondità sono inferiori a 100 metri dal Capo di Tarkhankut, in Crimea, alla foce del fiume Danubio e scendono solo a poche decine di metri lungo la costa per un tratto della costa rumena e bulgara. Profondità favorevoli quindi all’impiego sia di mine ormeggiate che da fondo. Inoltre sono zone spesso soggette a nebbie che possono ridurre di molto la visibilità e rendere complessa la navigazione in sicurezza in quanto anche applicando un servizio di vedetta, un mercantile o un’unità militare d’altura non è in grado di poter scoprire eventuali mine in superficie. In questo caso, oltre alla necessità di organizzare dei convogli, devono essere assicurate unità di contromisure mine che precedano il convoglio e lo guidino in sicurezza attraverso canali predeterminati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mine-russe-ormeggiate-seconda-guerra-mondiale.jpg

mine russe, 1920s. Fonte: Rossiyskaya Gazeta

Oltre alla minaccia per le attività commerciali della pesca, legate alla presenza di mine navali inesplose della prima e della seconda guerra mondiale, in questo frangente di guerra potrebbero essere state posate delle mine, un tipo di armamento ampiamente disponibili nei depositi russi e ucraini.   

Secondo Vpk-news.ru, 16 settembre 2015, le unità navali della flotta del mar Nero con il supporto dell’aviazione della Marina sarebbero in grado di posare più di 1.000 mine navali da 500 a 1.500 chilogrammi. Tra i tipi più moderni le mine MDM che possono essere posate a profondità fino a 120 metri contro i sottomarini avversari. Inoltre, gli arsenali russi hanno mantenuto mine obsolete ma ancora pericolose che possono essere posate a profondità di 1000 metri e più.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è UDM-2-.jpg

Mina da fondo MDM 2 esposta nella città di Khabarovsk (estremo oriente russo). Fonte: Rossiyskaya Gazeta

Un numero significativo di mine ancorate russe può essere utilizzato a profondità fino a 1.500 metri. Inoltre, in risposta alle mine CAPTOR americane, i Russi hanno disponibili le PMK-2, mine/siluri incapsulati che, quando attivati si dirigono verso il bersaglio autonomamente. Secondo Mosreg.ru. la Russia ha aumentato la produzione di mine navali dopo l’annessione illegale della Crimea nel 2014, migliorando le sue strutture industriali per la modernizzazione/costruzione di mine navali. Per quanto riguarda la marina ucraina non è nota la tipologia delle mine navali in dotazione ma è probabile che siano le stesse della marina sovietica.  

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è mdm-3-marin-arussa.jpg

mina navale MDM 3 russa – Fonte http://eng.ktrv.ru/

Va compreso che le mine navali, oltre ad essere delle armi subacquee estremamente costo efficaci (alto a capacità distruttiva a fronte di un basso costo per la produzione), hanno un potente effetto psicologico. Basterebbe solo la notizia della posa di mine di fronte ad un porto per causarne il suo blocco. Ciò causerebbe ingenti perdite economiche ed il blocco della navigazione marittima nell’area fino a quando non fossero prese adeguate contromisure.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è pROGETTO-127OO-RUSSO-.jpg

una nuova unità CMM russa, Kurbatov, Classe Alessandrit. La gamma di apparecchiature per le contromisure contro le mine (MCM) della nave include un sonar, veicoli subacquei filoguidati (ROV) e autonomi (AUV)

Esiste questa possibilità nella guerra navale attualmente in corso in Mar Nero?
In pochi giorni  questo è il quarto incidente al traffico mercantile (Banglar Samriddhi, colpito nel porto di Olvie, Crimea, il Millennial Spirit nave rumena in rotta verso Odessa,  il cargo turco Yasa Jupiter e il mercantile  giapponese Namura Queen ed ora la nave estone Helt), i  cui responsabili degli attacchi non sono stati ancora individuati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è helt-non-ocnfermata.jpg

foto non confermata dell’Helt in affondamento

È recentissima la notizia che un mercantile estone, l’Helt, battente bandiera di Panama, sia affondato al largo della città ucraina di Odessa a causa di una mina. Secondo quanto dichiarato alla Reuters da Igor Ilves, amministratore delegato della Vista Shipping Agency, con sede a Tallinn, due membri dell’equipaggio avrebbero trovato riparo su una zattera di salvataggio. Le ultime notizie danno il recupero anche di altri 4 membri dell’equipaggio. Nelle more di una conferma, sembrerebbe che la Marina russa avesse costretto la nave a deviare in una zona pericolosa in modo da poterla utilizzare come “scudo” e che la nave abbia attivato una mina navale.

Le speculazioni sull’affondamento dell’Helt possono essere molte: la nave potrebbe essere stata effettivamente su una zona minata (difensiva ucraina o offensiva  russa) per farla affondare e creare un impedimento del traffico o la causale rottura di un ormeggio di una mina ormeggiata che, essendo alla deriva, ha poi urtato lo scafo del mercantile. Ipotesi ancora più drammatica potrebbe essere un blocco voluto delle rotte del traffico mercantile con mine navali, creando quindi dei corridoi solo per le unità russe. Altra cosa se il minamento sia un’azione deliberata contro il traffico mercantile non belligerante … in questo caso si tratterebbe di qualcosa di più di una violazione al diritto internazionale. In ogni caso il rischio per il traffico è da considerarsi importante. 

Secondo l’articolo 6 XIII della Convenzione dell’Aja del 1907 è infatti assicurata la libertà di commercio tra Paesi neutrali e belligeranti a meno di commercio di materiali di guerra. Secondo la Dichiarazione di Londra del 1909, in caso di contrabbando di guerra, i belligeranti possono confiscare prodotti utili allo sforzo bellico dell’avversario. Ma, secondo il Protocollo I aggiuntivo dell’8 giugno 1977 alle Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949, relativo alla protezione delle vittime dei conflitti armati internazionali, nell’ambito delle azioni di soccorso, il materiale necessario alla sopravvivenza della popolazione civile non può essere incluso nelle liste di contrabbando.

Andrea Mucedola

originariamente pubblicato su DIFESAONLINE

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo

 

PAGINA PRINCIPALE

 

print
(Visited 569 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

26 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Climatologia
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
Materiali
Medicina
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Personaggi
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia della Terra
Storia Navale
Storia navale del Medioevo (post 476 d.C. - 1492)
Storia Navale dell'età antica (3.000 a.C. - 476 d.C,)
Storia navale dell'età moderna (post 1492 - oggi)
Storia navale della prima guerra mondiale (1914-1918)
Storia navale della seconda guerra mondiale (1939 - 1945)
Storia navale Romana
Subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »