If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La NATO che festeggia i 70 anni del suo College al centro delle crisi del gas e migranti

Reading Time: 6 minutes

.

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: EUROPA

parole chiave: NATO, Russia, Bielorussia

Il Segretario Generale della NATO Stoltenberg si è recato a Roma per festeggiare i 70 anni dalla fondazione del NATO Defence College. Il motto del College è “unitatem alentes” (promuovere l’unità) ed indica quale sia il compito dell’unica struttura accademica e centro di educazione di assoluta eccellenza per le migliori figure professionali della NATO: promuovere una mentalità e una cultura veramente transatlantiche contribuendo a creare l’importantissima “interoperabilità umana”.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nato-defence-colelge.jpg

Nel suo discorso nella Capitale Stoltenberg ha sottolineato come “Russia e Cina stanno attuando un’azione autoritaria contro l’ordine internazionale che si basa sulle regole” e che: “Il terrorismo brutale persiste, altre minacce stanno trasformando la nostra sicurezza (attacchi informatici e tecnologie dirompenti) senza dimenticare la sfida del cambiamento climatico”. Ha aggiunto che: “Queste sono sfide diverse, minacce diverse che hanno una cosa in comune che è la necessità per l’Europa e il Nord America di stare insieme”.

Ad oggi, quasi tutti gli alleati della NATO hanno aumentato le spese per la difesa e potenziato la prontezza delle proprie forze di difesa anche contro gli attacchi informatici e ibridi. Al loro vertice di giugno, i leader della NATO hanno deciso di fare ancora di più insieme attraverso il programma NATO 2030. Si tratta di un’agenda ambiziosa per la sicurezza futura che si propone sia di aumentare la prontezza militare sia di affinare il vantaggio tecnologico dell’Occidente democraticoInfatti, è palese come la NATO si stia impegnando per difendere l’ordine internazionale basato sulle regole approfondendo la cooperazione con paesi e organizzazioni che la pensano allo stesso modo in tutto il mondo e, per la prima volta, cercherà di mettere il cambiamento climatico al centro dell’agenda stessa.

Guardando a ponente dell’ Alleanza rimangono comunque alcuni dubbi soprattutto su quale siano i contorni della crisi nell’Europa dell’Est, e soprattutto cosa farà Mosca rispetto alle crisi con l’Ucraina e in Bielorussia. Inoltre, si ragiona su quali saranno le conseguenze della decisione tedesca di sospendere la costruzione /utilizzazione del gasdotto Nordstream 2 (che forse segna l’inizio della fine della dipendenza energetica dell’Europa dalla Russia).

La decisione tedesca di “sospendere” il gasdotto Nordstream 2 potrebbe essere solo la prima vera prova che Berlino sta agendo strategicamente come paese “traino” dell’UE (non è mai troppo tardi). Gli europei hanno urgente bisogno di riconsiderare qualsiasi politica che aumenti la dipendenza energetica dell’Europa dalla Russia, anche se ciò significa mancare gli obiettivi di emissione di carbonio. A parte gli “ambientalisti ad ogni costo dell’ ultima ora” molti qualificati analisti geopolitici sono convinti che sarebbe un suicidio europeo mettere a rischio la propria libertà semplicemente per raggiungere gli obiettivi sul cambiamento climatico, per quanto importanti essi siano.

Il presidente Putin userà sempre il potere che gli viene dato dall’Europa contro l’Europa stessa 
Il grande obiettivo strategico del Cremlino è quello di costringere gran parte dell’Europa orientale, compresi gli Stati baltici, a entrare in una nuova sfera di influenza russa. Ecco perché migliaia di migranti vengono usati come pedine umane e costretti verso il confine bielorusso con Polonia, Lituania e Lettonia. In aggiunta, la Bielorussia minaccia di interrompere le forniture di gas a gran parte dell’Europa orientale, i bombardieri nucleari russi volano lungo il Mare del Nord nel Canale della Manica e un test antisatellite russo (ASAT) avrebbe sparso detriti sulla traiettoria orbitale percorsa della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), mentre circa 90.000 truppe delle unità militari più esperte della Russia si radunano ai confini orientali e settentrionali dell’Ucraina.

Questa è la dottrina con cui Mosca applica simultaneamente “l’inganno” e “la disinformazione” insieme alle cosiddette “misure attive” per mantenere un’Europa profondamente disunita e debole, politicamente e militarmente sbilanciata. L’obiettivo immediato è impedire all’Ucraina di attraversare la “linea rossa”, tracciata dalla Russia, entrando formalmente nella NATO. Questo era lo scopo per cui nel settembre 2021 il Presidente Putin negava che l’Ucraina fosse mai stata uno stato indipendente e fosse quindi parte integrante della Russia (molto simile a quanto la Cina Popolare “dichiara” minacciando l’integrità della democratica Taiwan). E comunque, anche se il Presidente Biden ha recentemente dichiarato al Presidente Zelensky che l’adesione alla NATO è molto lontana, l’eventuale integrazione dell’Ucraina nell’Europa libera dovrebbe essere ora essere un obiettivo strategico e condiviso dagli Alleati. Forse Mosca si vede già in conflitto con l’Occidente e la sua modalità di azione prescelta è la disinformazione. È una strategia che combina la disinformazione, la destabilizzazione e l’inganno e che è condotta dai vertici dello stato russo per mezzo di numerosi “messaggi” supportati dalla minaccia dell’’uso della forza.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è gasdotto-nord-stream-2.jpg

Con l’arrivo dell’inverno e il freddo in Occidente, Mosca potrebbe pensare che non avrà mai un’opportunità migliore per sfruttare la dipendenza energetica. In effetti, c’è una fondata preoccupazione per la minaccia della Russia, e la sua alleata Bielorussia, di tagliare le forniture di gas a gran parte dell’Europa. Gli ultimi tentativi di Mosca di mettere pressione alla Commissione europea, al fine di far approvare il Nordstream 2 aumentando i prezzi del gas sul mercato, hanno dimostrato che la Russia non sarà mai un partner energetico affidabile. Se Berlino tornerà a fare si che la Germania debba fare ancora più affidamento sul gas russo (potrebbe ancora farlo) legherebbe non solo Berlino a Mosca ma anche gran parte del resto d’Europa. In queste ore parrebbe sempre più difficile per la Comunità Europea utilizzare il suo potere diplomatico ed economico per fare pressione sul Cremlino per impedire alla Bielorussia di trasformare i migranti disperati in pedine e che la Russia possa essere dissuasa dagli europei dal perseguire le sue più grandi ambizioni. Quindi, invece di concentrarsi sulla Bielorussia, l’UE dovrebbe dirigere la sua azione verso Mosca ed evitare di criticare i polacchi per come stanno affrontando una situazione per loro complicata, molto simile ma minore nei numeri, a quella dell’Italia nel Canale di Sicilia (ma non se ne parla…).

La minaccia di sanzioni dell’UE, anche sulle compagnie aeree che trasportano migranti a Minsk, è benvenuta, ma per certi aspetti aiuta la causa russa creando ancora più tensione con la Turchia (che continua il suo “gioco di interessi al di fuori delle regole di correttezza internazionale” forte della sua posizione di membro dell’Alleanza Atlantica fino al punto di utilizzare la compagnia di bandiera per trasportare i migranti siriani in Bielorussia). Allargando lo sguardo alla mappa dell’area ci si domanda se il presidente Putin, a questo punto, invaderà l’Ucraina? Naturalmente Mosca nega di avere intenzione di attaccare l’Ucraina sapendo che la minaccia della forza potrebbe essere sufficiente per costringere Kiev, profondamente incerta sulla reale forza del sostegno dei suoi “partner” europei, a desistere da ogni “sogno NATO”. Nonostante questo, Mosca, negli ultimi mesi, ha aumentato la presenza militare russa intorno ai confini orientali e settentrionali dell’Ucraina.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è nordstrema-1024x572.jpg

Comunque, la decisione sul Nordstream 2 potrebbe essere il primo segnale di un’Europa pronta ad alzare la posta, …  anche se la evidente dipendenza energetica dell’Europa dalla Russia sta portando Mosca a credere di avere gli europei “in crisi” per disaccoppiare potenzialmente gli Stati Uniti dai suoi alleati europei.

Concludendo e tornando al College della NATO, ricordo che furono la lungimiranza e la visione strategica del Generale Eisenhower, ad assegnare a questo istituto, dopo la Seconda Guerra Mondiale, il compito di preparare le leadership civili e militari dell’Alleanza. Da quando è stato fondato, il College ha fornito un contributo essenziale nel formare le generazioni di funzionari e dirigenti dei paesi membri, il cui capitale umano è una delle risorse per mantenere la NATO vitale, adatta ai tempi e ai mutevoli scenari nel contesto della sicurezza. Quanto precede nella considerazione che Eisenhower diceva che: “Avremo la pace anche se dovremo combattere per averla”… vedremo in futuro il “come” si dovrà combattere per la pace.

Giuseppe Morabito


Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
,

PAGINA PRINCIPALE

print
(Visited 44 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »