If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

  • No events

OCEAN4FUTURE

La conoscenza ti rende libero

su Amazon puoi trovare molti libri sulla storia del mare (ma non solo) e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

i 100 libri da non perdere

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti. Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile e che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo a raccoglierle con la speranza che la classe politica al di là delle promesse comprenda realmente l'emergenza che viviamo, ed agisca,speriamo, con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Cosa sta succedendo all’isola di La Palma alle Canarie?

Reading Time: 5 minutes

 

livello elementare

.

ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: DIDATTICA

parole chiave: Canarie, vulcano Cumbre Vieja di La Palma

 

La Palma è un’isola vulcanica oceanica situata sulla placca africana ed è attualmente, insieme a Tenerife, una delle più vulcanicamente attive delle Isole Canarie. Le immagini proposte dai media rendono un’idea parziale di quello che sta succedendo … in realtà quello che sta avvenendo potrebbe essere preludio di formazioni di tsunami la cui intensità è però da valutare.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è xvulcano-la-palma.jpg

In particolare, la mappatura geologica del vulcano Cumbre Vieja mostra che la distribuzione e l’orientamento delle bocche e delle dighe di alimentazione all’interno del vulcano si sono spostate da un sistema a tripla ad una singola spaccatura nord-sud. Questo potrebbe portare ad una possibile faglia di distacco sotto il fianco ovest del vulcano.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è copernico-satellite-la-palma.jpg

I satelliti hanno catturato nuove immagini mozzafiato dell’intensificarsi dell’eruzione vulcanica sull’isola spagnola di La Palma, evidenziando nuovi flussi di lava che si sono riversati in mare durante il fine settimana. L’eruzione vulcanica è stata accompagnata da massi di grandi dimensioni che rotola fuori dal cratere del vulcano Cumbre Vieja, dove parte del cono che si era formato dall’inizio dell’eruzione il 19 settembre è crollato il 9 ottobre, a seguito di numerose scosse di terremoto fino a 3,8 magnitudo da domenica. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è la-palma-volcano.pngIl collasso ha creato un flusso di lava con temperature fino a 1.240 gradi Celsius che si è poi riversato verso la costa, minacciando gli insediamenti abitati dell’isola,  molto più velocemente di quanto ci si aspettava (da 500 a 700 metri all’ora), raggiungendo poi il mare domenica 10 ottobre. Uno spettacolo terrificante che è stato ripreso da tutte le televisioni internazionali che hanno mostrato anche numerose immagini satellitari del fenomeno. Secondo i dati rilasciati dal Copernicus Emergency Monitoring Service dell’Unione Europea, dal 9 ottobre, almeno 1.186 edifici sono stati finora demoliti dal flusso della lava che ora copre quasi cinque chilometri quadrati di territorio.

L’Agenzia spaziale europea (ESA), che gestisce i satelliti Copernicus Sentinel per conto dell’Unione Europea, continua a monitorare la situazione. In particolare il servizio di monitoraggio ambientale sulla base dei dati di Copernicus, ha comunicato che i pennacchi di anidride solforosa del vulcano hanno prima attraversato l’Oceano Atlantico e raggiunto i Caraibi, ma ora si stanno spostando verso est sopra il Nord Africa, con un evidente pennacchio.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Sulphur_dioxide_concentrations_on_6_October_2021-1024x576.jpg

I sensori atmosferici sui satelliti possono identificare anche i gas e gli aerosol rilasciati dall’eruzione, e quantificare il loro impatto ambientale ad ampio raggio. Questa immagine del satellite Copernicus Sentinel-5P, del 6 ottobre mostra le emissioni di anidride solforosa in movimento sull’Oceano Atlantico verso l’America Centrale. Crediti: Copernicus Sentinel / Esa

Anche il satellite statunitense GOES East ha catturato la firma termica dell’eruzione in intensificazione dalla sua orbita a 22.000 miglia (36.000 chilometri) sopra la Terra, utilizzando il suo strumento di imaging ad infrarossi. Le ceneri si sono riversate sulla pista dell’aeroporto di La Palma causandone la chiusura per seconda volta a causa dell’accumulo di cenere dall’inizio dell’eruzione.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Sulphur_dioxide_concentrations_on_6_October_2021-1024x576.jpg

Più di 6.000 persone, tra cui centinaia di turisti, sono state evacuate dall’inizio dell’eruzione e tre villaggi costieri sono attualmente bloccati poiché i geologi temono che la lava bollente che si mescola con acqua di mare possa rilasciare gas tossici. L’eruzione, la prima per Cumbre Vieja dal 1971, era stata preceduta da oltre 20.000 lievi scosse della Terra nella settimana precedente l’apertura della prima fessura.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è skynews-volcano-split-comp_5543159-1024x576.jpg

Un fenomeno così importante che anche gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale hanno catturato immagini impressionanti dei pennacchi di fumo e cenere emessi dal vulcano da un angolo obliquo, fornendo una visione tridimensionale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vulcano-cumbre-da-stazione-internazionale.png

Il vulcano Cumbre Vieja in eruzione sull’isola di La Palma visto dalla Stazione Spaziale Internazionale in questa foto dell’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea Thomas Pesquet.. (Credito immagine: ESA/Thomas Pesquet)

Il pennacchio sta ora raggiungendo altitudini di tre chilometri, causando interruzioni intermittenti al traffico aereo locale e periodi di scarsa qualità dell’aria.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vulcano-la-palma-canarie-lava_in-mare.jpg

la lava ha ormai raggiunto il mare

I crolli laterali dei vulcani delle isole oceaniche si collocano tra gli eventi naturali più spettacolari della Terra e i detriti trovati sul fondo del mare testimoniano la loro ricorrenza negli ultimi tempi geologici. Nel 1964, Moore identificò per primo i resti di questi crolli sui fianchi delle Hawaii. Da allora, dozzine di frane laterali sono state riconosciute adiacenti ai vulcani in quasi tutti gli oceani. Le osservazioni hanno definito la frequenza dei crolli laterali, ma anche la loro entità (fino a 5000 km cubi di materiale), estensione (fino a 300 km di lunghezza) e velocità sott’acqua (fino a 140 m/s). Le prove geologiche di tsunami, causati da eruzioni, sono comunque controverse anche se storicamente ci sono evidenze di maremoti causati da crolli laterali vulcanici in ambienti ad arco insulare.

In particolare, il rischio di tsunami da collasso può essere particolarmente importante nell’Oceano Atlantico a causa del numero di isole oceaniche attive con almeno due vulcani con segni di incipiente instabilità.

L’evidenza geologica suggerisce che si potrebbe assistere ad un catastrofico crollo laterale del vulcano Cumbre Vieja di La Palma di circa 500 km cubi di materiale, che si riverserebbero in mare, correndo verso ovest per 60 km lungo il pendio, a 100 m/s.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è vulcano-canarie-la-palma.png

Evoluzione dello tsunami da frana di La Palma dopo due minuti (A, in alto a sinistra) a 9 ore (I, in basso a destra). I contorni rossi e blu coprono rispettivamente le regioni elevate e depresse dell’oceano e i punti e i numeri gialli campionano l’altezza dell’onda, positivo o negativo, in metri. Si noti la forte influenza della dispersione nel distendere un impulso originario in una lunga serie di onde di lunghezza d’onda decrescente. Vedi anche che le ampiezze di picco generalmente non coincidono con la prima onda. Anche dopo aver attraversato l’Atlantico, un collasso laterale del vulcano Cumbre Vieja potrebbe imporre una grande sequenza di onde di 10-25 m di altezza sulle coste delle Americhe

Secondo uno studio di Steven Ward dell’Institute of Geophysics and Planetary Physics dell’Università della California, intitolato Potential collapse and tsunami at La Palma, Canary Islands, si potrebbero generare delle onde dello tsunami da 10 a 25 metri che arriverebbero a distanze transoceaniche che colpirebbero gran parte del bacino atlantico con un’intensità proporzionale al volume delle frane.

Negli ultimi milioni di anni, dozzine di frane da crollo laterale di dimensioni paragonabili a quella attuale si sono riversate dalle isole vulcaniche nell’Atlantico e Ward ritiene che si dovrebbero ricercare tracce dei loro effetti per poter fare delle previsioni su eventi futuri.

.

Una sorpresa per te su Amazon Music unlimited   Scopri i vantaggi di Amazon Prime

 

Alcune delle foto presenti in questo blog possono essere state prese dal web, citandone ove possibile gli autori e/o le fonti. Se qualcuno desiderasse specificarne l’autore o rimuoverle, può scrivere a infoocean4future@gmail.com e provvederemo immediatamente alla correzione dell’articolo
.

PAGINA PRINCIPALE
print
(Visited 127 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della traduzione

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro, e la pubblicazione per qualunque utilizzo degli articoli e delle immagini pubblicate è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore degli stessi che può essere contattato tramite la seguente email: infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettetemi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

26 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Filter by Categories
archeologia
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
astronomia e astrofisica
Biologia
biologia e ecologia marina
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
Didattica a distanza
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
letteratura del mare
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
meteorologia e climatologia
Meteorologia e stato del mare
nautica e navigazione
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
scienze marine
Sicurezza marittima
storia
Storia della subacquea
storia della Terra
Storia Navale
subacquea
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

I più letti di oggi

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

> Per contatti di collaborazione inviate la vostra richiesta a infoocean4future@gmail.com specificando la vostra area di interesse
Share
Translate »